Circular economy, Mondo

Amazon, Walmart, H&M, Nike e non solo. Come si muovono i gruppi del retail sul green

di

spedizioni

Diversi marchi – come Amazon, Walmart, Nike, Burberry, H&M e Hugo Boss – hanno firmato una carta sul clima includendo l’impegno a ridurre le emissioni di gas serra del 30% entro il 2030

 

Mentre i leader mondiali discutono delle politiche da adottare per far fronte alla minaccia dei cambiamenti climatici, il settore retail, che rappresenta per esempio negli Stati Uniti il più grande datore di lavoro, si sta già muovendo in autonomia per ridurre i danni ambientali.

L’INDUSTRIA DELLA MODA BRUCERÀ UN QUARTO DEL BILANCIO MONDIALE DI CO2 ENTRO IL 2050

La caratteristica principale dei giganti del commercio elettronico e della vendita al dettaglio è infatti quella di produrre grosse quantità di emissioni e inquinamento dovute alla produzione di massa, alla velocità incessante di spedizione e ai rifiuti non correttamente recuperati. Secondo una stima, solo l’industria della moda brucerà un quarto del bilancio mondiale di Co2 entro il 2050, ha osservato Axios.

L’INDUSTRIA DELL’ABBIGLIAMENTO E DELLE CALZATURE CHE CONTRIBUISCE PER L’8% ALL’IMPATTO GLOBALE AMBIENTALE

Per aiutare a capire quanto l’e-commerce è dispendioso in termini di emissioni, basta pensare all’industria dell’abbigliamento e delle calzature che contribuisce per l’8% all’impatto globale ambientale, soprattutto grazie alla produzione nei paesi asiatici, dove le fabbriche si basano per ottenere energia su carbone e gas naturale, secondo un rapporto del 2018 della società di ricerca sulla sostenibilità Quantis.

LE EMISSIONI ANNUE COMBINATE DI FEDEX, UPS E U.S. POSTAL SERVICE EQUIVALGONO A 7 MILIONI DI AUTOMOBILI

Non solo. Le emissioni annue combinate di FedEx, UPS e U.S. Postal Service equivalgono all’incirca alle emissioni annuali di gas serra di 7 milioni di automobili. E per soddisfare la domanda di commercio elettronico, i rivenditori stanno costruendo più magazzini che consumano energia.

GLI IMBALLAGGI DELL’E-COMMERCE RAPPRESENTANO LA META’ DI TUTTI I RIFIUTI IN PLASTICA

Infine i rifiuti: il mondo spreca ogni secondo un camion della spazzatura pieno di tessuti, secondo quanto stimato dalla Ellen MacArthur Foundation. Oltre a questo, l’imballaggio che viene fornito con la roba che ordiniamo o compriamo rappresenta la metà di tutti i rifiuti in plastica, riporta Supply Chain Dive.

AMAZON IN PRIMA LINEA

Amazon – il più grande rivenditore del pianeta, con oltre 10 miliardi di confezioni all’anno – è uscito la scorsa settimana con un ambizioso piano climatico per raggiungere la neutralità delle emissioni di carbonio entro il 2040, 10 anni prima dell’obiettivo previsto dall’accordo di Parigi sul clima. Le sue mosse potrebbero avere un effetto a catena. Come parte del piano, Jeff Bezos si è impegnato, infatti, a fare pressione su altri grandi amministratori delegati e sui fornitori e fornitori della sua azienda per ridurre le emissioni. “Siamo stati in mezzo al gregge su questo tema, ma ora vogliamo muoverci in prima linea – ha detto Bezos al momento dell’annuncio -. L’Amazzonia è una parte enorme della vita quotidiana in America in questo momento”, dice Costa Samaras, professore alla Carnegie Mellon University. “Le aziende saranno disposte a saltare attraverso cerchi di sostenibilità per far parte dell’ecosistema amazzonico”.

I MARCHI CHE HANNO FIRMATO LA CARTA SUL CLIMA

In ogni caso anche altri rivenditori si sono impegnati a ridurre l’impatto. Nel 2018, diversi marchi – come Nike, Burberry, H&M e Hugo Boss – hanno firmato una carta sul clima includendo l’impegno a ridurre le emissioni di gas serra del 30% entro il 2030. Walmart ha affermato di essere sulla buona strada per ridurre le proprie emissioni di 1 miliardo di tonnellate – l’equivalente di 212 milioni di emissioni annue delle auto – entro il 2030. Il gigante del retail Usa ha anche riferito di aver riciclato 430 milioni di libbre di plastica nel 2018. Best Buy sta facendo un passo oltre la propria impronta e sta cercando di aiutare i clienti a ridurre l’impatto dell’utilizzo dell’elettronica Best Buy. L’azienda sta investendo nella costruzione di dispositivi ad alta efficienza energetica e si impegna a ridurre le emissioni dei suoi prodotti del 20% entro il 2030.

LE AZIENDE SI STANNO DANDO DA FARE, TROPPA PRESSIONE PER RIMANERE A GALLA

In conclusione, osserva Axios ricordando gli esperti, il settore della vendita al dettaglio ha ancora molta strada da fare per ridurre l’impatto ambientale. Ma le aziende si stanno rendendo conto che “rimanere importanti come aziende richiede un’azione sulla sostenibilità – ha affermato Berkley Rothmeier del gruppo di difesa del clima Business for Social Responsibility -. C’è un’enorme pressione affinché il settore privato possa anticipare i rischi e soddisfare i dipendenti e i clienti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati