Economia

Ecco i prestiti diretti che la Fed darà alle imprese Usa

di

Fed Powell

Cosa sta preparando la Fed per le imprese. L’articolo del Wall Street Journal

 

La Federal Reserve – scrive il WSJ – si sta preparando a concedere prestiti direttamente alle imprese medie, colmando una lacuna lasciata dagli sforzi del governo per alleviare la crisi economica, e si sta profilando come una delle cose più difficili che abbia mai fatto. Il programma è stato progettato per assistere aziende come la LMI Aerospace, un produttore di parti di aeroplani con sede a St. Charles, Mo. che è troppo grande per ottenere aiuto nell’ambito del programma di prestiti della Small Business Administration, ma troppo piccolo per beneficiare degli altri backstop della Fed.

Nell’ambito del programma di prestiti della Fed per il mercato medio, un’azienda otterrebbe un prestito da una banca, che poi venderebbe fino al 95% del debito alla Fed. Questo lascia la banca con meno debiti aggiuntivi sui suoi libri contabili e libera di concedere più prestiti ad altri mutuatari. LMI, che dall’inizio dell’anno ha ridotto la sua forza lavoro di 600 dipendenti a 1.600 unità, nelle ultime settimane ha parlato con i suoi finanziatori della partecipazione al programma e li ha trovati esitanti. “Non stanno dicendo: ‘No, non vogliamo farlo’, ma non vogliono farlo quando i loro bilanci potrebbero avere molti mutuatari che per qualche tempo saranno sottoperformati”, ha detto Ed Dickinson, l’amministratore delegato dell’azienda. Con il programma per le medie imprese, una sfida chiave è stabilire i termini in modo che la Fed non diventi un terreno di dumping per cattivi prestiti, ma non così oneroso che le aziende non vogliano parteciparvi. “Il programma per “Main Street” sarà tremendamente complicato”, ha detto l’ex presidente della Fed Janet Yellen. “Uno dei problemi di questo programma è che potrebbe rivelarsi insufficientemente generoso”.

La Fed è molto sensibile ai contraccolpi politici come le critiche emerse dopo la crisi finanziaria del 2008, quando il salvataggio di Wall Street da parte di Washington ha evitato una più profonda recessione economica, ma è stata assalita dai legislatori per non aver fatto di più per aiutare Main Street. I funzionari della Fed dicono che stanno lavorando per mettere a punto il programma, compresa l’estensione alle organizzazioni no-profit. “Stiamo imparando strada facendo”, ha detto il presidente della Fed Jerome Powell in un forum online la scorsa settimana. Il programma di prestiti al mercato medio è nato dalle discussioni di marzo tra Powell, il Segretario del Tesoro Steven Mnuchin e i legislatori, tra cui il Sen. Mark Warner (D., Va.), che ha proposto di usare la Fed per raggiungere le medie imprese attraverso il sistema bancario che la banca centrale regola. La legislazione di contrasto al coronavirus di 2.000 miliardi di dollari promulgata a marzo, il cosiddetto Cares Act, ha fornito 454 miliardi di dollari al Tesoro per investire in diversi programmi di prestito gestiti dalla Fed; di regola, la banca centrale non concederà prestiti che mettano a rischio il proprio capitale.

Mnuchin ha accettato il mese scorso di fornire 75 miliardi di dollari per coprire le perdite del Main Street Lending Program, e la Fed dice che questo permetterà alla banca centrale di estendere fino a 600 miliardi di dollari di prestiti. Mnuchin ha detto che il Tesoro metterà a disposizione altri fondi se necessario. Il programma Main Street è aperto alle aziende con un massimo di 15.000 dipendenti o meno di 5 miliardi di dollari di entrate l’anno scorso. Più di 19.000 aziende statunitensi avevano tra i 500 e i 15.000 dipendenti nel 2017 e, secondo i dati del Census Bureau, nel complesso impiegavano tra i 30 e i 40 milioni di americani. Le banche possono prestare fino a 25 milioni di dollari in nuovi prestiti o rifinanziare fino a 200 milioni di dollari in un prestito esistente se il debito totale di un’azienda, rispetto ai suoi guadagni del 2019, è al di sotto di determinate soglie. I mutuatari sono soggetti a restrizioni sui compensi dei dirigenti e sulle distribuzioni agli azionisti. Mnuchin ha detto che il semplice annuncio dei programmi di prestito della Fed è già riuscito ad aprire i mercati dei prestiti. “Non considero il successo di Main Street come un’origine di 50 o 500 miliardi di dollari. La misura del successo è: “Le aziende hanno accesso al capitale, attraverso le strutture o le banche? “ha detto in un’intervista. Mnuchin ha detto che il Tesoro ha modellato scenari in cui realizza un ritorno sull’investimento del contribuente e scenari in cui perde denaro. “Non stiamo investendo denaro nel modo in cui un fondo pensione lo investirebbe”, ha detto. Se l’economia si deteriora, “naturalmente ci aspetteremmo di perdere denaro in questi casi”.

Per il produttore di parti di aerei LMI, le condizioni della Fed fino a 25 milioni di dollari ad un tasso di 3 punti percentuali sopra i tassi di prestito interbancario a breve termine sono “ragionevolmente attraenti”, ha detto il sig. Dickinson. È molto meno di quanto il produttore dovrebbe pagare per ottenere un prestito da una società di investimento privata. Dan Eberhart, un imprenditore con sede a Phoenix che investe in aziende industriali che includono la costruzione di servizi di pubblica utilità, autotrasporti e servizi petroliferi, ha detto che il programma Main Street potrebbe essere un’ancora di salvezza per molte delle sue aziende. “Per il prossimo futuro, il nuovo credito è praticamente inesistente”, ha detto. “Senza il programma della Fed, vedremo molto, molto poco credito commerciale e industriale per i prossimi 120 giorni circa”. La difficoltà di ottenere prestiti bancari potrebbe congelare qualsiasi normale spesa in conto capitale o sostituzione di attrezzature, come la regolare manutenzione della sua flotta di camion frigoriferi per il trasporto di alimenti. Quel tipo di spesa in conto capitale “è il lubrificante che mantiene l’economia in movimento”, ha detto il signor Eberhart, e l’azienda ha “preso un sacco di colpi” dalle chiusure per virus degli impianti di confezionamento della carne. Tuttavia, ha detto che il programma non aiuterà le aziende che hanno troppi debiti o dove i ricavi non sono pronti a rimbalzare, come nel caso dell’industria del petrolio e del gas. “Le banche non vogliono nemmeno parlare di quel settore”, ha detto.

Powell ha ammonito che la Fed non può aiutare le aziende che non sono redditizie, un problema che potrebbe aggravarsi se l’economia impiega più tempo a riprendersi dal virus. “La Fed ha poteri di prestito, non di spesa”, ha detto la scorsa settimana.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati