Economia

Che cosa succede alla bilancia commerciale italiana. Report Istat

di

istat

Il calo dell’export su base annua è del 3,5%, determinato dalla flessione delle vendite sia per l’area Ue (-4,6%) sia per quella extra Ue (-2,1%)

 

A fine giugno si stima che il surplus commerciale aumenti di 554 milioni, da 5.174 milioni di giugno 2018 a 5.728 milioni. Nei sei mesi dell’anno l’avanzo commerciale raggiunge 22.107 milioni (+42.414 milioni al netto dei prodotti energetici). Lo comunica Istat, segnalando che a giugno prosegue il trend di crescita congiunturale dell’export che persiste da quattro mesi, determinato dall’aumento delle vendite verso i mercati extra Ue.

A giugno le esportazioni salgono dell’1,2% su mese e l’import scende del 2,1%: l’aumento dell’export è determinato dall’incremento delle vendite verso i mercati extra Ue (+3,9%), mentre quelle verso i paesi Ue risultano in diminuzione (-1%). Nel secondo trimestre si registra un aumento congiunturale per entrambi i flussi commerciali con l’estero, più intenso per le esportazioni (+1,7%) che per le importazioni (+1,2%).

Il calo dell’export su base annua è del 3,5%, determinato dalla flessione delle vendite sia per l’area Ue (-4,6%) sia per quella extra Ue (-2,1%); analogamente le importazioni sono in diminuzione (-5,5%) sia dall’area Ue (-6,1%) sia dai mercati extra Ue (-4,7%). ù

Tra i settori che contribuiscono alla flessione tendenziale dell’export: mezzi di trasporto, autoveicoli esclusi (-26,4%), metallo, esclusi macchine e impianti (-5,9%), petroliferi raffinati (-14,5%) e auto (-8,3%), mentre contribuiscono positivamente gli articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+34,5%). Su base annua, i paesi che contribuiscono maggiormente alla diminuzione dell’export sono Germania (-8%), Svizzera e paesi Opec (-13,5% per entrambi), Francia (-3,8%), mentre si registra un aumento verso Usa (+4,1%) e Giappone (+27,9%). Nei sei mesi, l’aumento dell’export (+2,7%) e’ determinato da articoli farmaceutici, chimico-medicinali e botanici (+28%), prodotti tessili e abbigliamento, pelli e accessori (+7,3%), alimentari, bevande e tabacco (+6,9%).

Istat spiega che la flessione dell’export su base annua è condizionata dalla contrazione dei beni strumentali, che nel 2018 avevano registrato movimentazioni di elevato impatto. Nel primo semestre 2019 l’export segna una crescita tendenziale del 2,7% in valore che si traduce in una flessione dello 0,9% in volume a causa del sostenuto incremento dei valori medi unitari (+3,6%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati