.Economia, .Economia / Start up, Economia

Disoccupazione giovanile, diffusi dati OCSE. Così non si cresce

di

ASSEGNO GARANZIA GIOVANI

Disoccupazione giovanile: l’Ocse presenta ‘Oecd skills outlook 2015′ che descrive l’integrazione dei giovani nel mondo del lavoro. L’Italia con il 52,8% ha il tasso di occupazione giovanile piu’ basso dell’area Ocse. Cresce anche il numero dei ‘Neet’, chi cioè non è iscritto a scuola o in apprendistato.

Crescita, quella vera? Non se si risolve il problema della disoccupazione giovanile. Nel rapporto OcseOecd skills outlook 2015‘ i giovani italiani si trovano in fondo alla classifica per competenze spendibili nel mondo del lavoro, e sullo sviluppo delle competenze e della promozione di queste sul posto di lavoro.

Dissoccupazione giovanile, il dati Ocse: nello sconfortante quadro che emerge dal rapporto ‘Oecd skills outlook 2015′, l’Italia risulta ultima nell’area per integrazione dei giovani nel mondo del lavoro. Due i dati che spuntano all’occhio: il tasso di occupazione piu’ basso dell’area Ocse che raggiunge il 52,8% – Il dato è da brividi se si considera che la media dell’area Ocse raggiunge il 73,7% – e il secondo maggior numero di ‘Neet’ 26,1%, ossia quelli che di studiare non se ne parla, di studiare meno. Su questo profilo fa peggio solo la Spagna con il 26,9%. Penultima e terzultima in classifica sono rispettivamente Spagna (58,1%) e Slovacchia (66,9%). Il paese con la maggior percentuale di giovani occupati e’ invece l’Olanda (81,7%), seguita da Austria (81,4%) e Giappone (81,2%). In Europa peggio dell’Italia solo la Grecia che pero’ non e’ inclusa nella classifica Ocse.

disoccupazione giovanile

Disoccupazione Giovanile: i dati OCSE 2015

Nei dettagli della ricerca, i giovani italiani tra i 16 e i 29 anni arrivano terzultimi alle prove sulla padronanza delle abilita’ matematiche raggiungendo quota 257 punti, peggio di arriverebbero solo Spagna e Usa. I giovani italiani sono invece ultimi per capacita’ di comprensione e stesura di testi scritti con 262 punti. Causa di ciò la bassissima percentuale di persone che hanno proseguito gli studi dopo la scuola secondaria: appena il 22,7% delle persone tra 25 e 34 anni, percentuale che consegna all’Italia un altro umiliante ultimo posto. I più bravi al mondo? Salgono sul podio di entrambe le classifiche Finlandia, Olanda e Giappone.

Disoccupazione giovanile, crescono i ‘Neet’: L’Italia e’ il secondo paese dell’area Ocse per numero di persone sotto i trent’anni nella condizione di ‘Neet’, ovvero non impegnati ne’ in un’occupazione ne’ in un percorso di studio o formazione. E’ quanto emerge dal rapporto dell’organizzazione di Parigi ‘Oecd skills outlook 2015’. Dal rapporto risulta che gli under 30 italiani ‘Neet’ sono il 26,1% del totale, a fronte di una media Ocse del 14,9%. Peggio solo la Spagna, con il 26,9%. Notevole anche il distacco percentuale tra l’Italia e il terzo paese con il maggior numero di ‘Neet’: l’Irlanda con il 19,2%. Dall’altro lato della classifica l’Olanda (8,9%), la Norvegia (9,1%) e la Svezia (9,4%).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati