Economia

Che cosa succederà allo spread con Draghi a Palazzo Chigi

di

spread recovery fund

E’ ipotizzabile un’ulteriore compressione dello spread Btp/Bund fra i 20 e i 30 punti base con obiettivo l’area 70/80 bps con Draghi premier. Il commento di Fabio Castaldi, investment manager di Pictet Asset Management

 

Il fallimento del tentativo di mediazione del Presidente della camera Fico nel dar vita ad un nuovo governo politico ha prodotto il risultato più gradito per chi investe nelle attività finanziarie del nostro Paese.

LA SCELTA DI MATTARELLA PER DRAGHI

Di fronte all’alternativa del ricorso al voto anticipato in un contesto sanitario, economico e politico difficilissimo, la scelta del presidente Mattarella è stata obbligata; un governo istituzionale guidato da una personalità con una reputazione internazionale di primissimo livello, politicamente super partes per fronteggiare le sfide della crisi economico/sanitaria e per ottimizzare l’utilizzo dalle risorse del Next Gen EU nell’avviare il processo di ricostruzione/modernizzazione del Paese.

EFFETTO DRAGHI

Nell’ipotesi, a nostro avviso più probabile, di un voto favorevole del Parlamento, nascerà il Governo Draghi con il compito prioritario in campo economico di avviare le proposte per il Next Gen EU.

NO RICORDO AL VOTO ANTICIPATO

Un mancato voto di fiducia aprirebbe lo scenario sgradito di ricorso alle urne in tempi brevi.

L’IMPATTO DEL GOVERNO DRAGHI SUI MERCATI

L’impatto sui mercati finanziari è evidente sin dall’apertura: spread BTP/Bund in netto calo in prossimità dei 100 punti base e indici azionari italiani in forte recupero con titoli bancari sugli scudi.

GLI SCENARI PER LO SPREAD CON DRAGHI

Sul BTP le prospettive più favorevoli possono far ipotizzare una convergenza (ancorché non completa) verso i rendimenti dei titoli governativi spagnoli che trattano, al momento, ad uno spread di 60 punti base contro il Bund tedesco.

LE IPOTESI SULLO SPREAD

Ipotizziamo quindi un’ulteriore compressione dello spread BTP/Bund fra i 20 e i 30 punti base con obbiettivo l’area 70/80 bps con Draghi premier.

Se si va alle urne lo spread rivedrà probabilmente 150bp.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati