Blog

Vi racconto i subbugli a 5 stelle dopo la sortita di Fico sulle Ong

di

social network

I Graffi di Damato su che cosa sta succedendo tra i 5 Stelle dopo le dichiarazioni di Roberto Fico

Prima ancora di Matteo Salvini, in partenza peraltro per l’annuale raduno leghista a Pontida, ospiti stavolta i governatori regionali degli alleati di centrodestra, come per sottolineare la provvisorietà dell’alleanza con i grillini a livello nazionale, è stato dunque Luigi Di Maio a polemizzare col suo collega di partito Roberto Fico. Che da dichiarata e compiaciuta “terza carica dello Stato” aveva appena espresso fra i migranti a Pozzallo, vestito un po’ come loro, il suo dissenso dalla linea e condotta del governo in materia di immigrazione.

CHE COSA HA DETTO ROBERTO FICO

“Io i porti non li chiuderei”, aveva detto il presidente pentastellato della Camera, grato alle organizzazioni di volontariato e alle loro navi per l’attività nelle acque del Mediterraneo, ma in particolare in quelle libiche, dove hanno a lungo raccolto i disperati imbarcati dai trafficanti su mezzi di fortuna -per chi ne ricava danaro- e raccolti in tempo per non finire annegati a poca distanza dalle coste di partenza. E per essere invece trasportati e scaricati tutti e solo in Italia, sino a quando questo automatismo non si è interrotto.

LA REAZIONE DI LUIGI DI MAIO

“Parla a titolo personale”, ha commentato per conto del proprio partito e del governo il vice presidente del Consiglio e superministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, dopo avere chiamato l’amico Fico per protestare, e senza avere avuto bisogno di consultare prima Beppe Grillo o Giuseppe Conte. “A porti in faccia”, ha titolato con la solita efficacia su tutta la prima pagina il manifesto. E lui, Fico, zitto e mosca, per niente imbarazzato. Quello che aveva voluto dire l’aveva detto. E tanto bastava, dopo avere peraltro già dato segnali di dissenso, disagio, insofferenza e quant’altro, da uomo di sinistra quale si è sempre sentito, e proprio per questo scartato da Grillo nel momento della scelta, o designazione, del capo formale del movimento.

GLI SBUFFI DI MATTEO SALVINI

Salvini, in partenza- ripeto- per la sua domenica sui prati di Pontida, stavolta meno verdi o più blu del solito, molto più dell’azzurro dell’ormai sorpassata, anzi surclassata Forza Italia, si è limitato ad aggiungere alla smentita o precisazione del suo pari grado a Palazzo Chigi la magnanima assicurazione di non volere assimilare ad “una caserma” l’attuale condominio di governo gialloverde, o giallo blu. Fatta da lui, non è un’assicurazione o una concessione da poco. Per cui Fico potrà anche continuare a dissentire. Nessun leghista ne chiederà o auspicherà le dimissioni dal vertice di Montecitorio. Tanto, le decisioni le prende chi sta al governo. E il presidente della Camera ne è appunto fuori. Ciao ciao, o un ciaone, si è trattenuto dal concludere il leader leghista, abituato a chiudere così le sue polemiche col dissenziente o oppositore di turno.

IL PENSIERO DI MAO

Mao è morto da tempo, ma un motto gli è sopravvissuto più di tutti: “Grande è la confusione sotto il cielo, perciò la situazione è favorevole”. Il cielo, in questo caso, si è ridotto a cinque stelle, ma gli avversari dei grillini possono per una volta sentirsi cinesi, e forse sperare.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati