Economia

Chi e quanto beneficerà del taglio del cuneo fiscale. Numeri e stime

di

Che cosa prevede la misura sul cuneo fiscale e quali sono le prime simulazioni.

Il premier Giuseppe Conte difende la manovra del governo, in primis il taglietto al cuneo fiscale, e gli esperti stimano già i primi effetti. Ecco parole, numeri e simulazioni.

“È una manovra coraggiosa, nel segno della crescita pur avendo risorse limitate. Solo chi non l’ha letta può definirla pallida. E spinge l’Italia nel futuro. Abbassiamo le tasse e con il cuneo fiscale diamo più soldi in busta paga ai lavoratori, circa 500 euro l’anno a persona. Eliminiamo il super ticket. Ci sono 600 milioni in più per le famiglie, asili nido gratuiti e 100 milioni in più per i disabili. E poi – ha detto Conte al Corriere della Sera – c’è la madre di tutte le battaglie: la lotta all’evasione fiscale, che rappresenta un cambio di passo mai visto prima. E tutto questo senza aumentare l’Iva e non toccando quota 100″.

Alla domanda se il problema si riproporrà, il presidente del Consiglio ha risposto: “Non è detto. Contiamo di recuperare 9 miliardi nel prossimo triennio dalle misure di contrasto alla lotta all’evasione. E la cifra può aumentare di molto col piano che premia i contribuenti onesti con un superbonus. Sono risorse che useremo per abbassare le tasse e impedire che l’Iva aumenti negli anni successivi”.

Secondo le simulazioni elaborate per il Sole 24 ore dallo studio De Fusco & Partners, “con la nuova misura il vantaggio fiscale parte in maniera extra light per i lavoratori con retribuzioni mensili fino a 1.900 euro (pari a 24.700 euro annui): avranno sia nel 2020 che nel 2021, ogni mese 4 euro netti in più in busta paga rispetto ad oggi (conservando il bonus Renzi pari per loro a 76 euro)”, ha scritto il quotidiano di Confindustria.

«La scelta dell’Esecutivo sembra essersi spostata dalla platea tradizionalmente tutelata fino a 26mila euro di reddito, a quella fino a 35mila – ha spiegato Enzo De Fusco, consulente del lavoro-. Oramai la fascia fino a 26mila euro paga imposte che non superano il 7-8%, per effetto delle detrazioni e del bonus Renzi. Se si fosse concentrata l’operazione di taglio del cuneo su questa fascia di redditi, ci sarebbe stato un azzeramento dell’Irpef fino a 16-17mila euro di imponibile. Si è dunque privilegiata la fascia immediatamente successiva. La ratio dell’intervento è quella di rendere progressiva la riduzione del cuneo favorendo le fasce di redditi medio alti».

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati