Economia

Occupazione, chi trova lavoro e chi no. Numeri, classi di età e confronti

di

Il commento di Paolo Mameli, senior economist della direzione studi e ricerche di Intesa Sanpaolo, sui dati della occupazione e della disoccupazione

La disoccupazione è tornata a salire ad aprile, all’11,2% dopo che il dato di marzo è stato rivisto verso l’alto a 11,1%. Tuttavia, così come già a marzo, il dettaglio dell’indagine non è negativo, in quanto mostra per il secondo mese un incremento significativo sia dell’occupazione che del tasso di partecipazione (entrambi a nuovi massimi storici).

Sebbene i rischi al ribasso sull’economia e sull’occupazione siano cresciuti di recente (come visibile anche da valutazioni meno ottimistiche sul mercato del lavoro da parte di imprese e famiglie), confermiamo la nostra stima di un calo del tasso dei senza-lavoro a 10,7% in media d’anno nel 2018 (dopo l’11,3% del 2017). Nel nostro scenario centrale, la disoccupazione calerebbe ulteriormente, attorno al 10%, l’anno prossimo, ma evidentemente le incognite sull’evoluzione del ciclo nel 2019 sono molto maggiori, e dipenderanno in primis dall’evoluzione dello scenario  politico e sui mercati finanziari.

La disoccupazione è tornata a salire ad aprile, all’11,2%. Il dato di marzo è stato rivisto verso l’alto a 11,1% dopo una prima lettura a 11%. Tuttavia, così come già a marzo, il dettaglio dell’indagine non è negativo. Anzi, gli occupati crescono di +64 mila unità (dopo un già robusto +82 mila a marzo), raggiungendo un nuovo massimo storico a 23 milioni 200 mila unità. Il tasso di occupazione è salito dal 58,3% al 58,4% (record da ottobre del 2008).

Nonostante l’aumento degli occupati, il tasso di disoccupazione è salito per via di un incremento ancora maggiore delle forze di lavoro, dovuto all’ulteriore calo degli inattivi (-74 mila unità dopo le -125 mila di marzo): il tasso di inattività ha così toccato un nuovo minimo storico a 34% (da 34,2% del mese precedente).

Così come già a marzo, la creazione di posti di lavoro ad aprile è concentrata tra i lavoratori indipendenti (+60 mila unità, l’incremento congiunturale maggiore da 7 anni). I dipendenti risultano stabili, ma con un aumento dei lavoratori a termine (+41 mila unità, toccando un nuovo massimo storico a 2 milioni 973 mila) e un calo dei dipendenti permanenti (-37 mila unità).

Su base annua, l’occupazione recupera marginalmente terreno, a +215 mila (+0,9% a/a), ma il miglioramento tendenziale resta interamente confinato all’occupazione temporanea (+329 mila unità, +12,4%), in presenza di dipendenti permanenti in calo e lavoratori indipendenti stabili. Il tasso di disoccupazione giovanile è tornato a salire dopo il calo di marzo, a 33,1% da 32,5% precedente.

Al netto della componente demografica, il maggior incremento tendenziale si riscontra per le classi di età estreme (+1,8% sia per i lavoratori più giovani che per quelli più anziani), mentre il gruppo di età intermedio (35-49 anni) resta attardato (+0,4% a/a). In sintesi, i dati sul mercato del lavoro sono meno negativi di quanto appaia a prima vista, in quanto mostrano per il secondo mese un incremento significativo sia dell’occupazione che del tasso di
partecipazione (entrambi a nuovi massimi storici).

Sebbene i rischi al ribasso sull’economia e sull’occupazione siano cresciuti di recente (come visibile anche da valutazioni meno ottimistiche sul mercato del lavoro da parte di imprese e famiglie), confermiamo la nostra stima di un calo del tasso dei senza-lavoro a 10,7% in media d’anno nel 2018 (dopo l’11,3% del 2017). Nel nostro scenario centrale, la disoccupazione calerebbe ulteriormente, attorno al 10%, l’anno prossimo, ma evidentemente le incognite sull’evoluzione del ciclo nel 2019 sono molto maggiori, e dipenderanno in primis dall’evoluzione dello scenario politico e sui mercati finanziari.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati