Economia

Beffa mascherine per i medici, che cosa (non) hanno chiarito Arcuri e Borrelli

di

Cina Italia

S’infittisce il giallo sulle circa 600mila mascherine consegnate dalla Protezione civile ai medici che però non erano per uso sanitario. Tutti i dettagli

S’infittisce il giallo sulle circa 600mila mascherine consegnate dalla Protezione civile ai medici.

Dopo la lettera del presidente della federazione dei medici chirurghi, Filippo Anelli, che il 31 marzo informava tutti i presidenti degli ordini regionali dei medici che le mascherine Ffp2 ricevute non erano per uso sanitario, sono giunte le parole del commissario Domenico Arcuri e del capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, che però ha dato spiegazioni discordanti: prima ha parlato di “errore logistico” e poi ha dato la colpa di fatto alla Cina.

Ecco che cosa è successo e le versioni ufficiali (non del tutto chiare e univoche).

CHE COSA HA SCRITTO IL PRESIDENTE DEI MEDICI SULLA MASCHERINE

In una lettera spedita il 31 marzo ai presidenti degli ordini regionali dei medici chirurghi e odontoiatri, il presidente della federazione nazionale Filippo Anelli, ha scritto: “Sono a comunicarvi che il Commissario straordinario per l’emergenza epidemiologica Covid-19, dott. Domenico Arcuri, mi ha appena informato che le mascherine contenute in involucri che riportavano la dizione maschere Ffp2 equivalenti, inviati dalla Protezione Civile, in data odierna, agli OMCeO dei capoluoghi di Regione, non sono dispositivi autorizzati per l’uso sanitario dalla Protezione Civile. Vi chiedo, quindi, di sospendere immediatamente la distribuzione e l’utilizzo di quanto ricevuto, informando nel contempo eventuali medici o strutture che ne fossero già in possesso”, si legge nella lettera vista da Start.

LA VERSIONE DI ARCURI SULLE MASCHERINE PER I MEDICI

“Egregio presidente, voglio rinnovarle le mie scuse per l’incidente verificatosi ieri. Sono davvero amareggiato”, ha affermato il primo aprile il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, nella lettera ad Anelli dopo l’errore del giorno precedente nella consegna agli Ordini dei Dispositivi individuali di protezione non idonei all’utilizzo sanitario. “Da oggi, d’intesa con Angelo Borrelli, le forniture oggetto di ‘donazioni’ – ha annunciato – verranno sottoposte ad un controllo a campione, per essere certi della corrispondenza tra bolla di consegna, indicazioni stampate sulla confezione e prodotti donati. Voglio rassicurarla che, così come richiesto più volte dal Ministro della Salute Roberto Speranza, ho dato disposizioni di consegnarvi, al più presto, un nuovo stock di mascherine Ffp2”. “Sulla base del quadro degli approvvigionamenti saremo certamente in grado di rifornirvi entro questa settimana – ha concluso Arcuri – nel confermarle il mio pieno sostegno al vostro prezioso lavoro”.

LA REPLICA DI ANELLI

“Le scuse rivolte ai medici, che si stanno impegnando con abnegazione nella lotta al Covid-19, sono sempre apprezzate e naturalmente accettate – ha commentato Anelli – così come l’impegno ad essere scrupolosi nelle procedure che riguardano la sicurezza del personale sanitario. Apprendiamo tra l’altro solo oggi che il materiale era stato donato e non era quello acquistato per gli Ordini: stiamo valutando se gli Ordini possano essere un canale per veicolarne l’uso civile, al quale era destinato”. “Prendiamo atto della volontà di mettere in atto strategie di controllo più stringenti, al fine di evitare che incidenti come questi abbiano a ripetersi – conclude il presidente Fnomceo – e restiamo quindi in attesa della consegna di una nuova fornitura di mascherine Ffp2”.

LA SPIEGAZIONE DI BORRELLI

Sull'”involucro esterno c’era scritto Ffp2″ ma all’interno “non c’erano mascherine Ffp2”. E’ stata la spiegazione fornita dal capo del Dipartimento della Protezione civile Angelo Borrelli riferendosi alle mascherine inidonee distribuite ai medici di base. Mascherine per le quali, ha aggiunto, “ci siamo scusati con l’ordine dei medici”.

MASCHERINE CINESI BLUFF?

“Le mascherine sono state distribuite per errore logistico. Erano state donate e convogliate, attraverso l’ambasciata di Italia in Cina, e fanno parte di un carico destinato alla collettività, per errore sono andate ai medici di base”, ha affermato Borrelli sulla questione delle mascherine inidonee distribuite ai Medici di base. Borrelli ha aggiunto che a breve i medici di base saranno riforniti di “mascherine Ffp2”.

I DUBBI E LE DOMANDE

Restano alcuni dubbi: è stato un “errore logistico”?, la Cina ha rifilato come Ffp2 mascherine che non lo erano?, o si sapeva che quelle mascherine non erano per uso sanitario?

Le versioni di Arcuri e Borrelli non chiariscono del tutto il caso. E la figuraccia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati