skip to Main Content

Intesa Sanpaolo, tutti i dettagli sull’accordo sul personale

Intesa Sanpaolo

Ecco i testi integrali dell’accordo tra sindacati dei bancari e i vertici di Intesa Sanpaolo sul personale

 

Accordo fatto in Intesa Sanpaolo sul personale.

Entrate e uscite di personale in Intesa Sanpaolo, c’è accordo tra il gruppo bancario guidato dall’amministratore delegato, Carlo Messina, e i sindacati. Ecco tutti i dettagli.

ACCORDO SINDACALE IN INTESA SANPAOLO SUL PERSONALE

Intesa Sanpaolo assumerà altri 1.100 giovani con contratto a tempo indeterminato a fronte di 2mila uscite di personale. È quanto in sintesi è stato stabilito nell’accordo siglato ieri sera con Fabi, First, Fisac, Uilca e Unisin.

USCITE ED ENTRATE PER INTESA SANPAOLO SECONDO L’ACCORDO

I nuovi ingressi saranno preceduti da 2mila uscite che avverranno con pensionamenti, prepensionamenti attraverso il Fondo di solidarietà, quota 100 e opzione donna entro il 2025, come si legge nel testo dell’intesa.

I DETTAGLI DELL’ACCORDO

La nuova possibilità di esodo riguarda chi maturerà i requisiti di qui al 31 dicembre del 2028, anche in previsione del nuovo piano industriale. Come si legge nella premessa dell’accordo, Intesa Sanpaolo, che aveva già posto le persone e il digitale quali fattori chiave abilitanti del Piano d’impresa 2018-2021, «intende proseguire nella trasformazione intrapresa che ha consentito di confermare la leadership in Italia e di ampliarla a livello europeo». Tenuto conto dell’impatto che la digitalizzazione ha avuto e continuerà ad avere in termini di riqualificazione e riconversione professionale, le parti hanno condiviso la scelta «di procedere a nuove assunzioni a fronte di possibili ulteriori uscite volontarie che possano rappresentare ancora una volta una valida alternativa volontaria alla riqualificazione e riconversione professionale».

LE PAROLE DEL VERTICE DI INTESA SANPAOLO

«I giovani che entreranno con questo ulteriore accordo porteranno nuove energie e competenze per costruire la banca del futuro – commenta Paola Angeletti, chief operating officer Intesa Sanpaolo -. Abbiamo uno dei più grandi piani di ricambio generazionale in Italia, che si aggiunge ai programmi di formazione continua per adeguare le competenze dei colleghi alle nuove esigenze del mercato. Anche in questa occasione il lavoro congiunto con le organizzazioni sindacali ha portato risultati concreti in termini di tutela e crescita dell’occupazione. In un momento di ripartenza per l’economia Intesa Sanpaolo dà un ulteriore segnale positivo al Paese, soprattutto ai giovani».

IL BILANCIO SECONDO IL SOLE 24 ORE

Questo accordo segue e si aggiunge ai due accordi legati all’ingresso di Ubi nel gruppo – ha calcolato il Sole 24 Ore – che hanno portato a 7.200 uscite e 3.500 assunzioni da fare entro il 2024. Il contatore delle uscite di questi ultimi due anni sale così a 9.200, mentre quello dei nuovi ingressi a 4.600.

+++

ECCO I TESTI INTEGRALI DELL’ACCORDO

In Milano, in data 16 novembre 2021

tra

Intesa Sanpaolo p.A., anche nella qualità di Capogruppo

e

 

le Delegazioni di Gruppo di Intesa Sanpaolo di FABI, FIRST/CISL, FISAC/CGIL, UILCA e UNISIN premesso che

  • la digitalizzazione sia della domanda di servizi/prodotti da parte della clientela sia dell’offerta dei medesimi da parte delle aziende, non solo a seguito dell’impulso dovuto al periodo di pandemia, sta determinando un forte cambiamento sia del mercato che del settore;
  • ISP – che aveva già posto le persone e il digitale quali fattori chiave abilitanti del Piano d’impresa 2018-2021 di prossima scadenza – intende proseguire nella trasformazione intrapresa che ha consentito di confermare la leadership in Italia e di ampliarla a livello europeo;
  • tenuto conto dell’impatto che la digitalizzazione ha avuto e continuerà ad avere in termini di riqualificazione/riconversione professionale richiesta alle persone del Gruppo, fermo il già condiviso programma di assunzioni di giovani dei prossimi anni (n. 3.500 da realizzare entro giugno 2024) le SS. e ISP hanno valutato di procedere a nuove assunzioni a fronte di possibili ulteriori uscite volontarie che possano rappresentare ancora una volta una valida alternativa volontaria alla riqualificazione/riconversione professionale;
  • alla luce di quanto precede, nel riconfermare la centralità delle persone e l’attenzione alle esigenze dei colleghi nonché nel ribadire che la valorizzazione e la motivazione delle persone passa anche attraverso la ricerca di punti di equilibrio tra vita professionale e vita privata, le Parti si sono incontrate con l’obiettivo di individuare le modalità ed i criteri per dare corso a nuove assunzioni e nuove uscite volontarie per pensionamento o accesso al Fondo di Solidarietà da parte del personale del Gruppo ISP, ferma l’efficacia dell’accordo 29 settembre 2020 come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020 per tutto il personale che vi ha aderito, inclusi i dirigenti;

si conviene quanto segue:

  1. le premesse formano parte integrante e sostanziale del presente accordo;
  2. le Parti con il presente accordo intendono prevedere nuove assunzioni per favorire buona occupazione e definire nel contempo un piano di uscite volontarie del personale;

 

3.  POLITICHE ATTIVE PER L’OCCUPAZIONE E SOLIDARIETA’ GENERAZIONALE

 

Al fine di perseguire una gestione equilibrata degli effetti derivanti dalle uscite previste dal presente accordo in attuazione di quanto stabilito in premessa, le Parti condividono di procedere a nuove assunzioni per supportare la crescita del Gruppo ISP e le nuove attività: a tal fine saranno realizzate proporzionalmente sino a 1.000 assunzioni a tempo indeterminato al raggiungimento di sino a 2.000 uscite volontarie realizzate in applicazione del presente accordo, con conferma del rapporto di una assunzione ogni due uscite.

 

Fermo quanto precede e tenuto conto delle assunzioni già realizzate in applicazione dell’accordo 29 settembre 2020, il numero complessivo di assunzioni che saranno perfezionate entro il 31 dicembre 2025 sarà di 4.600 a fronte del raggiungimento di 2.000 uscite volontarie valide ai sensi del presente accordo e delle 7.200 uscite volontarie già validamente ricevute ai sensi dell’accordo 29 settembre 2020.

 

Le nuove assunzioni saranno realizzate entro il 30 giugno 2025, avendo attenzione anche al supporto alla Rete, alle zone svantaggiate del Paese ed al Mezzogiorno, valutando anche, in conformità alle previsioni dell’art. 31 comma 6 del CCNL 31 marzo 2015 come rinnovato con l’accordo del 19 dicembre 2019, le posizioni dei lavoratori collocati nella Sezione Emergenziale del Fondo di Solidarietà di Settore.

 

4.  USCITE VOLONTARIE

 

Al fine di gestire al meglio l’attuale quadro d’insieme delineato in premessa, le Parti condividono che saranno previste un massimo di 2.000 uscite volontarie per pensionamento o accesso alle prestazioni straordinarie del “Fondo di solidarietà per il sostegno del reddito, dell’occupazione e della riqualificazione professionale del personale del credito” (di seguito Fondo di Solidarietà) di cui all’art. 5, comma 1, lett. b) del Decreto Interministeriale del 28 luglio 2014 n. 83486 e successive modifiche ed integrazioni.

 

A tale proposito le Parti hanno condiviso che l’offerta – come di seguito declinata – è rivolta a tutto il personale, compresi i Dirigenti, dipendente delle società italiane del Gruppo ISP che applicano il CCNL Credito riportate nell’allegato 1 al presente accordo nonché al personale destinatario degli Accordi 12 marzo 2019 e 28 novembre 2019 sottoscritti da UBI Banca e UBI Sistemi e Servizi e dalle rispettive OO.SS. relativi alle cessioni di attività e risorse rispettivamente a G.S.D. Gestione Servizi Digitali S.r.L. ed a BCube Service SRL, in applicazione della specifica lettera a latere del suddetto Accordo 12 marzo 2019 nonché dell’art. 9 dell’ Accordo 28 novembre 2019.

 

a)  PERSONALE CHE HA MATURATO O MATURERA’ IL REQUISITO PENSIONISTICO

ENTRO IL 31 DICEMBRE 2023

 

Il personale che abbia già maturato i requisiti di pensionamento o che li maturi entro il 31 dicembre 2023 e che non abbia già presentato richiesta valida di risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi degli accordi 29 maggio 2019 e 29 settembre 2020, come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020, potrà volontariamente richiedere il pensionamento facendo pervenire all’Azienda l’apposito modulo di adesione (allegato A) entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il personale, per risolvere il proprio rapporto di lavoro al 28 febbraio 2022 ovvero, se successivo, all’ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del trattamento pensionistico dell’A.G.O., senza ricorso alle prestazioni straordinarie del Fondo di Solidarietà, attesi l’impossibilità di accesso o il limitato periodo per cui potrebbe fruirne.

 

Al personale che richieda il pensionamento volontario ai sensi del presente paragrafo sarà erogata una somma equivalente all’indennità di mancato preavviso nella misura stabilita per la risoluzione del rapporto di lavoro prevista dall’art. 77 lett. b) del CCNL 31 marzo 2015 come rinnovato con l’accordo 19 dicembre 2019 ovvero dall’art. 26 comma 1, lettera b) del CCNL 13 luglio 2015 per i Dirigenti, da erogarsi a titolo di trattamento aggiuntivo/integrazione al TFR.

 

Nel caso in cui il modulo di richiesta volontaria di pensionamento pervenga entro e non oltre la data del 24 dicembre 2021 tale somma sarà incrementata di due dodicesimi della RAL.

 

b)   PERSONALE CHE MATURERA’ IL REQUISITO PENSIONISTICO TRA 1° GENNAIO 2024 ED IL 31 DICEMBRE 2024

 

Il personale che maturerà i requisiti di pensionamento tra il 1° gennaio 2024 ed il 31 dicembre 2024 e che non abbia già presentato richiesta valida di risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi degli accordi 29 maggio 2019 e 29 settembre 2020, come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020 potrà, alternativamente:

 

  1. risolvere consensualmente il rapporto di lavoro all’ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del trattamento pensionistico dell’A.G.O. facendo pervenire all’Azienda l’apposito modulo di adesione (allegato B) entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il

 

A detto personale sarà erogata una somma equivalente all’indennità di mancato preavviso nella misura stabilita per la risoluzione del rapporto di lavoro prevista dall’art. 77 lett. b) del CCNL 31 marzo 2015 come rinnovato con l’accordo 19 dicembre 2019 ovvero dall’art. 26 comma 1, lettera b) del CCNL 13 luglio 2015 per i Dirigenti, da erogarsi a titolo di trattamento aggiuntivo/integrazione al TFR.

 

Nel caso in cui il modulo di richiesta volontaria di pensionamento pervenga entro e non oltre la data del 24 dicembre 2021 tale somma sarà incrementata di due dodicesimi della RAL.

 

  1. accettare l’“offerta al pubblico” formulata, ai sensi dell’art. 1336 c.c., da ciascuna Società datore di lavoro per risolvere consensualmente ed in maniera irrevocabile – senza oneri di preavviso a carico di ciascuna delle parti – il rapporto di lavoro alla scadenza che verrà comunicata dalla Società stessa, secondo le modalità e con applicazione delle previsioni di seguito indicate al paragrafo c), per accedere volontariamente al Fondo di Solidarietà dal giorno successivo alla risoluzione del rapporto di lavoro facendo pervenire all’Azienda l’apposito modulo di adesione (allegato C) entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il

 

c)  PERSONALE CHE MATURERA’ IL REQUISITO PENSIONISTICO TRA IL 1° GENNAIO 2025 ED ENTRO IL 31 DICEMBRE 2028

 

Il personale che matura i requisiti stabiliti dalla legge per la pensione anticipata o di vecchiaia e/o comunque per i trattamenti pensionistici dell’A.G.O. tra il 1° gennaio 2025 ed entro il 31 dicembre 2028 e che non abbia già presentato richiesta valida di risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi degli accordi 29 maggio 2019 e 29 settembre 2020, come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020, potrà volontariamente accettare l’“offerta al pubblico” formulata, ai sensi dell’art. 1336 c.c., da ciascuna Società datore di lavoro per risolvere consensualmente ed in maniera irrevocabile – senza oneri di preavviso a carico di ciascuna delle parti – il rapporto di lavoro alla scadenza ultima del 31 marzo 2025 o altra data antecedente che verrà comunicata dalla Società stessa per accedere volontariamente al Fondo di Solidarietà dal giorno successivo alla risoluzione del rapporto di lavoro facendo pervenire l’apposito modulo di adesione (allegato C) secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il personale.

 

Detto modulo dovrà essere dall’interessato fatto pervenire all’Azienda entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente portate a conoscenza di tutto il personale.

 

Al fine di rendere sostenibili le uscite volontarie e di garantire una programmazione adeguata alle esigenze di continuità aziendali e di presidio del business, è in facoltà della Società datore di lavoro anticipare – rispetto al termine del 31 marzo 2025 – il termine di risoluzione e di cessazione del rapporto di lavoro ad una delle seguenti date: 30 giugno e 31 dicembre 2022, 31 dicembre 2023, 31 marzo, 30 giugno e 31 dicembre 2024 fermo restando che, al ricorrere di tale evenienza, la Società datore di lavoro resta impegnata a far pervenire all’interessato apposita comunicazione scritta indicativamente 30 giorni prima della data finale del rapporto di lavoro.

 

Le date del 30 giugno e 31 dicembre 2022 potranno essere adottate dall’Azienda per le cessazioni del rapporto di lavoro per accesso al Fondo di Solidarietà per il personale che abbia aderito all’”offerta al pubblico” ai sensi del paragrafo 4. b) sub b) del presente accordo e che matura il requisito pensionistico entro il 31 dicembre 2024.

 

Al personale che accede al Fondo di Solidarietà con fruizione delle prestazioni in forma rateale ai sensi del presente paragrafo:

 

  • per quanto attiene all’assistenza sanitaria integrativa, in quanto già iscritto al Fondo sanitario integrativo del Gruppo Intesa Sanpaolo, verrà garantito il mantenimento dell’iscrizione fino al mese precedente a quello in cui l’interessato percepirà il trattamento di pensione dall’A.G.O. alle stesse condizioni di contribuzione (sia per la parte a carico del dipendente sia per la parte a carico dell’Azienda) in essere tempo per tempo per il personale in servizio;

 

  • per quanto attiene alla previdenza complementare aziendale:

 

  • in quanto iscritto a forme di previdenza complementare a contribuzione definita, verrà riconosciuto, a titolo di trattamento aggiuntivo/integrazione al TFR, l’importo complessivo che sarebbe spettato conservando l’iscrizione al Fondo pensioni calcolato come valore attuale (in base al tasso ufficiale di riferimento vigente alla data di sottoscrizione del presente Accordo, pari allo 0,0%) del contributo aziendale mensile di cui agli ordinamenti vigenti alla data di sottoscrizione del presente accordo per i Fondi di previdenza complementare, riferito all’ultima retribuzione ordinaria di spettanza (incluso l’eventuale “ristoro” previsto dall’accordo ISP 2 ottobre 2010), moltiplicato per il numero dei mesi attualmente previsto, nei confronti di ciascuno degli interessati, per l’erogazione dell’assegno straordinario di sostegno al reddito;

 

  • in quanto iscritto a forme di previdenza a prestazione definita, nel periodo di adesione al Fondo di solidarietà non è prevista alcuna erogazione integrativa all’assegno straordinario, ferma restando la validità di detto periodo per il calcolo del trattamento complementare, da erogare individualmente al momento del pensionamento;

 

  • saranno garantite le condizioni bancarie e creditizie agevolate tempo per tempo in essere a favore del personale in servizio, sino alla data di fruizione del trattamento di pensione G.O.

 

d) PERSONALE CHE ESERCITA L’OPZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIRITTO A PENSIONE CON LA COSIDDETTA “QUOTA 100”

 

Il personale, che non abbia già presentato richiesta valida di risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi degli accordi 29 maggio 2019 e 29 settembre 2020, come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020 e che manifesti la volontà di accedere al pensionamento esercitando l’opzione per la maturazione del diritto a pensione con la cosiddetta “quota 100”

 

ai sensi dell’art. 14 della Legge 26/2019, potrà risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro alla data del 28 febbraio 2022, ovvero, se successivo, all’ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del trattamento pensionistico dell’A.G.O. facendo pervenire all’Azienda l’apposito modulo di adesione (allegato D) entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il personale.

 

Al personale che richieda il pensionamento volontario ai sensi del presente paragrafo sarà erogata a titolo di trattamento aggiuntivo/integrazione al TFR una somma equivalente all’indennità di mancato preavviso nella misura stabilita per la risoluzione del rapporto di lavoro prevista dall’art. 77 lett. b) del CCNL 31 marzo 2015 come rinnovato con l’accordo 19 dicembre 2019 ovvero dall’art. 26 comma 1, lettera b) del CCNL 13 luglio 2015 per i Dirigenti, cui sarà aggiunto un importo calcolato sulla base del numero di mesi intercorrenti tra il mese di cessazione (non conteggiato) ed il mese in cui maturerebbe il requisito di 42 anni e 10 mesi di contribuzione utile alla maturazione del requisito di pensione anticipata (41 anni e 10 mesi per le donne), ovvero il requisito di vecchiaia ove antecedente (requisiti calcolati in base alla normativa vigente alla data di sottoscrizione dell’Accordo), in particolare sarà riconosciuto:

  • 1,5% della RAL per ogni mese compreso tra il 7° e il 18°;
  • 2% della RAL per ogni mese a partire dal 19°.

Ai fini di quanto sopra la frazione di mese verrà considerata mese intero.

 

L’importo complessivo erogato, che tiene conto anche della somma equivalente dell’indennità

di mancato preavviso, non potrà comunque essere superiore al 75% della RAL.

 

Nel caso in cui il modulo di richiesta volontaria di pensionamento pervenga entro e non oltre la data del 24 dicembre 2021 tale somma sarà incrementata di due dodicesimi della RAL.

 

e)  PERSONALE CHE ESERCITA L’OPZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DEL DIRITTO A PENSIONE CON LA COSIDDETTA “OPZIONE DONNA”

 

Il personale femminile che non abbia già presentato richiesta valida di risoluzione del rapporto di lavoro ai sensi degli accordi 29 maggio 2019 e 29 settembre 2020, come integrato dal verbale di accordo 18 novembre 2020 e che manifesti la volontà di accedere alla pensione anticipata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo, ai sensi dell’art. 16 del D.L 4/2019 convertito dalla Legge 26/2019 e successive modifiche, (c.d “opzione donna”), potrà risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro al 28 febbraio 2022 facendo pervenire all’Azienda l’apposito modulo di adesione (allegato E) entro e non oltre la data del 31 gennaio 2022 secondo le modalità che saranno successivamente comunicate a tutto il personale.

 

Al personale che richieda il pensionamento volontario ai sensi del presente paragrafo sarà riconosciuto un importo omnicomprensivo lordo pari al 75% della RAL, da erogarsi a titolo di trattamento aggiuntivo/integrazione al TFR.

 

Nel caso in cui il modulo di richiesta volontaria di pensionamento pervenga entro e non oltre la data del 24 dicembre 2021 tale somma sarà incrementata di due dodicesimi della RAL.

 

f)   GRADUATORIA

 

Nel caso in cui le domande di pensionamento o accesso al Fondo di Solidarietà risultassero superiori al numero di 2.000 sarà redatta una graduatoria unica a livello di Gruppo, sulla base della data di maturazione del diritto a pensione, ed a parità della data di maturazione del diritto in ragione della maggiore età anagrafica. A tal fine si precisa che per le  richieste di

 

pensionamento sarà considerato il diritto pensionistico in forza del quale si aderisce alle previsioni del presente accordo e per l’accesso al Fondo di Solidarietà sarà considerato il primo requisito utile per l’accesso allo stesso.

 

Nelle graduatorie sarà data priorità:

  • ai titolari delle previsioni ex art. 3, comma 3 della 104/1992 per sé;
  • al personale disabile con percentuale di invalidità non inferiore al 67%;

 

con la precisazione che:

  • la titolarità delle previsioni ex art. 3, comma 3 della L. 104/1992 per sé deve risultare alla data di presentazione della domanda di adesione al pensionamento o di accettazione dell’“offerta al pubblico”;
  • la disabilità non inferiore al 67% deve risultare alla data di presentazione della domanda

di adesione al pensionamento o di accettazione dell’“offerta al pubblico”;

  • l’eventuale riscatto e/o ricongiunzione di periodi contributivi che consente la “maturazione del diritto” sopra definita dovrà risultare già richiesto alla data di presentazione della domanda di adesione al pensionamento o di accettazione dell’“offerta al pubblico” e dovrà essere interamente perfezionato entro 31 maggio 2022, a cura del dipendente, pena la decadenza dalla graduatoria stessa con il requisito che ne teneva conto.

 

g) ULTERIORI PREVISIONI

 

Con riferimento a tutte le tipologie di adesioni di cui al presente Accordo, in via preventiva rispetto alla risoluzione del rapporto di lavoro, le Parti confermano la sottoscrizione di un Verbale di Conciliazione individuale in sede sindacale attestante la risoluzione volontaria del rapporto di lavoro alle date come sopra definite, anche al fine di assolvere agli obblighi derivanti dalla normativa di legge in materia di risoluzione volontaria del rapporto di lavoro.

 

Sino al permanere del contesto legato all’emergenza COVID-19, le Parti confermano che si procederà con le modalità previste dall’Accordo ISP 21 aprile 2020 tramite una risoluzione consensuale tra le parti formalizzata attraverso scrittura privata sino alla ripresa delle consuete procedure.

 

Le Parti si danno atto che il calcolo della maturazione dei requisiti pensionistici viene effettuato sulla base della normativa previdenziale vigente alla data di sottoscrizione del presente Accordo e confermano che, qualora il computo delle aspettative di vita producesse una riduzione o un allungamento della permanenza nel Fondo di Solidarietà, le Parti Nazionali di Settore si attiveranno affinché gli ex dipendenti che ne sono interessati non abbiano interruzione tra le prestazioni straordinarie erogate dal Fondo e il percepimento della pensione, con accollo dell’eventuale relativo onere all’Azienda. Al contempo, in caso di eventuali modifiche di legge in materia di accesso alla pensione A.G.O. ovvero di altre forme di previdenza di base, le parti firmatarie del presente accordo si incontreranno per dare puntuale applicazione ai provvedimenti assunti al riguardo.

 

Per effetto di quanto previsto nel presente accordo, con riferimento all’Accordo ISP del 1° aprile 2020 ed a quanto previsto relativamente al trasferimento del cd. “TFR pregresso” dall’accordo 14 aprile 2021, le Parti stabiliscono che la richiesta di trasferimento potrà essere avanzata anche da parte del personale dipendente che maturi il primo tra i requisiti stabiliti dalla legge per i trattamenti pensionistici dell’A.G.O. entro il 31 dicembre 2028.

 

Dichiarazione dell’azienda

 

In relazione alla specifica richiesta delle OO.SS. l’azienda accoglierà nel corso del mese precedente alla risoluzione del rapporto di lavoro:

  • le domande di ripristino del contratto a tempo pieno formulate dal personale a part time che intende accedere al Fondo di Solidarietà,
  • la riassunzione del personale destinatario degli Accordi 12 marzo 2019 e 28 novembre 2019 sottoscritti da UBI Banca e UBI Sistemi e Servizi e dalle rispettive OO.SS. relativi alle cessioni di attività e risorse rispettivamente a S.D. Gestione Servizi Digitali S.r.L. ed a BCube Service SRL, in applicazione della specifica lettera a latere del suddetto Accordo 12 marzo 2019 nonché dell’art. 9 dell’Accordo 28 novembre 2019, che abbia presentato domanda valida e sia rientrato nella graduatoria prevista dal presente accordo.

 

5.  INCONTRI DI VERIFICA

 

Le Parti si incontreranno entro la fine del mese di febbraio 2022, e almeno semestralmente, per confrontarsi sull’andamento delle adesioni pervenute, sulla programmazione delle uscite previste e sulle correlazioni tra la realizzazione delle uscite stesse e le assunzioni.

 

INTESA SANPAOLO S.P.A.

(anche nella qualità di Capogruppo)

 

Accordo firmato digitalmente

 

FABI FIRST/CISL FISAC/CGIL UILCA UNISIN

 

Allegato 1

 

 

INTESA SANPAOLO BANCA 5

CONSORZIO STUDI E RICERCHE FISCALI EURIZON CAPITAL SGR

EURIZON CAPITAL REAL ASSET EPSILON SGR

EXETRA

FIDEURAM-INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING FIDEURAM ASSET MANAGEMENT SGR

INTESA SANPAOLO CASA

INTESA SANPAOLO FORMAZIONE

INTESA SANPAOLO INNOVATION CENTER INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING INTESA SANPAOLO RENT FORYOU

IW BANK NEVA SGR PRESTITALIA

SIREF FIDUCIARIA SANPAOLO INVEST SIM UBI LEASING

 

Allegato A

Pensionamento – requisiti entro 31/12/2023

 

Spett.

[SOCIETA’ ]

c/o INTESA SANPAOLO SPA

DC AMM.NE OPERATIONS HR – Pensioni

 

 

Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………………………… CID……………………………..

Nato/a a ……………………………………… il……………………………. codice fiscale …….………………………………….

in servizio presso ………………………………………………………………….. telefono ufficio ……………………………..

Cellulare aziendale …………………………….………… telefono personale …………..………………..……………………

Indirizzo di posta elettronica personale …………………………………………………….….……………

 

preso atto

 

del contenuto del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021,

attesta che

 

è in possesso dei requisiti previsti dalla legge per aver diritto ai trattamenti pensionistici a carico dell’Assicurazione Generale Obbligatoria entro il 31 dicembre 2023, e propone in via irrevocabile al proprio datore di lavoro di risolvere consensualmente il rapporto di lavoro, anche al fine di beneficiare del trattamento previsto dal capitolo 4 lettera a) del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021.

Conseguentemente dichiara di risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro alla fine della giornata

del……… (28 febbraio 2022 ovvero dall’ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del trattamento pensionistico dell’A.G.O. se successiva al 1° marzo 2022)…..

 

dichiara (barrare la casella prescelta)

 

  • di essere in possesso di un ECOCERT
    • Si
    • No – il documento sarà fornito non appena rilasciato dalle competenti strutture previdenziali

 

  • di avere in corso una pratica di aggiornamento della propria posizione previdenziale
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare di assegno ordinario o pensione di invalidità:
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare delle previsioni ex 3, comma 3, della Legge 104/1992 per sé

 

  • di essere disabile con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%

 

  • di essere titolare di contribuzione previdenziale presso Gestioni diverse dall’INPS – Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD)

 

Il/la sottoscritto/a, infine, si impegna a comunicare tempestivamente alla Società qualsiasi variazione rispetto alle predette dichiarazioni.

 

data                                                                 firma                                                                        

 

Allegato B

Pensionamento – requisiti tra il 1/1/2024 e 31/12/2024

 

Spett.

[SOCIETA’ ]

c/o INTESA SANPAOLO SPA

DC AMM.NE OPERATIONS HR – Pensioni

 

 

Il/la sottoscritto/a …………………………………………..……………………………………… CID………………………..……..

Nato/a a ……………………………….….…… il………….…………………. codice fiscale …….…….…………………………….

in servizio presso ……………………………….……….………………………….. telefono ufficio ………..……………………..

Cellulare aziendale …………………………….………….. telefono personale …………….………………..……………………

Indirizzo di posta elettronica personale …………………………………………………….….……..………

 

preso atto

 

del contenuto del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021,

attesta che

 

sarà in possesso dei requisiti previsti dalla legge per aver diritto ai trattamenti pensionistici a carico dell’Assicurazione Generale Obbligatoria tra il 1° gennaio 2024 ed il 31 dicembre 2024, e propone in via irrevocabile al proprio datore di lavoro di risolvere consensualmente il rapporto di lavoro, anche al fine di beneficiare del trattamento previsto dal capitolo 4 lettera b) sub a) del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021.

Conseguentemente dichiara di risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro alla fine della giornata del ……(ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del trattamento pensionistico dell’A.G.O.)………

 

dichiara (barrare la casella prescelta)

 

  • di essere in possesso di un ECOCERT
    • Si
    • No – il documento sarà fornito non appena rilasciato dalle competenti strutture previdenziali

 

  • di avere in corso una pratica di aggiornamento della propria posizione previdenziale
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare di assegno ordinario o pensione di invalidità
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare delle previsioni ex 3, comma 3, della Legge 104/1992 per sé

 

  • di essere disabile con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%

 

  • di essere titolare di contribuzione previdenziale presso Gestioni diverse dall’INPS – Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD)

 

Il/la sottoscritto/a, infine, si impegna a comunicare tempestivamente alla Società qualsiasi variazione rispetto alle predette dichiarazioni.

 

data                                                                 firma                                                                        

 

Allegato C

Spett.

[SOCIETA’ ]

c/o INTESA SANPAOLO SPA

DC AMM.NE OPERATIONS HR – Pensioni

 

 

Oggetto: accettazione dell’ “offerta al pubblico” ex art. 1336 c.c. per risolvere consensualmente il rapporto di lavoro e accedere alle prestazioni straordinarie erogate dal Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, per il sostegno dell’occupazione e del reddito del personale del credito.

 

Il/la sottoscritto/a……………………………………………………………… CID……………………… nato/a ………………………… il ………………………

codice fiscale ………………………………………………………… in servizio presso ………………………………………………………………………………

telefono ufficio ………………………………… cellulare aziendale ………………………………… telefono personale ……………………………………

Indirizzo di posta elettronica personale ……………………………………………………………………

preso atto

  • del I. 28 luglio 2014 nr. 83486 e successive modifiche ed integrazioni, e delle relative disposizioni sul “Fondo di solidarietà”;
  • del contenuto del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021, con particolare riferimento all’ “offerta al pubblico” in esso

formulata;

 

atteso che

in base alle vigenti disposizioni di legge, maturerà i requisiti per il diritto a pensione anticipata/ di vecchiaia presso l’I.N.P.S. o altra

forma di previdenza obbligatoria di base entro e non oltre il 31/12/2028;

 

accetta

  • L’OFFERTA, FORMULATA DALLA SOCIETA’ EX ART. 1336 CODICE CIVILE, DI RISOLVERE CONSENSUALMENTE IL PROPRIO RAPPORTO DI LAVORO ENTRO E NON OLTRE IL 03.2025 PER POTER ACCEDERE ALLE PRESTAZIONI STRAORDINARIE DEL “FONDO DI SOLIDARIETÀ”, CONSAPEVOLE CHE CON LA RICEZIONE DA PARTE DELLA SOCIETÀ DEL PRESENTE ATTO IL NEGOZIO SARÀ PERFEZIONATO E CONCLUSO E NON SARÀ PIÙ POSSIBILE MODIFICARE E/O REVOCARE IL CONSENSO PRESTATO DAL SOTTOSCRITTO. IL SOTTOSCRITTO ACCETTA ALTRESÌ CHE LA SOCIETA’ POSSA ANTICIPARE IL TERMINE DI RISOLUZIONE DEL SUO RAPPORTO DI LAVORO ALLA DATA DEL 30.06.2022, OVVERO DEL 31.12.2022, OVVERO DEL 31.12.2023, OVVERO DEL 31.03.2024, OVVERO DEL 30.06.2024, OVVERO DEL 31.12.2024, PREVIA APPOSITA COMUNICAZIONE IN FORMA SCRITTA INDICANTE LA DATA DI RISOLUZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO;
  • tutto quanto stabilito dal Verbale di Accordo del 16 novembre 2021 e dal D.I. 83486/2014 e successive modifiche ed integrazioni, ivi compreso di rinunciare al preavviso ed alla relativa indennità sostitutiva;

 

dichiara (barrare la casella prescelta)

  • di voler richiedere la liquidazione dell’assegno straordinario in:
    • forma rateale
    • unica soluzione

 

  • di essere in possesso di un ECOCERT
    • Si
    • No – il documento sarà fornito non appena rilasciato dalle competenti strutture previdenziali

 

  • di avere in corso una pratica di aggiornamento della propria posizione previdenziale
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare di assegno ordinario o pensione di invalidità
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare delle previsioni ex 3, comma 3, della Legge 104/1992 per sé

 

  • di essere disabile con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%

 

  • di essere titolare di contribuzione previdenziale presso Gestioni diverse dall’INPS-Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD)

 

Il/la sottoscritto/a, infine,

  • prende atto che il rapporto di lavoro si risolverà alla data stabilita dall’azienda, che verrà comunicata con la formalità sopra indicata;
  • si impegna a comunicare tempestivamente alla Società ed al “Fondo di solidarietà” l’eventuale instaurazione – nel corso del periodo di erogazione delle prestazioni straordinarie – di qualsiasi forma di attività lavorativa;
  • si impegna a comunicare tempestivamente alla Società qualsiasi variazione rispetto alle predette

 

data                                                                 firma                                                                                       

 

Allegato D

Pensionamento – “Quota 100”

 

Spett.

[SOCIETA’ ]

c/o INTESA SANPAOLO SPA

DC AMM.NE OPERATIONS HR – Pensioni

 

 

Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………………………… CID……………………………..

Nato/a a ……………………………………… il……………………………. codice fiscale …….………………………………….

in servizio presso ………………………………………………………………….. telefono ufficio ……………………………..

Cellulare aziendale …………………………….………… telefono personale …………..………………..……………………

Indirizzo di posta elettronica personale …………………………………………………….….……………

 

preso atto

 

del contenuto del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021,

 

attesta che

 

ai sensi dell’art. 14 della Legge 26/2019 eserciterà il diritto al trattamento pensionistico anticipato c.d. “Quota 100” e propone in via irrevocabile al proprio datore di lavoro di risolvere consensualmente il rapporto di lavoro, anche al fine di beneficiare del trattamento previsto dal capitolo 4 lettera d) del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021.

Conseguentemente dichiara di risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro alla fine della giornata del (28 febbraio 2022 ovvero dall’ultimo giorno del mese precedente alla decorrenza del pagamento del

trattamento pensionistico dell’A.G.O. se successiva al 1° marzo 2022)….

 

dichiara (barrare la casella prescelta)

 

  • di essere in possesso di un ECOCERT
    • Si
    • No – il documento sarà fornito non appena rilasciato dalle competenti strutture previdenziali

 

  • di avere in corso una pratica di aggiornamento della propria posizione previdenziale
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare di assegno ordinario o pensione di invalidità
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare delle previsioni ex 3, comma 3, della Legge 104/1992 per sé

 

  • di essere disabile con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%

 

  • di essere titolare di contribuzione previdenziale presso Gestioni diverse dall’INPS-Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD)

 

Il/la sottoscritto/a, infine, si impegna a comunicare tempestivamente alla Società qualsiasi variazione rispetto alle predette dichiarazioni.

 

data                                                                 firma                                                                        

 

Allegato E

Pensionamento – “Opzione Donna”

 

Spett.

[SOCIETA’ ]

c/o INTESA SANPAOLO SPA

DC AMM.NE OPERATIONS HR – Pensioni

 

 

Il/la sottoscritto/a ………………………………………………………………………………… CID……………………………..

Nato/a a ……………………………………… il……………………………. codice fiscale …….………………………………….

in servizio presso ………………………………………………………………….. telefono ufficio ……………………………..

Cellulare aziendale …………………………….………… telefono personale …………..………………..……………………

Indirizzo di posta elettronica personale …………………………………………………….….……………

 

preso atto

 

del contenuto del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021,

attesta che

 

ai sensi dell’art. 16 della Legge n. 26/2019, e successive modifiche, eserciterà il diritto al trattamento pensionistico anticipato c.d. “Opzione donna” e propone in via irrevocabile al proprio datore di lavoro di risolvere consensualmente il rapporto di lavoro, anche al fine di beneficiare del trattamento previsto dal capitolo 4 lettera e) del Verbale di Accordo del 16 novembre 2021.

Conseguentemente dichiara di risolvere consensualmente il proprio rapporto di lavoro alla fine della giornata

del …….. (28 febbraio 2022)……

 

dichiara (barrare la casella prescelta)

 

  • di essere in possesso di un ECOCERT
    • Si
    • No – il documento sarà fornito non appena rilasciato dalle competenti strutture previdenziali

 

  • di avere in corso una pratica di aggiornamento della propria posizione previdenziale
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare di assegno ordinario o pensione di invalidità
    • Si
    • No

 

  • di essere titolare delle previsioni ex 3, comma 3, della Legge 104/1992 per sé

 

  • di essere disabile con una percentuale di invalidità non inferiore al 67%

 

  • di essere titolare di contribuzione previdenziale presso Gestioni diverse dall’INPS-Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti (FPLD)

 

Il/la sottoscritto/a, infine, si impegna a comunicare tempestivamente alla Società qualsiasi variazione rispetto alle predette dichiarazioni.

 

data                                                                 firma                                                                        

 

 

Spettabili OOSS FABI FIRST/CISL FISAC/CGIL UILCA

UNISIN

 

Milano, 16 novembre 2021

 

Con riferimento al Verbale di accordo sottoscritto in data odierna ed alle precisazioni intervenute nel corso del confronto, Intesa Sanpaolo – anche in qualità di Capogruppo – conferma:

 

  • la disponibilità della Società a far accedere prioritariamente al Fondo, nel rispetto dei criteri di accesso definiti nel suddetto Verbale di accordo, il personale disabile ovvero quello nel cui nucleo familiare siano presenti persone disabili o in gravi e documentate condizioni di malattia ovvero personale che risulti temporaneamente invalido a seguito di malattia oncologica;

 

  • che la facoltà dell’Azienda di assumere per chiamata diretta il coniuge superstite o, in caso di sua rinuncia, un orfano del dipendente deceduto in servizio, in possesso dei requisiti richiesti per l’assunzione, potrà essere esercitata anche nei confronti di soggetti inseriti nel Fondo di Solidarietà;

 

  • che l’erogazione della provvidenza annua per i familiari portatori di handicap è prevista, con le medesime regole tempo per tempo vigenti per il personale in servizio, anche per il Personale inserito nel Fondo di Solidarietà.

 

Intesa Sanpaolo S.p.A. anche n.q. di Capogruppo

 

 

Firmato digitalmente

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore