skip to Main Content

Chi deve educare alla finanza

Educazione Finanziaria

Conversazione con Marcello Presicci, presidente dell’advisory board della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio voluta dall’Abi sul position paper dal titolo: “L’educazione Finanziaria che vorrei”

 

Marcello Presicci insegna lobbying e comunicazione alla LUISS Business School ed è presidente dell’advisory board della Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio voluta dall’Abi. E’ uno dei fondatori della Scuola Politica “Vivere nella Comunità” giunta quest’anno alla terza edizione.

Partiamo dal position paper dal titolo: “L’educazione Finanziaria che vorrei” realizzato in collaborazione con gli studenti della Scuola Politica, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e StartMag come media partner. Come è nata l’idea?

Quando insieme al nostro Supervisory Board ho riflettuto su come arricchire l’esperienza formativa degli studenti abbiamo pensato di lavorare su position paper e documenti, di interesse collettivo, che potessero offrire visibilità ai partecipanti stessi. In questo modo forniamo loro una possibilità concreta di proporre idee e liberare le loro energie positive. Da qui è nato il format che vede protagonisti gli studenti, i partner istituzionali (come ad esempio Banca d’Italia, Fondazione CRT, il Dipartimento della Funzione Pubblica, l’intergruppo parlamentare sull’Intelligenza Artificiale, FERPI, ecc.) e i nostri media partner.

Stiamo assistendo ad un crescente dibattito sull’importanza dell’educazione finanziaria di cui FEDUF, presieduta da Stefano Lucchini, è uno dei maggiori soggetti promotori. Cosa significa questo per lei?

Occupandomi di formazione e relazioni istituzionali non posso non sottolineare come l’educazione finanziaria rappresenti ormai non solo uno strumento di tutela e valorizzazione del patrimonio economico individuale, ma un diritto di cittadinanza richiamato dalla stessa Costituzione italiana. Per questo ci adoperiamo molto nel coinvolgimento dei più giovani, individuando iniziative e linguaggi che possano intercettare i loro bisogni e al contempo fornire misure appropriate per colmare le tante carenze relative a queste tematiche economiche.

La Scuola Politica “Vivere nella Comunità” è giunta alla terza edizione. Come spiega questo interesse?

Come è noto la natura della nostra iniziativa è assolutamente inedita poiché è la prima Scuola Politica davvero apartitica e interdisciplinare. Credo che questo sia stato riconosciuto da subito come un valore reale ed abbia permesso a noi fondatori di aggregare molte personalità di straordinaria caratura, come i CEO delle partecipate dello Stato, i ministri, i presidenti e i tanti docenti che donano prestigio al nostro progetto. Lo spirito di servizio che poniamo a favore dei giovani è poi autentico. Noi non vendiamo corsi, non ci interessano aspetti di business. Tutto quello che facciamo è investire il nostro tempo al servizio del Paese e della futura classe dirigente con grande serietà.

Il prossimo mese si insedierà un nuovo governo. Quanto è importante avere una classe dirigente e dei giovani all’altezza delle sfide dei nostri tempi?

Questo è uno degli obiettivi della vostra iniziativa. Il nostro piccolo contributo, come ha affermato la Ministra Marta Cartabia e l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo Carlo Messina, è quello di innalzare la preparazione dei giovani investendo nella loro professionalità e formazione. La corsa alla “rottamazione” di una generazione e “l’uno vale uno” hanno di fatto impedito il naturale ricambio nel pubblico e privato, lasciando il Paese molto spesso nelle mani di personalità prive delle giuste competenze e di una visione complessiva del “bene comune”, oltre che di una pochezza culturale disarmante. La Politica, quella alta, o la gestione nel privato non si possono improvvisare ma necessitano di adeguata formazione che riconsegni loro, tra l’altro, la saggezza delle parole, l’eleganza della gentilezza e l’autorevolezza delle competenze.

Lei oltre che docente è anche senior advisor di molte aziende italiane e multinazionali in ambito public affairs e comunicazione. Che consigli sente di dare ai giovani professionisti di questo settore?

Credo che nel percorso di formazione superiore e universitario vi sono ormai competenze trasversali che sono necessarie per qualunque lavoro, carriera o specializzazione si voglia poi intraprendere: esse sono le lingue, il digitale, l’educazione finanziaria e la comunicazione. Suggerisco sempre ai nostri studenti di investire nella propria rete relazionale poiché significa far ricorso a un insieme di connessioni utili, cioè a soggetti che hanno a loro volta una gamma di conoscenze funzionali al raggiungimento degli obiettivi professionali o sociali. Rafforzare quindi gli aspetti comunicativi e relazionali è assolutamente indispensabile in ogni settore lavorativo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore