Advertisement skip to Main Content

Croazia

Cosa cambia con la Croazia nell’euro. Report Le Monde

La Croazia entrerà nell'area Schengen e nella zona euro dal 1° gennaio 2023. Tutte le conseguenze di questa decisione nell'articolo di Le Monde.

La Croazia entrerà nell’area Schengen a gennaio: gli Stati membri dell’Unione Europea (UE) hanno approvato la sua adesione giovedì 8 dicembre, respingendo quella di Romania e Bulgaria.

Con questo accordo unanime dei ministri degli Interni riuniti a Bruxelles, la Croazia diventa il ventisettesimo membro di questa vasta zona all’interno della quale più di 400 milioni di persone possono viaggiare liberamente, senza controlli alle frontiere interne. Il Paese di 3,9 milioni di abitanti, membro dell’UE dal 2013, entrerà a far parte della zona euro il prossimo gennaio.

La Romania e la Bulgaria, invece, dovranno aspettare: le loro candidature hanno ricevuto il veto dell’Austria – e dei Paesi Bassi solo per la Bulgaria – causando “un po’ di amarezza in sala”, secondo una fonte diplomatica. “Oggi voterò contro l’allargamento di Schengen a Romania e Bulgaria”, ha annunciato il ministro dell’Interno austriaco Gerhard Karner mentre si recava alla riunione.

L’Austria, che sta affrontando un forte aumento delle richieste di asilo, teme che l’abolizione dei controlli alle frontiere con questi due Paesi possa aumentare ulteriormente il flusso di migranti.

Incoraggiare il turismo

“Congratulazioni sincere alla Croazia”, ha twittato la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, che si è detta “molto delusa” dalla mancata ammissione di Sofia e Bucarest. La commissaria europea per gli Affari interni Ylva Johansson si è detta altrettanto delusa, ma si è detta fiduciosa che i due Paesi aderiranno “prima della fine del mandato” della Commissione europea, nel 2024.

La Commissione europea e il Parlamento chiedono da tempo l’inclusione dei tre Paesi nell’area, che comprende la maggior parte degli Stati dell’UE più Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. L’adesione della Croazia eliminerà, tra l’altro, le code di veicoli ai confini con l’Ungheria e la Slovenia e incoraggerà ulteriormente il turismo.

In cambio dell’adesione all’Accordo di Schengen, i Paesi devono assumere un controllo rigoroso delle frontiere esterne dell’area e impegnarsi a cooperare con le forze di polizia per combattere la criminalità organizzata o il terrorismo.

Mentre l’Austria ha rifiutato l’ingresso della Romania (19 milioni di abitanti) e della Bulgaria (6,5 milioni), i Paesi Bassi si sono opposti solo all’ingresso della Bulgaria. Il ministro olandese dell’immigrazione Eric van der Burg ha dichiarato giovedì che il suo Paese è preoccupato per “la corruzione e i diritti umani” nello Stato balcanico e sta chiedendo alla Commissione una nuova relazione su questi temi.

I dossier di adesione di questi due Paesi ex comunisti, che hanno aderito all’UE nel 2007 e bussano alla porta di Schengen da più di dieci anni, erano collegati dal punto di vista procedurale e il rifiuto di uno significava che l’altro sarebbe stato respinto comunque.

“Maggiore rispetto per il controllo delle frontiere”

La questione dell’allargamento di Schengen è tornata sul tavolo in un momento in cui gli arrivi irregolari alle frontiere esterne dell’UE sono in aumento, dopo un calo durante la pandemia di Covid-19. L’aumento è particolarmente marcato sulla rotta dei Balcani occidentali, dove da gennaio sono stati rilevati circa 139.500 ingressi irregolari nell’UE, secondo Frontex.

Si tratta di un dato ben lontano dai 764.000 ingressi registrati nel 2015, durante la crisi dei rifugiati, ma che non tiene conto dell’esodo di un numero enorme di ucraini. L’aumento del numero di arrivi attraverso questa rotta migratoria – in particolare attraverso la Serbia – ha spinto la Commissione europea a presentare un piano d’azione per cercare di ridurlo, come ha fatto recentemente per la rotta del Mediterraneo centrale.

A differenza dell’Austria, la Francia ha sostenuto che l’allargamento dell’area Schengen ai tre Paesi permetterebbe di “controllare meglio le nostre frontiere” e di limitare l’afflusso attraverso la rotta balcanica. Il Ministro dell’Interno francese, Gérald Darmanin, ha partecipato in mattinata a un incontro con i suoi omologhi tedesco, olandese, belga e britannico, al fine di rafforzare la cooperazione giudiziaria e lo scambio di informazioni per combattere le reti di contrabbando.

Gérald Darmanin ha assicurato che “più di 1.100 arresti di contrabbandieri [sono avvenuti] in Francia, grazie soprattutto alle informazioni europee dello scorso anno”. I ministri hanno anche sostenuto un “accordo di lavoro” tra il Regno Unito e Frontex per combattere l’immigrazione illegale.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top