Economia

Come e quanto Argentina, Bolivia e Cile sono ricchi di litio

di

litio

Il Sud America controlla circa il 70% delle riserve mondiali di litio, il metallo utilizzato nelle batterie ricaricabili per telefoni cellulari e veicoli elettrici. Fatti, numeri, commenti e analisi

Il Sud America controlla circa il 70% delle riserve mondiali di litio, il metallo utilizzato nelle batterie ricaricabili per telefoni cellulari e veicoli elettrici, ma nessuna delle infrastrutture necessarie per immetterlo sul mercato. “La raffinazione del litio e gli impianti di assemblaggio delle batterie potrebbero aiutare a rilanciare le industrie in economie che dipendono in larga misura dalle materie prime per le entrate statali, e che invece sono messe a rischio a causa delle forti oscillazioni dei prezzi – si legge su Bloomberg -. Ma finora, iniziative pubbliche e private in Argentina, Bolivia, Brasile e Cile non sono riuscite a realizzare nemmeno una singola fabbrica di celle al litio. E nessuna sarà costruita fino al 2025”.

IL CILE ESEMPIO DI OPPORTUNITÀ PERSE

Il Cile, il secondo produttore di litio al mondo dopo l’Australia, offre forse il miglior esempio di uno sforzo andato male. “Un progetto da 285 milioni di dollari sulle celle al litio di due società coreane è stato annullato a giugno, quando i prezzi del metallo sono scesi al di sotto degli incentivi governativi. Nel frattempo, un’azienda locale che assembla batterie utilizzando componenti provenienti dall’estero sta lottando per ottenere celle al litio necessarie per sostenere le vendite in Cile”, ha sottolineato Bloomberg secondo cui nella regione, altri paesi devono affrontare queste sfide.

ARGENTINA AL TERZO POSTO TRA I PRODUTTORI MONDIALI

L’Argentina, sottolinea Bloomberg, è il terzo produttore di litio e ha visto un sostegno anche da parte dello Stato. L’anno scorso la Seri Industrial SpA ha costituito una joint venture con la JEMSE, la Jujuy Energy and Mining State Society. Il progetto prevedeva la costruzione di un impianto per la produzione di catodi e celle al litio e l’assemblaggio di parti di batterie, utilizzando il litio grezzo estratto nella provincia argentina di Jujuyuy. Ma la crisi economica e la possibilità che il candidato peronista Alberto Fernandez potesse vincere le prossime elezioni presidenziali ha, nelle parole del presidente di JEMSE Carlos Oehler, “raffreddato tutti i progetti di investimento in Argentina, compresa la costruzione di una fabbrica di batterie”. Il terreno e i permessi sono pronti, ha detto Oehler, “e stavamo iniziando a cercare finanziamenti, ma il progetto è stato congelato”.

BRASILE SENZA INCENTIVI E CON DAZI SULLE BATTERIE

Nella più grande economia dell’America Latina, l’ex dirigente di Tesla Marco Krapels e l’ex dirigente di SunEdison Peter Conklin hanno fondato MicroPower-Comerc con l’obiettivo iniziale di fornire batterie ricaricabili a strutture commerciali e industriali. Ma il Brasile non offre quasi nessun sussidio governativo per le rinnovabili, e le tasse di importazione aggiungono circa il 65% al costo delle batterie. Questo ha spinto l’azienda, sostenuta da Siemens AG, a considerare l’acquisto di componenti all’estero e il loro assemblaggio in Brasile come un modo per abbassare i costi. Mentre il mercato nazionale delle grandi batterie esiste a malapena, Krapels vede opportunità date da una rete elettrica a volte instabile e un mercato solido per l’energia eolica e solare.

BOLIVIA ALLE PRESE CON L’IMPIANTO PILOTA

La Bolivia non è riuscita a produrre volumi significativi di litio o di prodotti a base di litio. Ma è sede della più grande salina del mondo, che copre 6.437 chilometri quadrati e detiene oltre il 15% delle risorse di litio non estratte al mondo. Un impianto pilota gestito da Yacimientos de Litio Bolivianos, o YLB, di proprietà statale, ha prodotto quasi 250 tonnellate di carbonato di litio nel 2018; l’obiettivo del paese è di generare 150.000 tonnellate in cinque anni, in collaborazione con aziende tedesche e cinesi. Se avrà successo, la Bolivia diventerà una delle nazioni più produttive. Il mese scorso, Industrias Quantum Motors SA ha iniziato la vendita della prima auto mai costruita nel paese, un veicolo elettrico che ha risposto al desiderio del presidente Evo Morales di vedere un’auto al litio “made in Bolivia”. Il problema? Gli acquirenti non sono autorizzati a guidare le auto sulle autostrade boliviane fino a quando il governo non cambierà alcune norme.

IL CILE IL PAESE CHE HA INVESTITO DI PIÙ. ANCHE ENEL COMPRA DA ANDESVOLT

Il Cile rappresenta il produttore di litio che più di tutti ha cercato di incoraggiare i produttori di batterie a costruire fabbriche nel paese costringendo i minatori a vendere il minerale a prezzi scontati. Questo ha attirato l’interesse di giganti come Samsung SDI Co. e Posco nel 2017, quando i prezzi del litio erano ai massimi storici. Ma da allora, i prezzi sono scesi di un terzo, e all’inizio di quest’anno le aziende hanno abbandonato i loro piani. Anche quelli che si sono imbarcati in iniziative meno ambiziose si trovano ad affrontare ostacoli seri. Nel sud del Cile, Andesvolt attualmente importa dall’estero e assembla nella città meridionale di Valdivia batterie agli ioni di litio per aziende elettriche, tra cui Enel Americas SA, che le installa come accumulatori di riserva in impianti industriali, commerciali e residenziali in tutto il paese. Andesvolt prevede di produrre 1.000 chilowattora quest’anno, rispetto ai 200 chilowattora dell’anno scorso. Ma sta trovando così difficile importare celle al litio che sta pensando di costruire la prima fabbrica sudamericana di questo prodotto. Affrontare il problema dell’importazione delle celle dalla Cina è troppo, ha detto il fondatore e amministratore delegato David Ulloa. Le celle di litio sono altamente volatili e possono esplodere se non gestite correttamente, il che significa che le compagnie di navigazione sono spesso riluttanti a trasportarle. Anche quando lo fanno, non c’è alcuna garanzia che il carico arrivi puntuale o arrivi per intero.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati