skip to Main Content

Ecco i prezzi dei generi alimentari che aumenteranno di più

Prezzi Generi Alimentari

Che cosa succederà ai prezzi dei generi alimentari. Fatti, dati e analisi. L’articolo di Andrea Mainardi

 

I prezzi dei generi alimentari continuano a salire in tutto il mondo, secondo l’indice dei prezzi dei prodotti alimentari dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao). L’indice è salito di un altro 1,1% a gennaio rispetto al mese precedente, raggiungendo il punto più alto dal 2011 e sembra diretto verso il picco storico toccato a metà degli anni ‘70. L’indice misura la variazione mensile dei prezzi medi delle categorie alimentari carne, latticini, cereali, oli vegetali e zucchero.

I prezzi dell’olio vegetale, in particolare, hanno registrato l’aumento più marcato, in crescita del 4,2% rispetto a dicembre. L’aumento è dovuto alle preoccupazioni per una possibile riduzione delle esportazioni di olio di palma dall’Indonesia, uno dei principali produttori ed esportatori. I prezzi globali dell’olio di palma sono aumentati l’anno scorso: la domanda dei principali acquirenti come India e Cina è ripresa, mentre la produzione in Indonesia e Malesia è rallentata anche per la carenza di lavoratori migranti in Malesia, provocata dalle restrizioni per contrastare la pandemia. In Indonesia, i prezzi sono aumentati del 40% rispetto all’anno precedente. Nel tentativo di controllare i prezzi e proteggere la fornitura interna, il ministero del Commercio indonesiano intende ora rendere più difficile esportare olio di palma grezzo e oleina di palma raffinata, richiedendo agli esportatori di ottenere il permesso di spedizione. I dati Gapki – la più grande associazione indonesiana del settore – hanno mostrato che nel gennaio-ottobre dello scorso anno, l’Indonesia ha consumato 15,18 milioni di tonnellate di prodotti a base di olio di palma, incluso il biodiesel, e ne ha esportato 28,89 milioni di tonnellate. I nuovi requisiti di autorizzazione sono entrati in vigore il 24 gennaio e lo saranno per sei mesi.

L’altra categoria che infiamma i prezzi dei generi alimentari è quella dei prodotti lattiero-caseari, in aumento a gennaio del 2,4% rispetto al mese precedente. I maggiori aumenti si registrano per latte scremato in polvere e burro. L’aumento di gennaio è stato sostenuto da un inasprimento dei mercati globali, che riflette una riduzione delle disponibilità all’esportazione, in particolare dall’Europa occidentale, dove una riduzione delle consegne di latte segnalata in alcuni grandi paesi produttori e livelli di scorte inferiori hanno sostenuto i prezzi. Le aspettative che la produzione di latte in Oceania rimanga al di sotto dei livelli medi nei prossimi mesi si sono aggiunte alla stretta sui mercati lattiero-caseari globali.

Il rimbalzo dell’indice Fao dei prezzi alimentari a gennaio per gli oli vegetali e i prodotti lattiero-caseari, sono parzialmente compensati da un calo dei prezzi dello zucchero per il secondo mese consecutivo. Carne e cereali sono rimasti sostanzialmente invariati.

Nel dettaglio i cereali hanno registrato un lieve aumento (0,1%) rispetto a dicembre. Il sostegno della continua forte domanda in un contesto di scarsa disponibilità globale di grano di qualità superiore insieme all’incertezza sulle forniture esportabili, ha impedito un calo dei prezzi. Al contrario, i prezzi all’esportazione del mais sono stati più stabili a gennaio, guadagnando il 3,8% da dicembre, principalmente a causa dei timori di condizioni di siccità persistenti nell’emisfero meridionale; gli effetti di ricaduta del mercato del grano hanno aggiunto pressioni al rialzo sui prezzi del mais. Tra gli altri grani grossi, a gennaio sono aumentati anche i prezzi internazionali del sorgo, in linea con l’andamento dei prezzi del mais, mentre le quotazioni dell’orzo sono state leggermente inferiori. Anche il completamento dei raccolti delle colture principali presso i principali fornitori e gli acquisti da parte degli acquirenti asiatici ha aumentato del 3,1% i prezzi internazionali del riso a gennaio.

Zucchero in calo del 3,1% rispetto a dicembre, segnando il secondo calo mensile consecutivo e il livello più basso degli ultimi sei mesi. Il calo è correlato alle prospettive di produzione favorevoli e al buon progresso del raccolto nei principali esportatori, India e Thailandia, e al miglioramento delle piogge nelle principali aree di coltivazione del Brasile. Inoltre, a gennaio, il calo dei prezzi dell’etanolo in Brasile ha esercitato ulteriori pressioni al ribasso sui prezzi mondiali dello zucchero. Tuttavia, il rafforzamento del Real brasiliano rispetto al dollaro Usa, che tende a limitare le spedizioni dal Brasile, il più grande esportatore mondiale di zucchero, ha impedito cali più sostanziali del prezzo dello zucchero.

Leggero aumento dei prezzi della carne rispetto a dicembre 2021, però in crescita del 17,3% rispetto a un anno fa. A gennaio, i prezzi dei bovini hanno raggiunto un nuovo picco, sostenuti da una forte domanda mondiale di importazioni che supera le forniture di esportazione, principalmente dal Brasile e dall’Oceania, riflettendo la diminuzione delle forniture di bestiame per la lavorazione. Nel frattempo, le quotazioni della carne suina sono leggermente aumentate, poiché la carenza di manodopera e gli elevati costi di input hanno smorzato l’offerta globale, contrastando la pressione al ribasso dovuta al rallentamento delle importazioni cinesi. Al contrario, i prezzi della carne ovina e di pollame sono ulteriormente diminuiti, poiché le forniture esportabili globali hanno superato la domanda di importazione, nonostante le forniture limitate derivanti dai ritardi di produzione e trasporto legati al Covid e dai focolai di influenza aviaria in alcuni grandi paesi produttori.

L’impennata dei prezzi dei generi alimentari continuerà a colpire le famiglie a più basso reddito, dove il cibo assorbe una quota molto più ampia del loro reddito. Secondo l’Economic Research Service dell’U.S. Department of agriculture (Usda) le famiglie statunitensi con redditi più elevati spendono di più per il cibo, ma l’importo speso rappresenta una parte complessiva inferiore dei loro budget. Nel 2020, le famiglie nel quintile di reddito più basso hanno speso una media di $ 4.099 per il cibo (che rappresentano il 27% del reddito), mentre le famiglie nel quintile di reddito più alto hanno speso una media di $ 12.245 (che rappresentano il 7% del reddito).

Secondo molti analisti, ricorda Avvenire, la corsa dei prezzi del cibo, dieci anni fa, fu tra le cause che scatenarono la Primavera Araba. Buona parte di questi rincari devono ancora essere “scaricati” sui consumatori finali. In Italia sono pochi i prodotti alimentari che hanno segnato rincari davvero pesanti sul prezzo finale: l’olio di oliva (+4,7%), gli oli di semi (+17,7%), la pasta (+4,6%), il pesce (+3,1%), carne bovina e salumi (entrambi +1,3%); il prezzo della frutta risulta in calo dello 0,9%, quello dei vegetali in aumento dello 0,6%. Osserva il quotidiano: “Lungo la filiera è però visibile la tensione tra produttori e distributori su chi deve farsi carico di contenere la crescita dei prezzi finali. Solo nei prossimi mesi si capirà davvero quanto la corsa dei prezzi globali si farà sentire alla cassa dei nostri supermercati”. Ma per molte famiglie il problema dei rincari è già qui. Nel 2022 si prevede lieviteranno in particolare i prezzi della pasta (+25%) e del pane (12,5%). Per Federdistributori, effetto del caro-energia e della bolla speculativa sul grano.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore