skip to Main Content

Vi dico chi boicotta il piano Savona sugli investimenti. Parla il prof. Carlo Pelanda

Criptovalute Savona

Il piano di Paolo Savona sugli investimenti pro crescita, la trattativa con Bruxelles e i possibili dissidi nel governo e fra le istituzioni. Che cosa ha detto e scritto l’analista e amico del ministro Savona, Carlo Pelanda

“Perché Savona ha sentito il bisogno di scriverlo sulla stampa invece di rifinire il disegno nel giusto silenzio delle stanze governative?”.

E’ la domanda alla quale ha cercato di rispondere oggi sul quotidiano La Verità Carlo Pelanda, saggista, analista e docente di geopolitica economica, da tempo amico e collega dell’economista Paolo Savona, attuale ministro degli Affari europei nel governo Conte.

IL PIANO DI SAVONA

Pelanda parte da quell’interrogativo per comprendere e analizzare le ragioni per cui Savona ha appunto deciso di scrivere un intervento sulla stampa economica e finanziaria per illustrare le sue idee sulla bontà e la necessità, anche ai fini della trattativa con Bruxelles su manovra e conti pubblici, si un piano di investimenti statali e privati (qui l’intervento integrale di Savona).

IL RUOLO DEGLI INVESTIMENTI

L’economista e ministro ha calcolato che circa 40 miliardi di nuovi investimenti, di cui circa un terzo pubblici e due terzi di società private ma partecipate dal Tesoro direttamente o indirettamente come Leonardo-Finmeccanica, Terna, Eni ed Enel, potrebbero portare le stime del Pil nominale italiano 2019-20 oltre il 3% e di quello al netto dell’inflazione (circa 1,5%) attorno al 2%.

GLI OBIETTIVI DA CENTRARE

Se questi numeri di Savona fossero trasferiti nelle previsioni che condizionano il progetto di bilancio 2019 – ragiona Pelanda – “allora l’equilibrio contabile richiesto dall’Ue sarebbe ottenibile senza sacrificare risorse per lo sviluppo e, in particolare, migliorerebbe il rapporto debito-Pil dando al mercato e alle agenzie di rating il segnale che finalmente l’Italia è in grado di ridurre il debito stesso aumentando il tasso di crescita”.

L’ANALISI DI PELANDA

Ma chi frena il piano di Savona se il ministro ha sentito l’esigenza di scrivere un intervento sulla stampa economica e finanziaria?

A questa domanda, appunto, l’amico e collega di Savona, Pelanda, cerca di rispondere. Le ipotesi sono diverse. “Contrasti con Giovanni Tria, forse? Forse Tria sta subendo condizionamenti per portarlo su una politica statica, come lo fu quella di Pier Carlo Padoan perché lo standard Ue la predilige, il Quirinale è euroconformista e la burocrazia strategica antagonizza la maggioranza sperando di farla fallire e cadere?”, scrive – e si chiede – l’analista.

CHE COSA DICE PELANDA A START MAGAZINE

“Se uno come Savona è costretto a scrivere ciò che ha scritto vuol dire fondamentalmente che il governo si sta preoccupando e che c’è bisogno dell’intervento di uno come Savona, che queste cose le conosce bene – sintetizza Pelanda con Start Magazine -. Non è che ci sia un problema Savona-Tria, che sono allineati. C’è semmai un tentativo di soffocare l’iniziativa riformatrice. Io non ne conosco i dettagli, ma ci sono più attori interessati a far fallire il progetto di questo esecuitivo: parlo della burocrazia strategica e di gruppi di potere”.

IL TERRORISMO PSICOLOGICO SECONDO L’ANALISTA

Secondo Pelanda è in corso un attività di “terrorismo psicologico” contro il governo e l’arma che si agiterebbe contro l’esecutivo sono gli attacchi dei mercati, e “se non hai decenni di esperienza, come ha Savona, certe minacce ti spaventano”.

Ecco spiegato  l’intervento “pubblico” del ministro degli Affari europei. “Ma attenzione – precisa Pelanda – Il vero tema è politico, non finanziario. In realtà chi vive solo di mercato fa il tifo per questo governo che promette di aumentare gli investimenti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore