Economia

Intesa Sanpaolo-Ubi Banca, ecco chi spinge in silenzio sull’Ops

di

Intesa Sanpaolo semestre

Intesa Sanpaolo-Ubi Banca è l’operazione di sistema per eccellenza. Ecco perché. Il commento del giornalista economico e finanziario Andrea Montanari,t ratto dal suo profilo Facebook

 

Intesa-Ubi Banca è l’operazione di sistema per eccellenza. L’intervento dell’Antitrust è notevole, seppure probabilmente dovuto visto il forte radicamento territoriale nel Nord Italia.

Però nell’ops sono coinvolti tutti i principali operatori del settore finanziario (bancario e assicurativo) italiano. quindi un suo eventuale stop avrebbe un impatto rilevante sul mercato.

Ciò perché Mediobanca è advisor dell’offerta e sono coinvolte anche Bper (prenderebbe sportelli in eccesso) e il suo azionista di riferimento UnipolSai, secondo gruppo assicurativo italiano alle spalle di Generali, il cui primo socio è proprio Mediobanca.

Ma se ci ricordiamo bene un paio d’anni fa la stessa Intesa aveva elaborato un progetto di aggregazione con il Leone di Trieste: progetto abortito perché venne anticipato dalla Stampa (con la S maiuscola).

Ma non si può certo dimenticare che di recente la stessa UnipolSai ha rilevato quasi il 2% di Mediobanca – operazione finanziaria è stato detto ma non certo di secondo livello – che continua a non cedere parte del 13% detenuto in Generali.

E non può certo essere trascurato l’aspetto che presidente di Ubi è Letizia Moratti, già sindaco di Milano – qualcuno nel Centrodestra le chiederebbe un nuovo impegno civico e politico per il 2021 -, esponente di una della famiglia più agiate e influenti della città dove ha sede Intesa Sanpaolo e il suo socio Fondazione Cariplo.

Senza poi tralasciare il fatto che Giovanni Bazoli seppure non coinvolto direttamente nella partita è stato l’anima di Intesa e pur di Ubi (senza ruoli) e da bresciano doc sogna da sempre questa integrazione. Forse anche per dare un segnale forte ai soci bergamaschi, quelli più restii all’Ops Intesa-Ubi e forse più propensi all’ingresso in scena del Crédit Agricole che, però, come ha già dichiarato l’ad di Intesa, Carlo Messina, darebbe un segnale di ostilità al Paese e al mercato creditizio. Sempre che ai francesi ciò importi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati