Economia

Ecco come Il Sole 24 Ore ha bruciato i conti di Confindustria

di

Si fa sentire il peso del Sole 24 Ore sui conti di Confindustria. Gli oneri registrati dalla confederazione degli industriali hanno influito in maniera determinante nel rendiconto economico dell’associazione presieduta da Vincenzo Boccia, come emerge dal bilancio 2017 di Confindustria approvato dall’assemblea privata della confederazione che si svolge il giorno prima di quella pubblica (dove Boccia ha auspicato che il governo Conte in fieri non tocchi Tav, Tap, Terzo Valico e legge Fornero).

I RISULTATI 2017

Ecco che cosa si legge nella relazione sulla gestione allegata al bilancio 2017 di Confindustria che Start Magazine ha letto: “Malgrado i risultati conseguiti nel 2017 nella riduzione dei costi generali, il bilancio di esercizio chiude con un disavanzo tra oneri e proventi di 696mila euro”. Il “risultato negativo – è scritto – è principalmente correlato a spese non correnti e alla riduzione dei proventi finanziari, conseguenti al disinvestimento di una parte del patrimonio per la raccolta di liquidità necessaria alla sottoscrizione dell’aumento di capitale de Il Sole 24 Ore spa, realizzato nel mese di novembre”.

I DISINVESTIMENTI

Quali sono i disinvestimenti di cui parlano gli amministratori di Confindustria? Secondo la ricostruzione di Start Magazine, si tratta di prestiti obbligazionari di Intesa Sanpaolo e Banco Popolare, oltre che di polizze assicurative di Generali e Sanpaolo Vita.

DOSSIER TITOLI

Infatti alla voce “Altri Titoli” del bilancio 2017 spicca una variazione in diminuzione di circa 26 milioni di euro. Da notare anche, quanto al “peso” del Sole sui conti di Confindustria, che la “Riserva da rivalutazione partecipazioni” è calata di 9,7 milioni di euro.

IL CAPITOLO PARTECIPAZIONI

Il motivo? “Per effetto dei risultati di bilancio al 31 dicembre 2017 delle società partecipate, in applicazione del metodo di valutazione a patrimonio netto e per effetto della valutazione della partecipazione ne Il Sole 24 Ore in applicazione del Principio OIC 9”, si legge.

IL COSTO DEL PERSONALE

Il totale degli oneri di Confindustria è di 37,6 milioni di euro. Poco meno della metà è dovuto al costo del personale (18,1 milioni di euro), in calo del 9% rispetto all’anno precedente. In crescita le consulenze: alla fine del 2017 hanno toccato i 2,2 milioni di euro, in crescita dell’82% rispetto al bilancio del 2016. e del 54% rispetto al preventivo 2017.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati