skip to Main Content

Ecco le opzioni per gli investitori sulla finanza sostenibile. Report Wsj

Rinnovabili Batterie

La spinta alla sostenibilità mette gli investitori in una posizione difficile. Ecco cosa scrive il Wall Street Journal

Gli investitori che pensano di poter salvare il mondo e fare profitti devono ripartire dalle basi. Rallentare il riscaldamento globale ha un requisito essenziale, che i combustibili fossili siano lasciati nel terreno.

Date la priorità alla sostenibilità, ma gli investitori saranno lasciati in una posizione difficile: supponendo che lo spostamento dai combustibili fossili avvenga, hanno la scelta di fare la differenza, o fare più profitto.

In una serie di articoli questa settimana, ho dato uno sguardo critico alla moda dell’investimento sostenibile che sta investendo Wall Street. Conosciuto anche come ESG, o investimento ambientale, sociale e di governance, in primo piano tra le questioni che comprende è l’idea che gli investitori possono usare i loro dollari per salvare il mondo dal riscaldamento globale.

Per come la vedo io, ci sono quattro modi in cui il mondo riduce il suo uso di combustibili fossili e quindi le emissioni di carbonio. Comunque sia, gli investitori che possiedono i combustibili fossili che non vengono estratti saranno bloccati in perdita – scrive il WSJ.

Ecco le opzioni per la società e gli investitori:

1. L’azione del governo costringe i proprietari di carbone, petrolio e gas naturale a lasciare il combustibile nel terreno. Non lo vedo terribilmente plausibile di per sé (anche se i lettori dovrebbero sentirsi liberi di chiedere al presidente Vladimir Putin di smettere di trivellare). Ma sarebbe fantastico per gli investitori sostenibili, che tipicamente evitano o detengono meno azioni di combustibili fossili. Non avrebbero bisogno di fare nulla, ma batterebbero massicciamente gli investitori tradizionali bloccati con beni sotterranei ormai senza valore che non saranno mai estratti.

Gli investitori sostenibili potrebbero sentirsi compiaciuti di questo risultato, ma non avrebbero fatto la differenza, dato che i governi hanno fatto tutto il lavoro. Questo è un esempio di fare la giusta scommessa politica, non di usare i tuoi dollari di investimento per forzare il cambiamento.

Questo è successo in qualche misura con il carbone; la scadenza del Regno Unito del 2024 per terminare la produzione di energia dal carbone ha colpito il valore delle centrali a carbone esistenti, costringendo alcune a convertirsi ad altri usi e altre a chiudere prima della fine della loro vita utile.

2. Gli azionisti costringono le aziende a lasciare i combustibili fossili nel terreno, sostituendo i dirigenti e chiudendo volontariamente miniere e pozzi redditizi. Solo gli azionisti che hanno davvero a cuore l’ambiente lo farebbero, e potrebbero davvero fare una grande differenza per il mondo. Ma gli azionisti attenti all’ambiente subirebbero una grossa perdita, dato che sarebbero loro ad essere colpiti. Questa è filantropia come investimento. E un avvertimento importante: i più grandi produttori di petrolio e gas sono statali, e non sono suscettibili alla pressione degli investitori.

Un esperimento serio con questo è stato lanciato l’anno scorso dalla Banca Asiatica di Sviluppo, riunendo filantropi, alcune istituzioni finanziarie e governi con un piano per comprare centrali elettriche a carbone e mandarle in pensione prima del previsto. I rendimenti per gli investitori saranno probabilmente più bassi di quelli che accetterebbero di solito. Un piano del settore privato di Citigroup, Trafigura e altri per fare qualcosa di simile con le miniere di carbone è stato accantonato l’anno scorso.

3. La nuova tecnologia risolve il problema. Pensate a come andare oltre l’età del petrolio: così come l’età della pietra non è finita perché abbiamo finito le pietre, si dice che l’età del petrolio non finirà perché abbiamo finito il petrolio. I combustibili fossili non avrebbero più valore se fosse più conveniente utilizzare micro reattori nucleari, solare, eolico, idrogeno verde, batterie o fusione.

Qualsiasi investitore che si aspetta un tale sviluppo dovrebbe evitare i combustibili fossili, così come chi prevede la produzione di massa dell’automobile non investirebbe in produttori di carretti trainati da cavalli. Ma non c’è bisogno di voler salvare il pianeta; una nuova tecnologia a buon mercato in grado di sostituire il petrolio o il gas sarebbe immensamente redditizia, e l’aspetto salvifico del pianeta sarebbe solo un beneficio benvenuto. Il solare e l’eolico si sono già ribaltati per attrarre gli investitori mainstream che vogliono solo fare soldi, ma generare o immagazzinare energia a basso costo quando è buio e calmo è ancora una questione di ricerca.

Quando o se funzionerà è, diciamo, difficile da prevedere; il punto dell’età della pietra è stato fatto da un ingegnere di una compagnia petrolifera che sperava che le celle a combustibile a idrogeno sarebbero state presto finanziariamente praticabili… nel 1999. È la tecnologia di domani, ma forse lo sarà sempre. Le startup che lavorano su tecnologie sconosciute sono intrinsecamente rischiose.

4. Consumare meno. L’ultima opzione è consumare meno energia, risparmiando e accettando il colpo alla crescita. La via più semplice è quella di usare le tasse per forzare le aziende a internalizzare il costo del carbonio. L’energia pulita diventerebbe più attraente, non perché l’energia pulita diventa più economica, come tutti dovremmo desiderare, ma perché i combustibili fossili diventano più costosi. Nel complesso, un costo più alto dovrebbe significare un minor consumo.

I governi europei hanno adottato questo approccio e hanno messo un prezzo sulle emissioni di carbonio per alcune grandi industrie. L’effetto collaterale indesiderato è quello di rendere i prodotti fatti in casa meno competitivi rispetto alle importazioni da paesi che non seguono lo stesso approccio. Questo ha portato l’Unione europea a pianificare un “meccanismo di aggiustamento alla frontiera del carbonio” dal 2026 – una tassa sulle importazioni da luoghi che non fanno pagare il carbonio.

Laddove i governi fanno troppo poco, alcuni investitori pensano di poter incoraggiare le aziende a cambiare comprando le azioni e le obbligazioni di quelle che sono più pulite, e vendendo le azioni e le obbligazioni delle aziende sporche. Se abbastanza persone lo fanno, secondo la teoria, cambierà il prezzo, inviando un segnale al management e abbassando il costo del capitale per le operazioni più pulite. In pratica, ha funzionato bene solo quando ha gonfiato una bolla, come ho spiegato in una colonna precedente – e questo non è un buon risultato a lungo termine per gli investitori.

Le quattro opzioni qui esposte portano ad approcci direttamente opposti per gli investitori che vogliono migliorare il mondo. L’approccio filantropico significa comprare azioni di combustibili fossili per lasciare il carbonio nel terreno. L’approccio delle nuove tecnologie significa comprare startup di energia pulita per lavorare su fusione, alghe, gru che immagazzinano energia e simili. Quando il governo viene coinvolto, o con la regolamentazione (opzione uno) o con le tasse (opzione quattro), gli investitori dovrebbero aspettarsi che le riserve fossili valgano molto meno, forse zero – anche se il fatto che le azioni dei combustibili fossili siano un buon investimento dipende da quanto l’azione del governo sia già prezzata.

I gestori di fondi che lanciano l’investimento ESG sostengono tipicamente che si può usare il proprio denaro per aiutare a salvare il mondo senza sacrificare i profitti. Tornare alle basi mostra che non c’è una soluzione così semplice.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore