Economia

Ecco cosa non va nel piano della Banca Popolare Bari

di

popolare di bari

Ecco critiche e proposte della Fabi sul piano presentato dai commissari della Banca Popolare di Bari. L’intervento del segretario nazionale della Fabi, Giuliano Xausa

 

Dalla digitalizzazione all’esatto ammontare delle sofferenze; dagli interventi di riorganizzazione alla rotazione del personale; dalla discontinuità rispetto alla vecchia gestione al ricambio generazionale. E, ovviamente, faro sul tema dei costi.

La Fabi mette i paletti al piano industriale della Banca Popolare di Bari confezionato dai commissari straordinari.

Sono ben 20, infatti, le richieste di chiarimento che abbiamo avanzato come Federazione autonoma bancari italiani.

Ieri ho messo sul tavolo durante il secondo incontro coi vertici della Banca Popolare di Bari sul piano di efficientamento.

Ho chiesto dettagli soprattutto sul versante dei costi, in particolare per sapere quanto pesano e quanto hanno pesato sul bilancio le consulenze, le forniture, gli affitti, gli onorari dei legali.

Il mezzo sicuro per assolvere i robusti scellerati è condannare i deboli innocenti, ho detto citando Cesare Beccaria.

Citazione che ho utilizzato per stigmatizzare l’intollerabile confusione, che alcuni organi di stampa e associazioni stanno compiendo in questi giorni, fra i dipendenti e le gravissime responsabilità degli ex amministratori del gruppo.

Ecco, qui di seguito, l’elenco delle richieste che la Fabi ha presentato sul piano della Banca Popolare di Bari presentato dai commissari.

1. Piano Industriale: è indispensabile un documento di dettaglio, non meramente illustrativo di intenzioni o auspici

2. definizione del futuro della banca (mission)

3. quali iniziative di discontinuità sono state attuate sinora (in particolare sul personale di medio e alto livello espressione fiduciaria della precedente governance)

4. indicazione delle prospettive per la cro

5. comunicazione del core business individuato per BPB

6. significato concreto di Banca del Mezzogiorno

7. indicazione del personale “ruotato”

8. quali riorganizzazioni sono state effettuate sinora

9. costi: quanto e come è stata / sarà attuata la riduzione dei costi (in particolare per consulenze, policy spese, forniture, affitti, costi legali)

10. ricavi: quali, come, dove, con chi, con quali mezzi, con quali prodotti

11. qual è la strategia per affrontare i soci ‘traditi’

12. modalità con cui verrà affrontata l’assemblea a porte chiuse

13. quale logica è alla base della chiusura di 94 filiali

14. qual è la causa dell’aumento del costo del personale del primo semestre 2019 (circa 10 milioni)

15. comunicazione di eventuali trattative individuali ancora in corso (vietate)

16. quanti sono gli npl (non performing loan) da cedere e con quali ricadute

17. elenco dei dirigenti fuoriusciti

18. impatto della digitalizzazione

19. informazioni sul ricambio generazionale (sotto i 35 anni sono presenti solo 200 dipendenti): non se ne trova traccia in nessun documento

20. dati aggiornati sul personale: età, inquadramento.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati