skip to Main Content
ads

Perché Rivian affossa i conti di Amazon

Amazon

Per la prima volta dal 2015, Amazon ha chiuso il trimestre in perdita di 3,8 miliardi di dollari. Il rosso è legato in parte all’investimento in Rivian, startup californiana che produce veicoli elettrici e che ha perso più della metà del suo valore nei tre mesi, ma anche al relativo calo delle vendite online

 

Primo trimestre in rosso per Amazon da sette anni a questa parte.

Il colosso dell’e-commerce ha registrato una perdita netta di 3,8 miliardi di dollari nel primo trimestre 2022, inclusa una perdita di 7,6 miliardi di dollari in relazione al valore della sua partecipazione nel produttore di veicoli elettrici Rivian.

Nel 2019 Amazon ha investito infatti nelle startup californiana Rivian (principale socio con il 18% delle azioni). Ma le azioni della società elettrica sono crollate di oltre il 50% nei primi tre mesi del 2022, invertendo la rotta rispetto al quarto trimestre, quando Rivian ha debuttato in borsa e ha visto il suo valore salire alle stelle.

I risultati hanno fatto scendere le azioni del colosso tech fondato da Jeff Bezos fino al 10% nelle negoziazioni after-hour giovedì. Mercoledì, anche Ford ha subito una perdita di 5,4 miliardi di dollari sulla sua partecipazione del 12% in Rivian.

Ma Rivian non l’unica responsabile della trimestrale in rosso di Amazon.

A pesare sulla trimestrale del gigante tech anche il calo della spesa online coinciso con la fine della fase acuta dell’emergenza pandemica globale, l’aumento dei costi legati all’inflazione e dei danni logistici causati dai disturbi alle catene di fornitura globali.

“La  pandemia e la successiva guerra in Ucraina hanno portato una crescita e delle sfide insolite”, ha sottolineato l’amministratore delegato Andy Jassy.

Tutti i dettagli sulla prima trimestrale di Amazon.

TUTTI I NUMERI DEL PRIMO TRIMESTRE DI AMAZON

Tra gennaio e marzo scorsi il fatturato del colosso dell’e-commerce è aumenta di circa il 7%, il dato peggiore da circa due decenni a questa parte, in concomitanza col progressivo ritorno dei consumatori alle abitudini di spesa pre-pandemia. Amazon ha perso circa 3,8 miliardi di dollari nel primo trimestre, contro l’utile di 8,1 miliardi di dollari registrato un anno fa. Il volume delle vendite nei negozi online di Amazon è calato di circa il 3% annuo, il dato peggiore da quando l’azienda ha iniziato a divulgare quell’indicatore, nel 2015.

La società ha registrato un fatturato complessivo di 116,4 miliardi di dollari per il trimestre, il 7% in più rispetto allo scorso anno.

L’OUTLOOK PER IL SECONDO TRIMESTRE

Per il trimestre in corso, Amazon prevede una crescita dei ricavi altrettanto bassa, compresa tra il 3% e il 7%.

COLPA DI RIVIAN

Dunque la principale responsabile di questi risultati è la partecipazione Rivian.

Amazon ha una quota di circa il 18%, secondo FactSet, investendo un totale di oltre 1,3 miliardi di dollari nella società. Sebbene Amazon abbia grandi ambizioni per Rivian, firmando un accordo per la produzione di 100.000 veicoli per le consegne entro il 2030, le attuali condizioni di mercato sono difficili.

Nel quarto trimestre, Amazon aveva registrato un guadagno di 11,8 miliardi di dollari sulle sue partecipazioni in Rivian. Nel frattempo lo scorso novembre Rivian si è quotata in borsa a novembre e le azioni hanno chiuso l’anno a circa 104 dollari.

Ma come la maggior parte dei produttori, Rivian sta combattendo contro i problemi della catena di approvvigionamento e gli ostacoli alla produzione interna.

E il mese scorso la società californiana ha dichiarato che prevede di produrre solo 25.000 camion elettrici e SUV quest’anno, la metà del numero previsto per gli investitori lo scorso anno come parte del suo roadshow Ipo.

Le azioni Rivian hanno chiuso il primo trimestre a 50,24 dollari, in calo di oltre il 50% rispetto al 31 dicembre. Ed è questo che ha provocato una perdita trimestrale di 7,6 miliardi di dollari per Amazon. “Ora il titolo scambia più dell’80% in meno rispetto al suo massimo di novembre” spiega Cnbc.

ALMENO CONTINUA A CRESCERE IL CLOUD

A risollevare i conti di Amazon ci ha pensato la divisione di cloud computing, Amazon Web Services (Aws), che ha contrastato l’effetto Rivian e le perdite di e-commerce, continuando a essere il principale motore di profitto per Amazon, sottolinea MarketWatch.

Nonostante i costi operativi in ​​rapido aumento nella sua attività di e-commerce, il bilancio di Amazon è stato sostenuto quest’anno da una forte crescita del cloud computing. Il segmento cloud costituisce circa i tre quarti dell’utile operativo totale dell’azienda.

Nel primo trimestre, le entrate di Amazon Web Services sono state di 18,4 miliardi di dollari, in aumento del 37% rispetto allo scorso anno. I ricavi del cloud hanno superato le aspettative degli analisti di 18,27 miliardi di dollari, secondo i dati di FactSet.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore