skip to Main Content

Bilancio

Come dovrà essere il nuovo bilancio dell’Ue. Report Ft

Il prossimo bilancio pluriennale dell'Unione europea dovrà essere pianificato per un'epoca di grandi imperativi strategici. L'articolo del Financial Times.

In vista del vertice del 1° febbraio, i responsabili politici stanno ancora lottando per risolvere le questioni in sospeso nella revisione intermedia dell’attuale bilancio dell’UE, che va dal 2021 al 2027. Il tempo speso per questo è tempo non speso per guardare al futuro. Anche se il prossimo bilancio è lontano anni, è urgente che i leader politici alzino gli occhi verso quell’orizzonte, scrive il Financial Times.

Secondo il normale calendario, le prime proposte dovranno essere presentate l’anno prossimo. Ma in un calendario normale, i leader impiegano anni per contrattare sui centesimi dell’1% del prodotto interno lordo, non sul ruolo strategico che un bilancio dovrebbe svolgere. Durante la pandemia, hanno dato prova di pensiero strategico creando la Recovery and Resilience Facility, un bilancio separato e una tantum, grande quasi quanto quello ordinario. La necessità di audacia, tuttavia, non è passata con le chiusure.

Il prossimo bilancio pluriennale deve essere pianificato per un’epoca di grandi imperativi strategici. Dovrà essere significativamente più grande dei precedenti. In parte, ciò è dovuto all’impegno politico nei confronti dei negoziati di adesione dell’Ucraina. Progettare un bilancio fino al 2034 che non preveda l’adesione dell’Ucraina a quel punto sarebbe un regalo politico a Vladimir Putin, oltre che una pessima pianificazione finanziaria.

Il bilancio deve anche essere all’altezza del compito di decarbonizzare e digitalizzare l’economia europea e di rafforzare la capacità di difesa della regione. Ciò richiede investimenti massicci, che non saranno sufficienti se lasciati ai bilanci nazionali. E nella misura in cui i bilanci nazionali potrebbero fare il lavoro, sovvenzioni diseguali tra Stati più e meno potenti dal punto di vista fiscale rovinerebbero le condizioni di parità tra di loro.

Prima o poi nel Nord Europa si capirà: quando le esigenze di investimento sono enormi, non si può essere allo stesso tempo frugali e protettori del mercato unico, così come non si può essere allo stesso tempo falchi fiscali e falchi della difesa quando la guerra infuria al confine.

Allo stesso tempo, il modo in cui il denaro viene speso deve cambiare. Un messaggio coerente da parte dei contribuenti netti è che il prossimo bilancio non può semplicemente “aggiungere” l’Ucraina – e i trasferimenti che ciò comporta – lasciando tutto il resto com’è attualmente. Poiché la priorità principale cambia dalla “solidarietà” dei Paesi ricchi con quelli poveri all’affrontare le minacce e le sfide comuni, anche la composizione del bilancio deve cambiare.

La creazione di una nuova visione comune di ciò che il bilancio potrebbe fare richiede tempo. Più tardi i leader se ne vanno, meno opportunità hanno anche solo di contemplare come le cose potrebbero essere cambiate in modo sostanziale, per non parlare dell’accordo. Le vecchie posizioni politiche saranno bloccate e i negoziati si limiteranno a contrattare aggiustamenti relativamente piccoli all’interno del quadro esistente.

Questo è anche un momento fruttuoso per pensare in grande, grazie alle lezioni nuove o imminenti di altre politiche. Uno di questi è il flirt con i bilanci separati. È stato suggerito, ad esempio, che l’Ucraina potrebbe essere finanziata su base intergovernativa “a 26” per superare il veto ungherese. Il recente gruppo franco-tedesco incaricato di immaginare riforme dei trattati ha aperto la possibilità di bilanci su misura per scopi che non tutti sono pronti ad approvare.

Il RRF, che utilizza prestiti comuni per finanziare sovvenzioni e prestiti agli Stati membri per progetti concordati con la Commissione, ha anche dimostrato che è possibile fare le cose in modo nuovo. Sebbene i piani nazionali finanziati dall’UE non siano stati esenti da problemi, si ha la sensazione che il processo di condivisione dei progetti sia stato costruttivo. Si discute se cercare un “RRF 2.0” e se il debito comune emesso per finanziare la versione originale debba essere mantenuto invece di essere estinto. È un errore per gli Stati contributori del Nord voler semplicemente chiudere queste discussioni piuttosto che impegnarsi nel merito all’interno della più ampia discussione sul bilancio.

I contorni di un grande accordo tra contributori netti e beneficiari netti sono abbastanza chiari. Comporterebbe un bilancio molto più grande, ma con una composizione notevolmente diversa, spostando la spesa dalle vecchie alle nuove priorità. Preferirebbe gli appalti comuni diretti o i metodi di allocazione del tipo RRF rispetto ai trasferimenti e ai cofinanziamenti di vecchio tipo. Si concentrerebbe molto di più sui beni pubblici paneuropei – si pensi alle reti elettriche e agli appalti per la difesa – e potrebbe essere molto meno ridistributivo.

Ogni elemento è anatema per alcuni Paesi. Per questo motivo devono essere concordati come pacchetto o non devono essere concordati affatto. Il ruolo dello statecraft – l’arte di governare –  è quello di passare dal secondo al primo. Il compito dello statecraft democratico, inoltre, è quello di coinvolgere i cittadini nell’accordo. Gli elettori dell’UE andranno alle urne tra cinque mesi. È il momento di avviare il grande dibattito sul bilancio.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top