Economia

Che cosa aspetta il governo a rinviare le scadenze fiscali del 2020?

di

Sinceramente trovo preoccupante l’ottusità con cui il governo continua a frenare sulla possibilità di rinviare al 2021 e 2022 almeno 35-40 miliardi di scadenze fiscali del 2020. Il post di Enrico Zanetti, tributarista ed ex viceministro alle Finanze

Sinceramente trovo preoccupante l’ottusità con cui il Governo continua a frenare sulla possibilità di rinviare al 2021 e 2022 almeno 35-40 miliardi di scadenze fiscali del 2020.

Spostare i versamenti, spalmandoli su due o tre anni successivi, non significa soltanto dare ossigeno finanziario a famiglie e operatori economici; significa anche dare una mano allo Stato spostando gli incassi in un contesto in cui, anche nel rapporto con i mercati e le istituzioni, è di gran lunga meglio uscire a fine anno con previsioni di deficit al 9-10% nel 2020 e però al 2-3% già nel 2021, piuttosto che al 7-8% nel 2020 e però ancora al 4-5% nel 2021.

Con 35-40 miliardi, si può spostare al 2021-2022 il saldo IRPEF, IRES e IRAP di tutti coloro che nei primi 5 mesi del 2020 hanno avuto una contrazione del fatturato, si possono sospendere per un anno i contributi minimi obbligatori di artigiani e commercianti, si può ridurre (definitivamente) la ritenuta IRPEF sui lavoratori autonomi dal 20% al 10% e resta ancora spazio per altri differimenti che diventano incassi preziosi per lo Stato nel 2021 e nel 2022, quando sarà passata la fase acuta dell’emergenza e bisognerà velocemente tornare nei ranghi.

Chi sa quando alcune cose purtroppo non si possono fare e ha il coraggio di spiegarlo, sa anche quando è invece possibile e ha il coraggio di farle.

Chi invece parla a vanvera nei momenti normali e non ha coraggio nei momenti eccezionali, è la più grande tassa da pagare per il Paese. Sveglia!

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati