Economia

Chi traina la produzione industriale

di

aziende produzione industriale Piemonte

Il commento di Paolo Mameli, senior economist della direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo, sul dato produzione industriale a giugno

La produzione industriale è salita per il secondo mese di fila a giugno (+0,5% m/m dopo il +0,8% m/m di maggio), trainata dai beni strumentali. La tendenza annua è ai minimi da aprile dell’anno scorso (+1,7%), ma è espansiva per il ventitreesimo mese consecutivo (il ciclo più lungo da oltre 10 anni). Il rimbalzo dell’output di maggio e giugno crea un effetto statistico positivo per il trimestre estivo, quando l’industria potrebbe tornare a contribuire al valore aggiunto dopo la stagnazione del primo semestre. È pertanto possibile una moderata riaccelerazione del PIL su base congiunturale dopo lo 0,16% t/t visto nel 2° trimestre.

La produzione industriale è salita per il secondo mese di fila a giugno, di +0,5% m/m dopo il +0,8% m/m di maggio (rivisto al rialzo di un decimo). Il dato è in linea con la nostra previsione e leggermente più forte rispetto alle attese di consenso.

L’incremento è diffuso, con la sola eccezione dell’energia (-0,7% m/m dopo il +1,2% m/m di maggio). Trainanti i beni capitali, che crescono per il quarto mese di fila e mettono a segno un incremento di ben +1,4% m/m e 5,4% a/a. La produzione manifatturiera (al netto di energia e attività estrattive) è salita lievemente più dell’indice generale (+0,6% m/m).

La tendenza annua ha perso marginalmente terreno a +1,7% da un precedente +2,2%. Il dato (corretto per gli effetti di calendario) è ai minimi da aprile dell’anno scorso. Tuttavia, si tratta del ventitreesimo mese consecutivo di espansione: è la striscia positiva più lunga da quella a cavallo tra fine 2005 e fine 2007.

Il dettaglio per settore di attività economica resta misto. Tra i comparti manifatturieri, quattro su un totale di quattordici restano in calo su base annua: coke e petroliferi raffinati (-8,6%), legno, carta e stampa (-4,2%), tessile e abbigliamento (-2,3%) e gomma e plastica (-0,4%). Viceversa, i settori più trainanti sono il farmaceutico, i mezzi di trasporto, la meccanica e le apparecchiature elettriche (+11,8%, +7,1%, +6,4% e +5,7%, rispettivamente).

In sintesi, la produzione industriale è risultata stagnante nel trimestre primaverile, come già accaduto nei primi tre mesi dell’anno (-0,2% t/t). Tuttavia, la crescita registrata a maggio e giugno crea un effetto statistico positivo per il trimestre in corso (+0,6% t/t). In altri termini l’industria dovrebbe tornare a contribuire alla crescita del valore aggiunto nei mesi estivi, dopo un apporto nullo nella prima metà dell’anno.

È dunque possibile una marginale riaccelerazione della crescita su base congiunturale del PIL nel trimestre estivo, nella forchetta 0,2-0,3% t/t (da 0,16% nei mesi primaverili). Tuttavia, anche se l’attività economica registrasse un +0,3% t/t, difficilmente la crescita media annua nel 2018 risulterebbe significativamente al di sopra dell’1%.

Inoltre resta scarsa visibilità sull’evoluzione del ciclo nel 2019: l’incertezza sul fronte delle politiche economiche e dei mercati finanziari non ha sinora avuto un impatto tangibile sull’economia reale, ma non è escluso che possa avere effetti su un orizzonte più lungo. In sostanza, nonostante il buon dato sulla produzione industriale di giugno, i rischi sull’orizzonte di crescita restano verso il basso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati