skip to Main Content

Il commercio globale dovrebbe partecipare allo sforzo per il clima. Report Ft

Cop27

Quello che è mancato alla Cop27 è la dimensione commerciale: gli scambi e i trasferimenti tecnologici possono accelerare il contenimento delle emissioni. L’articolo del Financial Times

Da decenni ormai, ambientalisti e liberi professionisti si circondano con sospetto reciproco. Fin da quando gli ambientalisti contribuirono a far fallire la leggendaria e disastrosa conferenza dell’Organizzazione Mondiale del Commercio del 1999 a Seattle, ciascuno tende a considerare l’altro rispettivamente come un neoliberista distruttore del pianeta o un ignorante protezionista luddista. Scrive il Financial Times.

Questa relazione disfunzionale di lungo periodo significa perdere una grande opportunità: una forte dimensione commerciale è notevolmente assente dalla conferenza sul clima COP27, che si conclude questa settimana a Sharm el-Sheikh. Nel commercio sono aumentate le misure ambientali difensive, che livellano il campo di gioco internazionale per proteggere le imprese dalle importazioni prodotte secondo standard inferiori. Ma visti i grandi miglioramenti della tecnologia verde, dalle energie rinnovabili alle auto elettriche, la spinta a ridurre le emissioni di carbonio necessita di un elemento più forte di commercio aperto e di trasferimento di tecnologia.

Negli ultimi anni, affrontare la questione ambientale ha significato principalmente l’aggiunta di capitoli sempre più complessi ai tradizionali accordi commerciali preferenziali, o PTA, che stabiliscono le condizioni per un migliore accesso al mercato. Molto spesso, le questioni ambientali impediscono di concludere gli accordi commerciali. Le prospettive di un accordo dell’UE con l’Indonesia sono state offuscate per anni dal fatto che il Parlamento europeo ha bloccato le importazioni di olio di palma a causa delle preoccupazioni sulla deforestazione – una preoccupazione che ora si sta estendendo alle restrizioni su un’intera gamma di prodotti diversi.

Sempre nell’ottica di non dare vantaggi competitivi ai cattivi dell’ambiente, l’altro grande contributo dell’UE al dibattito su commercio e ambiente è la proposta di un meccanismo di aggiustamento delle emissioni di carbonio alle frontiere per evitare la “fuga di carbonio” delle industrie ad alta intensità di emissioni che si spostano all’estero.

Tutto questo può andare bene, anche se gli scettici hanno ragione nel dire che le disposizioni verdi possono essere usate in modo improprio per fini protezionistici. Alcune ricerche dimostrano che la condizionalità verde ha ridotto le esportazioni dei Paesi verso l’UE nell’ambito dei PTA, anche se è discutibile se ciò vada effettivamente a vantaggio dell’ambiente.

Ma l’equiparazione degli standard ambientali non produce e diffonde da sola la tecnologia che rende possibile un futuro prospero a basse emissioni di carbonio. In realtà, la crescita di nuovi settori spesso scatena nuove guerre commerciali, in quanto i produttori cercano di stabilire una posizione dominante nei mercati con il vantaggio del primo arrivato e le economie di scala.

L’installazione di pannelli solari nelle grandi economie mondiali è stata ritardata e complicata da una serie di dispute commerciali che risalgono a un decennio fa, con i produttori europei e statunitensi che lamentavano la concorrenza della Cina. Ci sono stati scontri simili sul commercio di biciclette elettriche e di attrezzature per l’energia eolica.

A dire il vero, negli anni successivi all’inizio delle guerre commerciali sul solare, il pericolo di dipendere dalla Cina per una tecnologia difficilmente sostituibile è chiaramente aumentato. Pechino è diventata sempre più disposta a usare la coercizione economica, anche se i suoi primi tentativi contro le economie avanzate (Australia e Lituania) non sono stati del tutto efficaci.

È ragionevole che le economie, sia a medio reddito che avanzate, diversifichino le loro reti di approvvigionamento. Ma la resilienza spesso si sbilancia verso il protezionismo. Ridurre la dipendenza dalla Cina non dovrebbe significare un onshoring automatico. Se ogni economia del mondo cerca di sviluppare la propria tecnologia e la propria industria nazionale, ci sarà un vasto e inefficiente arcipelago di mercati discreti piuttosto che una massa critica efficiente.

Gli investimenti governativi nelle tecnologie verdi sono assolutamente giustificati, visti i benefici ambientali che possono apportare. Ma legare questa spesa a requisiti di contenuto locale, come fanno notoriamente gli Stati Uniti con il loro credito d’imposta per i veicoli elettrici, non è un modo sensato di farlo.

I governi potrebbero fare bene a investire abbondantemente nel sostegno di nuovi prodotti all’avanguardia, invece di creare carenze di capacità in settori maturi come la produzione di semiconduttori. Ma una corsa alle sovvenzioni in cui le preoccupazioni di onshoring prevalgono sull’efficienza non è il modo per creare e diffondere la tecnologia più efficiente. È più probabile che irriti i partner commerciali, che rispondono con dazi all’importazione contro i prodotti che considerano oggetto di dumping o di sovvenzioni ingiuste.

L’aspetto commerciale della tecnologia e del cambiamento climatico è stato seriamente trascurato. I colloqui tra una coalizione di Paesi (inizialmente) disposti a tagliare le tariffe sui beni per favorire l’ambiente sono iniziati nel 2014 in seno all’OMC. Ma si sono presto arenati quando l’UE, in particolare, si è opposta all’affermazione perfettamente ragionevole della Cina secondo cui le biciclette sono prodotti ecologici, e i colloqui si sono arenati.

Inoltre, la vaga idea che il commercio globale sia dannoso per il pianeta a causa di navi e aerei da carico che bruciano combustibili fossili è stata spesso lasciata vagare nei circoli politici e nell’opinione pubblica senza essere effettivamente messa in discussione. In realtà, il trasporto internazionale di merci è in media molto meno della metà dell’impronta di carbonio delle merci scambiate.

Come sempre, la globalizzazione e il commercio aperto non sono mai tutti buoni o tutti cattivi, anche se tendono ai primi. Di certo non sono i principali responsabili dello stato del pianeta e del suo clima, ma potrebbero svolgere un ruolo molto più importante nel migliorarlo.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore