skip to Main Content

Vantaggi e rischi (secondo i mercati) di un governo a tre in Germania dopo le elezioni

Laschet

L’analisi di Andreas Billmeier, economista europeo presso Western Asset, parte di Franklin Templeton

Vi presentiamo la nostra view aggiornata sulle elezioni tedesche previste per il 26 settembre e le potenziali implicazioni di mercato. i sondaggi hanno mostrato oscillazioni marcate e la competizione è attualmente aperta, ma è probabile che una coalizione di governo richieda tre partiti.

TEMI POLITICI E PRIORITÀ RIVISITATE

Come previsto, è probabile che la pandemia svolga solo un ruolo minore nelle elezioni, data la fase avanzata della vaccinazione in Europa e l’impatto limitato della variante delta del Covid sull’economia. D’altra parte, l’importanza del cambiamento climatico come argomento chiave è stata evidenziata dalle devastanti inondazioni nella Germania occidentale all’inizio di quest’estate. Di conseguenza, diversi politici di centrodestra hanno sostenuto una maggiore flessibilità rispetto al freno all’indebitamento pubblico. È anche possibile che un’emergente crisi dei rifugiati legata all’Afghanistan dominerà le testate giornalistiche durante il periodo elettorale, riecheggiando l’esperienza tedesca con il flusso di rifugiati siriani nel 2015. Anche se è probabile che questo argomento favorisca nuovamente i partiti dello spettro politico di (estrema) destra, non è ancora filtrato nei sondaggi.

SVILUPPI NEI SONDAGGI

Le dinamiche dei sondaggi sono cambiate radicalmente da giugno. Rispetto alle intenzioni di voto quando i primi candidati erano stati presentati alcuni mesi fa (euforia “Peak Green”), la riapertura economica ha incrementato il sostegno al principale partito di governo, il CDU/CSU di centrodestra. Tuttavia, dopo le inondazioni in Germania a metà luglio, il sentiment si è rivolto contro la CDU dopo un paio di errori di pubbliche relazioni pagati a caro prezzo. Un po’ sorprendentemente, dato il legame percepito tra la catastrofe naturale e il cambiamento climatico, il beneficiario è stato l’SPD (l’attuale partner della coalizione junior di centro sinistra), che è arrivato al secondo posto davanti ai Verdi per la prima volta dalla fine del 2018, secondo un sondaggio di opinione. La politica dell’SPD è percepita come poco entusiasmante ma solida con pochi errori e Olaf Scholz, il candidato principale del partito e attuale ministro delle finanze, è in cima alla classifica di popolarità. Detto questo, tutti e tre i principali partiti, CDU/CSU, SPD e Verdi, in proiezione si trovano ad una distanza ravvicinata intorno al 19%-23%, con la CDU attualmente in media leggermente avanti.

MECCANICHE DELLA COALIZIONE RIVISITATE

In modo critico, i sondaggi attuali suggeriscono che è probabile che due partiti non ottengano abbastanza seggi per formare una coalizione di governo, in contrasto con la situazione di un paio di mesi fa, quando conservatori e Verdi avevano la maggioranza. I governi di coalizione sono la regola piuttosto che l’eccezione in Germania, ma la potenziale necessità di un terzo nel mix a livello federale è nuova: i governi di coalizione a tre partiti sono stati costruiti solo a livello regionale.

Nella congiuntura attuale, i liberali (FDP) sono una possibile terza componente di una coalizione, ma al momento non è chiaro quale coalizione possa essere. I restanti due partiti che potrebbero entrare nel Bundestag – Linke a (estrema) sinistra e AfD a (estrema) destra – sono dati con una proiezone percentuale troppo bassa o non sono politicamente appetibili per la formazione di una coalizione con i partiti più grandi, o con entrambi.

Non è chiaro se l’FDP (colore del partito: giallo) sarebbe in grado di unirsi a una cosiddetta “coalizione giamaicana” con la CDU (nera) e i Verdi, poiché si sono improvvisamente ritirati da un negoziato simile dopo le elezioni del 2017, lasciando il paese nel limbo e danneggiando la credibilità del partito. Inoltre, l’FDP si è impegnato a mantenere il freno all’indebitamento nella sua forma attuale, un potenziale ostacolo durante i negoziati con la CDU/CSU e in particolare i Verdi che sono intenti ad accelerare la spesa sulle questioni legate al clima e a rivedere il codice fiscale in modi che saranno difficili da digerire per l’FDP.

In alternativa, l’FDP potrebbe anche far parte di una “coalizione semaforica” con i Verdi e l’SPD (rosso) se l’ascesa di quest’ultimo continua e Olaf Scholz diventa Cancelliere, relegando il partito di Merkel all’opposizione dopo 16 anni al potere. Tuttavia, sarà ancora più difficile colmare opinioni divergenti in questa formazione e i cambiamenti richiesti, anche sulle regole fiscali, potrebbero non essere appetibili con la base elettorale dell’FDP.

Infine, un’altra possibile formzione è una continuazione dell’attuale grande coalizione tra CDU/CSU e SPD e l’aggiunta dell’FDP o, più probabilmente, dei Verdi (“coalizione del Kenya”). Riteniamo che queste costellazioni siano possibili, ma solo come soluzioni di backup poiché SPD e CDU non salteranno altri quattro anni come partner della coalizione. Detto questo, probabilmente c’è una sovrapposizione più programmatica tra l’attuale coalizione e i Verdi che con l’FDP, soprattutto quando si tratta di temi del cambiamento climatico e delle regole fiscali. Infine, l’SPD potrebbe appellarsi alla CDU per restituire il favore di quattro anni fa e sostenere una coalizione di centrosinistra per evitare nuove elezioni.

A CHE PUNTO SIAMO?

Attualmente, la competizione è aperta e sono possibili molte più costellazioni rispetto a pochi mesi fa. Detto questo, riteniamo che sia ancora altamente probabile che i Verdi facciano parte di qualsiasi coalizione, ma la necessità di coinvolgere una terza parte porta a negoziati e compromessi più complessi. Probabilmente renderà anche qualsiasi coalizione di governo meno stabile.

IMPLICAZIONI DI MERCATO

Per molti aspetti, una coalizione tripartita a livello federale in Germania è un esperimento e ci sono maggiori rischi per la stabilità politica, che è un’esperienza nuova per la Germania del dopoguerra. Se l’FDP fa parte della coalizione di governo, il freno all’indebitamento ha più possibilità di sopravvivere di per sé, contenendo le pressioni sulla spesa. Detto questo, priorità politiche più (divergenti) promuovono anche una spesa più diversificata e riteniamo che in definitiva una riformulazione della regola di bilancio interna sia il percorso di minor resistenza ed è diventato più probabile nella nostra valutazione. Inoltre, ci sono possibili effetti di ricaduta sulla revisione delle regole fiscali a livello europeo, che dovrebbe concludersi dopo le elezioni francesi nel 2022. In termini di mercati, riteniamo che i rendimenti dei titoli di stato tedeschi possano registrare una crescita in quasi tutti gli scenari . La nostra convinzione aumenterebbe ulteriormente se l’FDP non facesse parte della coalizione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore