Economia

Come navigare nella nebbia dell’investimento sostenibile

di

investimento sostenibile

L’interesse per il cosiddetto investimento sostenibile è in aumento. Un segno è il denaro dato ai fondi comuni d’investimento, scrive il Wall Street Journal

È possibile quantificare i rischi ambientali, sociali e di governance? Con la notevole eccezione delle emissioni di carbonio, probabilmente no, ma ciò non significa che l’esercizio non sia utile agli investitori – scrive il WSJ.

L’interesse per i cosiddetti investimenti sostenibili è in aumento. Un segno è il denaro dato ai fondi comuni d’investimento: nella prima metà del 2020, secondo Morningstar, i flussi netti nei fondi sostenibili sono stati pari a 20,9 miliardi di dollari negli Stati Uniti, rispetto ai 21,4 miliardi di dollari del 2019, che a sua volta è stato quattro volte il record precedente per un anno solare.

I gestori di fondi che non sono specializzati in strategie ESG si stanno affannando a incorporarli nei loro quadri di investimento. Esiste un’industria consolidata dei rating di rischio, ma questi si presentano con un problema ben documentato: la correlazione tra i rating di diverse società dello stesso titolo è bassa perché misurano le performance in modo diverso. Un esempio è Tesla. MSCI valuta molto bene il produttore di auto elettriche per i suoi prodotti ecologici, mentre FTSE Russell gli attribuisce un punteggio mediocre per altri motivi. Questo tipo di confusione dà alle valutazioni ESG una reputazione di imprecisione.

Quantificare il rischio per i guadagni di una data preoccupazione è un’alternativa tagliente. Il fund manager londinese Schroders SDR ha sviluppato uno strumento, SustainEx, per dare valore alle “esternalità” di un’azienda – i costi non pagati della sua attività sostenuti dalla società. La logica è che la pressione si sta esercitando sulle aziende affinché si assumano una quota maggiore di questi costi, che l’anno scorso ha stimato in 2,2 trilioni di dollari, ovvero il 55% dei profitti aziendali a livello globale.

Per esempio, SustainEx vede il settore del tabacco come il più a rischio, visti i problemi di salute causati dal fumo. Il mercato è d’accordo: dopo molti anni di performance stellare del mercato azionario, le azioni del tabacco sono cadute in disgrazia dal 2017, quando la Food and Drug Administration statunitense ha rafforzato la sua posizione. Altre conclusioni, come il rischio sociale per i guadagni dei produttori di bevande alcoliche di alto livello come Diageo, sono più sorprendenti.

Un tale approccio ha il vantaggio di colmare il divario tra l’analisi ESG e l’analisi delle scorte convenzionali, che ruota attorno alle stime dei guadagni. Alcune aziende hanno compiuto sforzi simili: Il marchio di abbigliamento sportivo Puma ha pubblicato un’indagine su quanto costano i suoi prodotti all’ambiente per quasi un decennio. Il produttore di yogurt Danone quest’anno ha iniziato a riportare gli utili per azione corretti per la sua impronta di carbonio.

In definitiva, però, mettere un numero sui rischi ESG non è così diverso dall’emissione di un rating qualitativo. Schroders ha utilizzato gli studi accademici per stimare i costi nel modo più oggettivo possibile, ma un altro investitore potrebbe confezionare lo stesso o altri studi in modo diverso ed elaborare numeri diversi.

“Sarebbe bello avere la comparabilità, ma spesso le cose non sono comparabili”, dice Alex Edmans, professore di finanza alla London Business School e autore di “Grow the Pie”: How Great Companies Deliver Both Purpose and Profit”. Di solito preferisce un quadro basato su principi generali a un approccio quantitativo.

Il vero vantaggio di SustainEx per Schroders, che in precedenza utilizzava i rating MSCI, è che avere un sistema interno permette di integrare meglio i fattori ESG nei processi esistenti. “Stiamo cercando di aiutare i nostri investitori a pensare in modo diverso gli ingredienti che entrano in una decisione di investimento”, dice Andy Howard, responsabile globale degli investimenti sostenibili di Schroders.

Un’area in cui i rischi ESG possono essere facilmente confrontati è quella delle emissioni di carbonio ritenute responsabili del cambiamento climatico, un problema che negli ultimi anni ha rapidamente aumentato l’agenda politica. I programmi più severi di carbon cap-and-trade, in particolare, potrebbero cristallizzare i rischi per i guadagni identificati in modelli come SustainEx. In mezzo alla confusione su come affrontare i fattori ESG, il confronto delle impronte di carbonio delle aziende è un buon punto di partenza.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati