Advertisement skip to Main Content

Amazon Piccole Medie Imprese

Che succede alla nuvola di Amazon?

La previsione di Amazon circa un rallentamento della crescita del cloud (a causa di una minor domanda di tecnologia) oscura i risultati trimestrali del colosso dell'e-commerce, migliori del previsto. Fatti, numeri e approfondimenti

 

Trimestrale superiore alle attese per Amazon ma preoccupa il cloud.

Nei primi tre mesi dell’anno il colosso dell’e-commerce ha registrato vendite per 127,4 miliardi di dollari e il maggior profitto trimestrale dal 2021, battendo le stime. Tuttavia la società guidata da Andy Jassy ha lanciato un monito agli investitori riguardo la crescita di Amazon Web Services (Aws), l’unità cloud del gruppo. Il ceo ha avvertito che la crescita dell’attività di cloud computing continua a raffreddarsi, deludendo le speranze che la divisione più redditizia dell’azienda stesse resistendo a un ambiente poco brillante per la spesa tecnologica, osserva Bloomberg.

Quindi se i conti di Amazon hanno battuto le attese in termini di ricavi, l’avvertimento del gigante di Seattle mette un freno alle azioni, che erano aumentate fino al 12% nel trading afterhours, ma hanno frenato dopo i commenti sul cloud. Le azioni sono scese dell’1,3% nelle negoziazioni pre-mercato di venerdì. Dall’inizio dell’anno, il titolo di Amazon guadagna il 30,9%.

Tutti i dettagli.

CRESCONO I RICAVI

Al 31 marzo le vendite di Amazon sono aumentate del 9% a 127,4 miliardi di dollari, superando le attese pari a 124,5 miliardi e in rialzo dai 116,44 miliardi di un anno prima.

E I PROFITTI

Allo stesso tempo Amazon ha registrato un utile di 3,17 miliardi di dollari, o 31 centesimi per azione, dopo la perdita di 38 centesimi dello stesso trimestre del 2022. Gli esperti attendevano un utile di 21 centesimi.

SPINGE L’ADVERSTING

In particolare, le entrate pubblicitarie sono cresciute del 23% a 9,5 miliardi di dollari, superando le attese a 9,1 miliardi.

COME VA AMAZON WEB SERVICES

Ma tutti gli occhi sono puntati sulla divisione cloud (AWS) che ha invece riportato una crescita dl 16% a 21,3 miliardi, appena un soffio sopra i 21,2 miliardi attesi, dopo i 18,44 miliardi di un anno prima. Numeri questi ultimi che parlano di un rallentamento del business chiave del gruppo, che il trimestre precedente aveva registrato una crescita del 20%.

AWS è leader di mercato del cloud, in cui compete con rivali tra cui Microsoft e Google di Alphabet. L’unità è stata per anni la principale fonte di reddito operativo di Amazon, aiutando a finanziare le grandi scommesse dell’azienda in nuove aree anche quando Amazon ha faticato a realizzare un profitto nel suo principale franchising di vendita al dettaglio online.

Ma ora AWS è meno redditizio rispetto a un anno fa, come emerge dalle dichiarazioni del direttore finanziario Brian Olsavsky, durante la conference call con gli analisti, quando ha parlato di un contesto difficile e di un rallentamento della spesa dei clienti per il cloud. “Come previsto, i clienti continuano a valutare modi per ottimizzare la loro spesa cloud in risposta a queste difficili condizioni economiche nel primo trimestre”, ha affermato Olsavsky, che anticipa un trend analogo anche per il secondo trimestre.

IL COMMENTO DEGLI ANALISTI

Alcuni analisti hanno ipotizzato — segnala Bloomberg — che mentre le aziende cercano di ridurre i costi tecnologici, la crescita di AWS potrebbe scendere a una sola cifra, un drammatico rallentamento per un’azienda che è entrata nel 2022 con vendite trimestrali in aumento di quasi il 40% su base annua.

L’avvertimento sottolinea la sfida che i principali fornitori di cloud, tra cui Amazon, stanno affrontando mentre i clienti sempre più attenti ai costi e un’economia indebolita si combinano per fare pressione su quello che è stato un mercato in crescita significativa, sottolinea il Financial Times.

RALLENTA ANCHE IL CORE BUSINESS

Nel frattempo, la crescita è rallentata drasticamente anche nel core business dell’e-commerce di Amazon da quando il boom dell’era della pandemia si è esaurito. Le vendite nella categoria dei negozi online di Amazon, l’attività originaria dell’azienda, sono rimaste invariate rispetto a un anno fa e in calo di circa il 4% rispetto allo stesso periodo del 2021.

LE PREVISIONI PER IL SECONDO TRIMESTRE

Infine, nonostante l’avvertimento sull’andamento della divisione cloud, per il secondo trimestre, Amazon prevede ricavi tra i 127 e i 133 miliardi, contro i 129,8 miliardi della previsione degli analisti, e un utile operativo tra i 2 e i 5,5 miliardi, contro i 4,43 miliardi del consensus.

Back To Top