skip to Main Content

Fondi Esg, le accuse di greenwashing travolgono i gestori patrimoniali

Esg

Sotto attacco da parte di politici e ambientalisti, i problemi che i gestori patrimoniali devono affrontare per bilanciare i loro impegni ESG nei confronti dei clienti e non provocare le autorità di regolamentazione sembrano destinati ad aumentare. L’articolo del Financial Times

 

Le dimissioni del capo del più grande gestore patrimoniale tedesco, in seguito a un’incursione della polizia per le accuse di aver ingannato gli investitori sui suoi risultati ambientali, stanno alimentando un intenso dibattito sul cosiddetto “greenwashing” nel settore degli investimenti. Scrive il Financial Times.

La decisione di Asoka Wöhrmann di dimettersi dalla carica di amministratore delegato di DWS all’inizio del mese dimostra i rischi insiti nel coniugare gli obiettivi ambientali, sociali e di governance (ESG) con i rendimenti finanziari. Inoltre, dimostra che la responsabilità si estende ai vertici dei gestori patrimoniali – uno sviluppo che i capi degli investimenti rivali avranno notato.

Le autorità di regolamentazione finanziaria sembrano determinate a garantire che i gestori patrimoniali non possano sfruttare la rapida crescita della domanda di strategie ESG attirando gli investitori con dichiarazioni fuorvianti o non realistiche.

Verena Ross, presidente dell’Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati, l’organo di vigilanza dell’UE, ha dichiarato il mese scorso che i gestori patrimoniali dovrebbero impegnarsi maggiormente per “evitare di fornire agli investitori informazioni fuorvianti sull’ecologicità di un prodotto [finanziario]”.

L’Esma ha anche rilasciato nuovi consigli sulla lotta al greenwashing alle autorità di regolamentazione nazionali in tutta Europa, esortandole a garantire che gli investitori non siano fuorviati dall’uso di termini come “sostenibile”, “ESG” e “verde” nei documenti e nelle strategie dei fondi.

Tuttavia, questo compito è stato reso più complicato dal fatto che le norme sui prodotti ESG sono ancora in evoluzione su entrambe le sponde dell’Atlantico.

I dettagli chiave devono ancora essere finalizzati per il regolamento sulla divulgazione della finanza sostenibile dell’UE, che potrebbe influenzare il modo in cui un fondo viene classificato e venduto agli investitori.

Nel frattempo, la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti ha recentemente avviato una consultazione per determinare quali informazioni debbano essere fornite dai fondi che riportano nel loro nome termini come “ESG”, “sostenibile” o “low-carbon”, ma Hester Peirce, uno dei commissari della SEC, si è opposta alle proposte. Secondo Peirce, l’obiettivo della SEC di aiutare gli investitori a confrontare l’esposizione ai gas serra dei vari fondi non funzionerà, poiché i gestori sceglieranno i dati e i modelli più adatti ai loro interessi. Questo, secondo Peirce, non porterà a un’allocazione più efficiente del capitale o a una maggiore accumulazione di ricchezza.

Critiche analoghe sulla selezione dei dati sono state rivolte anche alle audaci affermazioni dei principali gestori patrimoniali, secondo cui le emissioni di carbonio saranno ridotte a zero nei loro portafogli di investimento entro il 2050.

Un totale di 273 gestori patrimoniali, che insieme gestiscono investimenti per 61,3 miliardi di dollari, hanno aderito all’iniziativa Net Zero Asset Managers (NZAM), una coalizione di settore.

I membri dell’NZAM hanno concordato di fissare obiettivi intermedi di riduzione delle emissioni entro la fine di questo decennio, coerenti con la riduzione del 50% della produzione di CO₂ necessaria per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C rispetto all’epoca preindustriale.

Tuttavia, i gestori patrimoniali hanno una certa flessibilità nell’interpretare l’applicazione del quadro NZAM alle loro attività, il che rende più difficile il confronto tra di loro.

BlackRock stima che un quarto dei suoi asset investiti in emittenti societari e sovrani sia attualmente allineato al prossimo zero e che questo dovrebbe aumentare ad “almeno il 75%” entro il 2030.

La rivale Vanguard afferma di non poter attribuire obiettivi di zero netto ai suoi index tracker, poiché questo obiettivo non è stato inserito negli obiettivi originali di questi fondi. Vanguard prevede che circa 145 miliardi di dollari dei suoi 1,7 miliardi di dollari di asset gestiti attivamente saranno allineati allo zero netto entro il 2030.

State Street Global Advisors ha scelto di fissare gli obiettivi net zero agli index tracker che hanno già una componente climatica o che “si può ragionevolmente prevedere” che adottino un obiettivo climatico.

Sasja Beslik, chief investment officer di NextGen ESG Japan, società specializzata in investimenti sostenibili, afferma: “Gli impegni di NZAM sono puramente aspirazionali e mancano di qualsiasi dettaglio che spieghi come verrà raggiunto l’obiettivo di decarbonizzare i loro portafogli di investimento”. L’esperto definisce l’iniziativa NZAM “solo una sfilata di bellezza”.

Gli ambientalisti sono rimasti sconcertati anche dal rifiuto di BlackRock, Vanguard e State Street di impegnarsi a porre fine ai nuovi investimenti in progetti legati ai combustibili fossili.

Insieme, i tre gestori possiedono azioni e obbligazioni per un valore di circa 350 miliardi di dollari emesse da 12 delle maggiori compagnie petrolifere e del gas del mondo – tra cui Saudi Aramco, ExxonMobil, Chevron, BP, Shell e TotalEnergies – secondo Reclaim Finance, un gruppo di attivisti.

“Questi gestori continuano a investire miliardi in società i cui piani di espansione dei combustibili fossili rendono impossibile raggiungere l’obiettivo della neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2050”, afferma Lara Cuvelier di Reclaim Finance.

La maggior parte di questi investimenti in combustibili fossili è detenuta in fondi di indicizzazione che imitano ampi benchmark di mercato. Qualsiasi tentativo di modificare i termini e le condizioni dei fondi di indicizzazione dovrebbe essere accettato dagli investitori esistenti e potrebbe essere soggetto a sfide legali.

Tuttavia, Diana Best, senior finance strategist del gruppo di campagna Sunrise Project, afferma che la rapida rimozione delle società russe dagli indici di riferimento in seguito all’invasione dell’Ucraina dimostra che i gestori patrimoniali hanno una certa flessibilità nel determinare quali società includere nei loro benchmark.

Alcuni alti esponenti repubblicani statunitensi, tuttavia, stanno esprimendo critiche severe nei confronti degli approcci ESG. L’ex vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, ha descritto l’ESG come una “strategia perniciosa” che distorce la concorrenza del libero mercato. A maggio, in un articolo del Wall Street Journal, ha chiesto ai piani pensionistici pubblici statunitensi di “mettere sotto controllo” BlackRock, Vanguard e State Street perché “spingono un’agenda ESG radicale”.

Sotto attacco da parte di politici e ambientalisti, i problemi che i responsabili della gestione patrimoniale devono affrontare per bilanciare i loro impegni ESG nei confronti dei clienti e non provocare le autorità di regolamentazione sembrano destinati ad aumentare.

Le dimissioni di Wöhrmann da DWS rappresentano un avvertimento.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore