Economia

Che cosa celano i dati di Bankitalia sui prestiti bancari. Numeri, confronti e commenti

di

Bankitalia

Come mai pur essendosi liberate di molte sofferenze, le banche fanno crescere pochissimo i prestiti al settore privato? Ecco che cosa celano i dati pubblicati oggi dalla Banca d’Italia relativi al mese di giugno

Stagnazione, domanda fiacca, aspettative non brillantissime. Ecco perché i prestiti bancari languono. Anche se molti esperti avevano assicurato: i prestiti non salgono per colpa delle sofferenze bancarie. Ecco numeri e altro

I DATI DELLA BANCA D’ITALIA

In giugno i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono cresciuti dello 0,3 per cento su base annua (1,0 per cento in maggio). E’ quanto si legge nel Rapporto Banche e Moneta della banca d’Italia.

I PRESTITI

I prestiti alle famiglie sono cresciuti del 2,4 per cento (2,5 per cento nel mese precedente), mentre quelli alle società non finanziarie sono diminuiti dello 0,9 per cento (-0,2 per cento nel mese precedente).

I DEPOSITI

I depositi del settore privato sono cresciuti del 3,4 per cento su base annua (3,5 per cento nel mese precedente); la raccolta obbligazionaria è diminuita del 4,9 per cento (-6,9 per cento nel mese precedente).

LE SOFFERENZE

Le sofferenze sono diminuite del 24,3 per cento su base annua (-37,5 per cento in maggio), per effetto di alcune operazioni di cartolarizzazione.

IL TWEET DELL’ANALISTA LITURRI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati