Economia

Ecco come sarà la nuova Autostrade per l’Italia (Aspi) targata Cdp

di

Cdp borsa

Fatti, numeri e scenari sul nuovo assetto non solo azionario (con baricentro in Cdp) che avrà Aspi (Autostrade per l’Italia) dopo l’accordo di transazione fra governo e Atlantia (Benetton)

 

Un aumento di capitale da almeno 3 miliardi dedicato a Cdp, che la porterà al 33% di Autostrade, una cessione di quote pari al 22% della stessa Aspi da parte di Atlantia a un investitore istituzionale (o a più investitori graditi e individuati da Cassa, come recita il comunicato di Palazzo Chigi) e infine una scissione di Aspi contestuale all’Ipo che vedrà Edizione diluirsi all’11%. Inoltre la garanzia del debito di Aspi (5 miliardi) oggi in capo ad Atlantia passerà a carico dei nuovi investitori.

E’ questo, secondo quanto ricostruito da Radiocor-Sole 24 Ore, il percorso che dovrebbe essere seguito per il riassetto della concessionaria autostradale che avrà come perno Cdp, la Cassa depositi e prestiti controllata dal ministero dell’Economia e partecipata dalle fondazioni bancarie.

Lo schema è ancora passibile di ulteriori aggiustamenti e vari dettagli verranno definiti nei prossimi giorni, tuttavia i capisaldi sono stati definiti e il prossimo passaggio dovrà essere l’accettazione formale da parte del governo della proposta di Aspi-Atlantia.

L’elemento chiave di tutta l’operazione sarà comunque il valore di riferimento di Aspi che ancora non è stato indicato e che influenzerà i termini dell’aumento di capitale.

Al momento non si può stabilire un valore perché serve prima una revisione della concessione che fissi le nuove tariffe: solo così si può calcolare la remunerazione degli investimenti.

Il rendimento sul capitale investito — il cosiddetto indice «Wacc» — scende dal 10% al 7,09%, secondo il modello dell’authority sui trasporti (che era stato contestato da Aiscat, l’associazione che rappresenta le concessionarie autostradali), questo comporterà una riduzione attesa sui flussi di cassa del 5% per i primi 5 anni; dal 2026 ci sarà un nuovo piano economico-finanziario

Il valore di Autostrade in questo momento è un rebus, ha scritto il Corriere della Sera: “Le stime variano tra 5 e i 10 miliardi. L’incasso netto dei Benetton potrebbe oscillare tra i 3 e i 6 miliardi di euro. Ma, in realtà, tutto dipende da quel numero che ancora non c’è”.

“Secondo le stime su cui a Roma — tra Palazzo Chigi, il Mef e la Cdp guidata da Fabrizio Palermo — stanno ragionando, tutta la società varrebbe circa 4,8-5 miliardi di euro come valore del capitale (equity value) – ha aggiunto il Corriere della Sera  – Considerando anche il debito della capogruppo Atlantia attribuibile ad Aspi — che rappresenta circa il 60% dei margini dell’intero gruppo — il valore complessivo dell’azienda (enterprise value) arriva a circa 10 miliardi. La quota in capo ad Atlantia vale quindi 8,8 miliardi di euro, mentre il resto è in mano ai soci di minoranza Allianz e ai cinesi di Silk Road”.

Il riassetto, compresa l’Ipo, durerà circa sei mesi nella migliore delle ipotesi e potrebbe così concludersi a inizio 2021.

Il nuovo assetto azionario di Aspi vedrà un blocco composto da Cdp (33%) con investitori istituzionali (22%) che formeranno così una maggioranza del 55% mentre Edizione (la holding della famiglia Benetton) sarà all’11% e gli altri soci di Atlantia con quote ancora più ridotte; sia la cordata guidata da Allianz (oggi al 7%) sia i cinesi di Silk Road (oggi al 5%) risulteranno diluiti ma potranno nel caso risalire acquistando sul mercato.

Atlantia, la società che attualmente possiede l’88% di Aspi, venderà il 22% del suo pacchetto di azioni ad alcuni fondi infrastrutturali (si fanno i nomi degli australiani di Macquaire e degli americani di Blackstone mentre l’italiano F2i si è mostrato più tiepido, secondo quanto scritto da Radiocor) e quindi incasserà una cifra che varia tra 2 e 2,64 miliardi (secondo i calcoli di Giovanni Pons di Repubblica).

E i debiti? I debiti di Autostrade per l’Italia (9,3 miliardi,) saranno accollati ai nuovi soci inclusi i 5,5 miliardi che oggi sono garantiti da Atlantia. L’aumento di capitale da 3-4 miliardi potrebbe comunque andare ad abbattere una parte di questi debiti, ha scritto Repubblica.

Resta il nodo degli eventuali risarcimenti stabiliti dal processo di Genova, sottolinea il Corriere della Sera: “Gli investitori pronti a subentrare ritengono ineludibile la manleva per tutelarsi dal rischio. Autostrade nell’accordo col governo ha riconosciuto un valore di 3,4 miliardi”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati