skip to Main Content

Ecco quanto contribuisce Leonardo al Pil italiano. Report Prometeia

Leonardo Prometeia

Tutti i dettagli dello studio Prometeia 2022 sul contributo di Leonardo all’economia italiana e regionale

 

Leonardo, il colosso della difesa e aerospazio, genera 10 miliardi, lo 0.6% del Pil italiano.

È quanto emerge dallo studio Prometeia 2022 volto a rappresentare l’impatto di Leonardo sull’economia italiana e regionale, presentato oggi nel corso dell’evento “La filiera dell’aerospazio. Difesa e sicurezza in Lombardia” alla sede di Assolombarda a Milano.

In particolare nell’ecosistema produttivo della Lombardia evidenzia che l’azienda è il fulcro di una filiera che complessivamente contribuisce al Pil regionale con circa 2,7 miliardi di euro, pari allo 0,8% del totale (+28% rispetto al 2018). Il valore porta la Lombardia in cima alla classifica in Italia per incidenza sul Pil prodotto a livello regionale da Leonardo e ogni euro di valore aggiunto creato dall’azienda genera, in media, due euro addizionali sul territorio.

Inoltre, per il settore dell’aerospazio, “il 2023 inizia positivamente perché nel mondo della difesa e sicurezza stanno crescendo gli investimenti in tutto il mondo e quindi è un settore che sta crescendo in misura significativa” ha dichiarato l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, parlando con i giornalisti a margine dell’evento. “Per noi – ha proseguito – si sta riprendendo la componente civile: noi produciamo fusoliere per Boeing, Airbus e Atr, i passeggeri stanno di nuovo crescendo, per cui riparte la domanda di nuovi velivoli”.

Tutti i dettagli.

L’ECOSISTEMA PRODUTTIVO DI LEONARDO

Come riassume lo studio Prometeia, l’ecosistema produttivo guidato da Leonardo è composto da oltre 4.000 aziende, delle quali l’87% sono PMI, con più di 125mila occupati complessivi, e genera lo 0,6% del PIL italiano, grazie a 10 miliardi di euro di valore aggiunto. Un dato che rappresenta l’1,4% del valore prodotto dall’intera industria nazionale e il 13% dell’industria high tech italiana, sottolinea la nota del gruppo di Piazza Monte Grappa.

Nello specifico, l’azienda guidata da Alessandro Profumo sviluppa sul territorio italiano ricavi per 9,5 miliardi di euro, impiegando oltre 31mila addetti, ed esporta il 75% della produzione che, nel 2021, vale l’1,4% di tutte le esportazioni di beni in Italia, raggiungendo una produttività del lavoro del 50% più elevata rispetto alla media italiana.

CONTRIBUTO DEL GRUPPO CRESCIUTO NEGLI ULTIMI CINQUE ANNI

Dai dati contenuti nel rapporto Prometeia 2022 (relativi all’anno 2021), emerge come dieci occupati di Leonardo in Lombardia sostengono, in media, ulteriori 33 occupati addizionali per un totale di 30mila addetti dell’ecosistema locale, valore cresciuto del 30% rispetto al 2018. Le oltre 1.300 aziende della filiera, con una incidenza delle PMI all’80%, muovono circa 900 milioni di euro di volume ordinato, posizionando la Lombardia come prima Regione per spesa in beni e servizi provenienti dal sistema Leonardo. La Regione è inoltre quella in cui il valore degli investimenti nelle attività di Ricerca & Sviluppo dell’azienda è maggiore, raggiungendo i 382 milioni di euro, pari al 9,6% su base totale regionale.

LA PRESENZA LOMBARDA

Nella Regione lombarda, il Gruppo Leonardo è presente con sei sedi principali, tra Varese, Brescia e Nerviano – attive nei business degli elicotteri, dei velivoli, dell’elettronica e della cybersecurity – per oltre 7.000 addetti impiegati; grazie alla presenza di Leonardo, il territorio lombardo è tra i pochi al mondo a poter vantare una capacità velivolistica completa, sia nell’ala fissa che nell’ala rotante, oltre a competenze avanzate in ambito spaziale.

La produttività media del lavoro, caratterizzato da un mix di competenze elevato, alimentata da Leonardo risulta essere maggiore del 17% rispetto alla media regionale e la filiera di Leonardo rappresenta il 12% di tutta l’industria hi-tech della Lombardia. Le attività innovative, che trovano ulteriore linfa nel lavoro svolto dai Leonardo Labs – gli hub tecnologici dedicati alla ricerca e allo sviluppo delle tecnologie di frontiera – presenti in Lombardia, sono inserite in un ecosistema composto da imprese, istituzioni ed Università. In questo contesto, la collaborazione già avviata tra il mondo industriale e le istituzioni regionali risulta essenziale per assicurare un sostegno concreto a una filiera strategica a livello locale e nazionale.

IL MOLTIPLICATORE DEL VALORE AGGIUNTO

Tornando alla base nazionale, il moltiplicatore del valore aggiunto di Leonardo è pari a 2.9: significa che per ogni singolo euro generato dal Gruppo se ne creano ulteriori 1.9 addizionali per l’intera economia italiana.

IL MOLTIPLICATORE DELL’OCCUPAZIONE

Infine, passando al moltiplicatore dell’occupazione, questo si attesta a 3.9: dieci occupati nel Gruppo sostengono, in media, ulteriori 28 occupati addizionali nell’economia, con lo 0,4% dell’occupazione nazionale sostenuta da Leonardo e dalla sua filiera. Rispetto al 2018, lo studio Prometeia 2022 sottolinea come l’impatto totale delle attività del Gruppo Leonardo sull’economia italiana sia cresciuto del 18%, in termini di valore aggiunto prodotto, e del 16%, in termini di occupati: il risultato è frutto di una espansione delle attività dirette del Gruppo e degli acquisti presso la propria supply chain italiana.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore