Economia

Decreto crescita, ecco la bozza con le norme su fisco, immobili e banche

di

Tutti i dettagli sull’ultima bozza del decreto crescita in cantiere nel governo

Avanza il lavoro del governo per varare il decreto per la crescita.

CHE COSA PREVEDE LA BOZZA PIU’ RECENTE DEL DECRETO CRESCITA

Il nuovo testo accorpa gli interventi in 31 articoli: oltre agli annunciati interventi per le imprese (Ires, Imu capannoni) anche diverse misure di sostegno alle Pmi, compreso l’incentivo al ricambio generazionale.

COME SI COMPONE IL DECRETO CRESCITA

La nuova bozza, frutto degli incontri tecnici degli ultimi giorni, è suddivisa in 3 capi (fisco, rilancio investimenti, tutela made in Italy). Il nuovo testo accorpa gli interventi in 31 articoli: oltre agli annunciati interventi per le imprese (Ires, Imu capannoni) anche diverse misure di sostegno alle Pmi, compreso l’incentivo al ricambio generazionale.

IL TAGLIO DELLE ALIQUOTE

Addio alla poco fortunata mini-Ires: il Dl crescita, in base all’ultima bozza in circolazione, sostituisce lo sconto dal 24% al 15% introdotto in manovra (riservato, con molte specifiche, agli utili accantonati e agli investimenti in beni strumentali nuovi e in assunzioni) con un taglio dell’aliquota al 22,5% praticamente immediato, a partire dall’anno di imposta 2019, al 21,5% per il 2020, al 20,5% per il 2021 e al 20% a regime dal 2022. L’agevolazione riguarda tutti gli utili non distribuiti e reinvestiti, a prescindere dalla destinazione.

DOSSIER IMMOBILI

Incentivare il ricambio dei vecchi edifici con palazzi nuovi e ad alta efficienza energetica. E’ l’obiettivo dello sconto, inserito nell’ultima bozza del decreto crescita, su imposte di registro, ipotecarie e catastali (200 euro l’una) per le imprese che acquistano – non nei centri storici o nelle aree vincolate – interi stabili “a condizione di demolirli e ricostruirli”, anche “con variazioni di sagoma e volumetria urbanisticamente consentite”, per poi rivenderli entro 10 anni. Questo incentivo è “indispensabile per avviare un reale processo di rigenerazione urbana”.

IL FONDO INDENNIZZO PER I RISPARMIATORI

Spunta anche un quarto capo, ancora in via di definizione, che riguarda il Fondo per l’indennizzo dei risparmiatori coinvolti nelle crisi delle banche.

 

ECCO LA BOZZA DEL DL CRESCITA DATATA 27 MARZO

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati