Blog

Donne, pace e sicurezza: a che punto siamo in tutto il mondo

di

Il post di Alessandra Servidori sul ruolo delle donne per la pace nel mondo

 

 

Il servizio ricerche del Parlamento europeo il 18 settembre scorso ha reso pubblica una ricerca su Donne in affari esteri e sicurezza internazionale sulla quale la Commissione ha iniziato a discutere su proposta della FEMM  gruppo della Commissione che si occupa di politiche di parità di genere. Il dibattito sulla partecipazione e il ruolo delle donne negli affari esteri e nella sicurezza internazionale è pertinente e viene sollevato con crescente frequenza sia a livello nazionale che internazionale. In particolare, vi è una crescente attenzione agli squilibri nella rappresentanza delle donne nella leadership e in altre posizioni chiave nell’area della politica estera e di sicurezza, nonché al crescente corpus di prove relative all’effetto positivo dell’inclusione delle donne in diversi settori nevralgici  di politica estera e di sicurezza. Tra questi temi, il ruolo delle donne nel mantenimento della pace riceve un’attenzione particolare, poiché la ricerca ha ripetutamente dimostrato che l’uguaglianza di genere contribuisce alla pace e che i negoziati con le donne hanno maggiori possibilità di essere sostenibili ed efficaci. 

Le società di parità di genere godono di migliore salute, crescita economica più forte e maggiore sicurezza. Le Nazioni Unite e l’Ue hanno posto una forte enfasi sulla questione negli ultimi due decenni. La risoluzione 1325 del Consiglio di sicurezza dell’Onu ha istituito l’agenda per le donne, la pace e la sicurezza (Wps) nel 2000.

Da allora sono state adottate più risoluzioni relative al Wps, ampliando la portata e l’ampiezza della questione pace e  sicurezza di genere. Queste risoluzioni sono state fondamentali per cambiare la filosofia e la retorica incentrate sul conflitto e sulla parità di genere, sfidando così la comunità internazionale a fare di più. Diverse iniziative sono  in corso di attuazione a livello dell’UE, anche attraverso l’approccio strategico dell’Ue al Wps del 2018. Tuttavia, i critici sostengono che resta ancora molto da fare, poiché le donne continuano a essere sottorappresentate nel campo della politica estera e di sicurezza in tutto il mondo e nel contesto internazionale sta diventando sempre più rilevante nel contesto di nuovi paradigmi e approcci agli affari globali. Studiosi, responsabili politici e società civile si stanno impegnando in modi innovativi per promuovere la partecipazione delle donne in questi settori del processo decisionale e su tutti i livelli sul campo, dalla concettualizzazione all’attuazione.

 Il dibattito su donne e politica estera non è nuovo. Già negli anni ’80, gli studiosi che lavoravano sull’opinione pubblica e sulla politica estera hanno indicato un divario di genere su queste  questioni e hanno avanzato l’idea che la maggiore partecipazione delle donne alla politica estera porterebbe a paradigmi nuovi e innovativi in questi settori  Tuttavia, quasi 40 anni dopo, il dibattito “sulla misura in cui la politica estera può essere sostanzialmente trasformata dall’aumento della presenza delle donne nelle strutture governative pertinenti è in corso, non da ultimo a causa della costante disparità di rappresentanza nell’area”. Oggi, questo dibattito si è esteso ad una serie di questioni correlate, tra cui, ma non solo: la rappresentanza delle donne, anche ai massimi livelli di elaborazione delle politiche; le forze armate; diplomazia; analisi di politica estera (comunità di think tank e altri esperti). Il contenuto e l’approccio della politica come è influenzato dalla partecipazione delle donne, anche dall’emergere di un’agenda di “politica estera femminista”; come il mantenimento della pace e della gestione delle crisi  si concentrano sulle politiche che consentono la partecipazione delle donne a tali attività e sull’impatto che la loro partecipazione alle forze armate (specialmente nelle operazioni di mantenimento della pace) può avere sulle società locali e sull’efficacia di costruzione della riconciliazione. Esiste un divario rappresentativo: le cifre parlano da sole. Vero è che un crescente numero di prove evidenzia gli effetti benefici di avere donne rappresentate nella vita sociale, politica ed economica su un piano di parità con gli uomini e di promuovere la diversità di genere. La ricerca ha dimostrato, ad esempio, che la diversità di genere, “se supportata da norme e regolamenti a sostegno del genere all’interno di un settore, porta a una migliore produttività e a un migliore scambio di punti di vista diversi”. Vi sono inoltre solide prove del fatto che lo status delle donne, compresa la loro rappresentanza nel processo decisionale, è un importante fattore predittivo di tranquillità statale. Anche l’opinione pubblica si sta spostando a favore di una maggiore rappresentanza delle donne in ruoli politici e di comando. Secondo lo speciale sondaggio Eurobarometro del 2017 sulla parità di genere, il 61% dei cittadini dell’Ue ritiene che “la politica sia dominata da uomini che non hanno sufficiente fiducia nelle donne”. La maggior parte degli intervistati (54%) ritiene che ci dovrebbero essere più donne nel processo decisionale politico. Un sondaggio condotto nel Pew Research Center negli Stati Uniti nel 2018 ha rivelato che la maggior parte degli intervistati vorrebbe vedere più donne in ruoli di leadership. È interessante notare che il 22% degli intervistati ritiene che le donne “abbiano un approccio migliore alla leadership”, allo stesso tempo, la maggior parte degli intervistati ritiene che la discriminazione di genere sia un grave ostacolo nell’arena professionale e che gli uomini abbiano un percorso più semplice verso posizioni di leadership, sia nel mondo degli affari che in quello politico. Nonostante questi risultati e i relativi progressi compiuti in diversi paesi e organizzazioni multilaterali in tutto il mondo negli ultimi anni, le donne rimangono ampiamente sottorappresentate in politica, in particolare nell’area della politica estera e della sicurezza internazionale. Negli Stati Uniti, il divario tra la rappresentanza femminile nella politica estera, in particolare la politica di difesa, e altre aree del settore pubblico è impressionante. Ad esempio, mentre le donne rappresentano circa la metà o più della metà dei dirigenti senior nei dipartimenti che si occupano di questioni, come la salute e i servizi umani o l’edilizia abitativa e lo sviluppo urbano, rappresentano solo il 39% dei dirigenti senior presso il Dipartimento di Stato, e ancor meno al Pentagono e nelle comunità dell’intelligence.

A livello globale, i numeri parlano da soli. Ad esempio, solo il 15% degli ambasciatori del mondo sono donne. Fino al 2017, c’erano solo 15 ministri della difesa al mondo. Dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, solo cinque hanno donne come ministri degli Esteri. Tra i 29 membri della Nato, ci sono solo otto ministri della difesa femminile (una grande percentuale, tuttavia, rispetto alla stima del 2018 che denuncia  sono solo 17 ministri della difesa femminile nel mondo). All’interno dell’UE-28, ci sono attualmente sei ministri della Difesa femminili e solo tre ministri degli Esteri femminili . All’interno delle Nazioni Unite, fino a marzo 2018 nessuna donna era mai stata a capo del Dipartimento di affari politici, che esiste dal 1952 con nomi / formati diversi.

La mancanza di una rappresentanza equilibrata tra le professioni politiche è stata identificata anche nei dati riguardanti la composizione della comunità scientifica nel campo degli affari esteri. La Gender Scorecard di Washington DC Think Tanks 2018, prodotta da Women in International Security, un’organizzazione non governativa globale dedicata a promuovere la leadership e lo sviluppo professionale delle donne nel campo della sicurezza internazionale, mostra che il divario va ben oltre il settore governativo. Secondo la scorecard, il 68% dei capi dei principali gruppi di riflessione di Washington e il 73% di esperti nelle stesse organizzazioni sono uomini. Solo uno dei 22 gruppi di riflessione esaminati aveva una componente di programmazione di genere significativa. Finora non ci sono dati completi su questo stesso problema nell’Ue. Inoltre, secondo un rapporto del Carnegie Endowment, solo il 30% degli studiosi nel campo delle relazioni internazionali sono donne. Le preoccupazioni relative all’equilibrio tra vita professionale e vita privata e alla mancanza della giusta infrastruttura amministrativa per consentire alle donne di intraprendere carriere di alto livello durante la costruzione di una famiglia, sono state evidenziate come fattori che contribuiscono in modo significativo al problema. Anne Marie Slaughter, una figura di spicco nel dibattito, ha sottolineato nel 2012 l’importanza di creare le giuste politiche sociali, ma anche di colmare il divario di responsabilità assicurando che le donne siano ugualmente rappresentate nei ranghi della politica, dei dirigenti aziendali e dei dirigenti giudiziari. Sebbene la rappresentanza da sola non risolva i problemi di politica estera basati sul genere, è percepita come uno dei tanti passi necessari in quella direzione.

L’agenda di politica estera femminista segnala che nel 2014 la Svezia è diventata il primo Paese a presentare il concetto e il piano di attuazione di una politica estera femminista sotto l’ex ministro degli Esteri svedese, Margot Wallström. Questo concetto, che in seguito ha acquisito slancio, pone i diritti delle donne, la sicurezza umana e la pari rappresentanza al centro dell’azione diplomatica. Si basa sul presupposto che le società di parità di genere godono di una salute migliore, una crescita economica più forte e una maggiore sicurezza, nonché sull’evidenza che l’uguaglianza di genere contribuisce alla pace. Una preoccupazione per la sicurezza individuale e umana anziché per quella statale è un aspetto determinante di questa agenda politica. I tre punti di partenza per la politica estera femminista sono:

Diritti: il servizio estero svedese promuove il pieno godimento dei diritti umani da parte di donne e ragazze, anche combattendo tutte le forme di violenza e discriminazione che limitano la loro libertà di azione. Rappresentanza: il servizio estero svedese promuove la partecipazione e l’influenza delle donne nei processi decisionali a tutti i livelli e in tutti i settori e cerca il dialogo con le rappresentanti delle donne a tutti i livelli, compresa la società civile. Risorse: il servizio estero svedese si adopererà per garantire che le risorse siano assegnate per promuovere la parità di genere e le pari opportunità per tutte le donne e le ragazze di godere dei diritti umani. Il servizio promuove inoltre misure mirate per diversi gruppi destinatari La politica estera femminista svedese sostiene anche l’istituzione di ministeri della pace, dimostrando che la pace è tanto importante per la politica estera quanto la difesa nazionale. Dal 2014, altri 79 stati hanno creato piani d’azione nazionali per includere meglio le donne nella politica estera e nei processi di pace e sicurezza. In tale contesto, continuano a verificarsi interessanti sviluppi nell’Ue e in paesi diversi come Australia, Brasile, Canada, Norvegia e Emirati Arabi Uniti. Più di recente, nel giugno 2019 l’amministrazione degli Stati Uniti ha pubblicato la sua strategia su donne, pace e sicurezza, la prima strategia di questo tipo sotto il presidente Donald Trump. Includere le donne nei processi internazionali in materia di sicurezza e nei negoziati di pace di alto livello, oltre a offrire loro posti diplomatici di alto livello, significa molto di più di una semplice rappresentanza. Vi è, infatti, un numero crescente di prove che dimostrano che la partecipazione delle donne ai processi di pace e sicurezza può svolgere un ruolo significativo nel determinare il successo e la sostenibilità degli accordi di pace, nonché la durata e la qualità della pace. Gli studi dimostrano anche che gli accordi di pace firmati da donne delegate hanno un tasso di attuazione più elevato. I dati mostrano che le donne sono spesso percepite come “mediatori onesti” durante i negoziati di pace e quindi sono in grado di raggiungere una pace più sostenibile ed equa, ad esempio nella risoluzione dei conflitti nell’Irlanda del Nord negli anni fino al 1998. Inoltre, grazie ai loro ruoli e responsabilità sociali, le donne hanno anche accesso alle informazioni critiche. Ad esempio, le donne in Afghanistan e Irlanda del Nord sono state in grado di accedere alle reti di dati parlando con i membri della comunità. Secondo uno studio del Council on Foreign Relations del gruppo di esperti statunitensi, l’inclusione sostanziale di donne e gruppi della società civile in una trattativa di pace rende l’accordo del 64% meno probabile che fallisca e, secondo un altro studio, il 35% in più di probabilità di durare almeno 15 anni. Queste, tra le altre statistiche, mostrano chiaramente che la diversità di genere e l’inclusione delle donne nei negoziati di pace producono risultati migliori e di più lunga durata. Accordi di pace più duraturi, maggiore sicurezza umana e pari rappresentanza sono solo alcuni dei risultati della politica estera femminista e dell’inclusione delle donne nel campo della sicurezza.

Womenoften, altra potente associazione femminile, adotta un approccio collaborativo per il consolidamento della pace e si organizza attraverso divisioni culturali e settarie. È stato sostenuto che tale approccio – che incorpora le preoccupazioni di diversi gruppi demografici (ad esempio religiosi, etnici e culturali) colpiti da un conflitto e che hanno un interesse nella sua risoluzione – aumenta le prospettive di stabilità a lungo termine e riduce la probabilità di fallimento statale, insorgenza di conflitti e povertà. L’indagine scientifica sull’impatto della partecipazione delle donne alla sicurezza internazionale si sta espandendo. Ricerche recenti hanno anche dimostrato che la partecipazione delle donne alla risoluzione delle questioni nucleari è vantaggiosa, in quanto riduce il potenziale di comportamento a rischio e aumenta la probabilità che gli accordi negoziati possano essere sostenuti, fornendo al contempo idee innovative. Tuttavia, le donne rappresentano solo circa un quarto delle delegate ai colloqui internazionali di non proliferazione, meno della soglia indicata per le dinamiche di gruppo che cambiano abbastanza da portare a risultati migliori. Oltre a sottolineare il ruolo che le donne possono svolgere nel processo decisionale, nei negoziati di pace e nel mantenimento della pace, l’agenda del Wps si concentra anche fortemente sulla protezione delle donne e dei loro diritti in situazioni di conflitto. Nelle società che affrontano conflitti, le donne e le ragazze sono esposte a maggiori rischi di violazioni dei loro diritti umani, poiché la discriminazione tende a diventare più acuta.

I conflitti possono provocare livelli più elevati di violenza contro donne e ragazze, inclusi omicidi arbitrari, torture, violenza sessuale e matrimonio forzato. La necessità di disposizioni linguistiche e di genere sensibili al genere (e della loro attuazione) nell’ambito degli accordi di pace è una sfida determinante. Gli esperti hanno dimostrato che “la presenza di disposizioni di genere negli accordi di pace influenza la partecipazione delle donne nelle società post conflitto, nonché le possibilità che una società postbellica si sposterà verso l’uguaglianza di genere” e che “gli accordi di pace hanno significativamente più probabilità di avere disposizioni di genere quando le donne partecipano ai processi di pace delle élite e sono meglio rappresentate nei parlamenti nazionali e nella società civile.

L’importanza della partecipazione delle donne alla società civile è illustrata da numerosi esempi in Medio Oriente. Le donne israeliane e palestinesi hanno costruito a lungo coalizioni attraverso linee nazionali, etniche e religiose al fine di condurre sforzi non violenti per promuovere la sicurezza e l’accesso ai servizi di base. In Siria, l’Advisory Board delle donne ai negoziati siriani, un gruppo di rappresentanti indipendenti della società civile, ha sollevato questioni mancanti dall’agenda e ha contribuito a sviluppare posizioni politiche, ha formulato raccomandazioni per assistere i colloqui di pace e ha proposto prospettive di genere. Gli sforzi locali di successo condotti dalle donne siriane comprendono il monitoraggio e la documentazione delle violazioni dei diritti umani, l’istituzione di cessate il fuoco, la creazione di consigli politici locali e la distribuzione di aiuti umanitari. Osservazioni simili sul ruolo delle organizzazioni della società civile femminile sono state fatte nei conflitti in Colombia, Liberia e Tunisia.

Il Council on Foreign Relations ha messo insieme un database sull’inclusione delle donne nei negoziati di pace in tutto il mondo e sul ruolo che il loro contributo (o la loro mancanza) ha avuto. Nonostante l’evidenza che la partecipazione delle donne sia vantaggiosa, ci sono ancora evidenti disuguaglianze sia nella rappresentanza nei negoziati internazionali di pace, sia nelle politiche di aiuto e sviluppo per le donne in stati fragili. Tra il 1990 e il 2017, le donne hanno costituito solo il 2% di mediatori, l’8% di negoziatori e il 5% di testimoni e firmatari in tutti i principali processi di pace. Più sorprendentemente, solo due donne hanno mai servito come capo negoziatori di pace. Allo stesso modo, nonostante il ruolo che i gruppi di donne locali potrebbero svolgere nella prevenzione e nella risoluzione dei conflitti, tali gruppi ricevono solo una piccola percentuale dell’aiuto assegnato agli stati fragili dai principali donatori. 

Uno studio dell’Ocse del 2017 lo ha attribuito a significativi “punti ciechi nella comprensione dei donatori dei legami tra uguaglianza di genere, conflitto e fragilità”.  Nella prospettiva dell’Ue il tema delle donne negli affari esteri e nella sicurezza internazionale ha acquisito maggiore visibilità nelle istituzioni dell’Ue negli ultimi anni. Nel 2008 il Consiglio ha adottato l’approccio globale all’attuazione dell’Ue delle risoluzioni 1325 e 1820 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su donne, pace e sicurezza; nel 2010 ha adottato una serie di indicatori per monitorare l’attuazione dell’approccio globale nei settori della prevenzione, partecipazione, protezione, soccorso e recupero. Tra gli altri, gli indicatori includono il numero e la percentuale di donne mediatori e negoziatori, nonché il numero di gruppi della società civile femminile coinvolti nei negoziati di pace sostenuti dall’Ue. Gli indicatori sono stati rivisti e rivisti da allora, in particolare nel 2016. Nel 2018 il Consiglio ha accolto con favore il nuovo approccio strategico dell’Ue al Wps.

Nelle sue conclusioni, ha ricordato gli impegni dell’Ue e dei suoi Stati membri per la piena attuazione dell’agenda del Wps, assicurando che “sia pienamente integrato in tutte le politiche e gli sforzi dell’Ue nel promuovere l’importante ruolo dell’impegno delle donne a sostegno della pace sostenibile , sicurezza, diritti umani, giustizia e sviluppo”. Il nuovo approccio pone particolare enfasi sulla necessità di “impegnare, responsabilizzare, proteggere e sostenere donne e ragazze al fine di aiutare tutti i paesi a raggiungere la pace e la sicurezza sostenibili e durature come componenti intrinseche dei diritti umani e dello sviluppo sostenibile”. La promozione dell’agenda delle donne, della pace e della sicurezza è anche una priorità della dichiarazione congiunta sulla cooperazione Ue-Nato. Nel settembre 2018, l’Ue e il Canada hanno ospitato la prima conferenza dei ministri degli Esteri femminile, in cui erano rappresentati 17 paesi. L’incontro si è incentrato su temi quali l’emancipazione e la leadership delle donne, la prevenzione dei conflitti, la crescita democratica e l’eliminazione della violenza di genere. I partecipanti si sono impegnati a lavorare insieme e con i partner per costruire una rete di governi e organizzazioni della società civile per promuovere l’uguaglianza di genere e i diritti delle donne e lavorare per attuare gli impegni esistenti. L’Ue promuove questi obiettivi attraverso il suo quadro per la parità di genere e l’emancipazione delle donne attraverso le relazioni esterne dell’Ue (2016-2020), adottato nel 2015. Secondo l’alto rappresentante / vicepresidente, Federica Mogherini, al 1 ° febbraio 2019 le donne rappresentavano il 39,6% di tutti i dirigenti della Commissione europea. Il Servizio europeo per l’azione esterna (Seae) sta attuando la sua strategia di genere e pari opportunità 2018-2023 (approvata a novembre 2017), che mira a raggiungere un equilibrio di genere sostenibile a tutti i livelli in tutte le funzioni e tutte le categorie di lavoro nel Seae sia nella sede centrale di Bruxelles che nelle delegazioni dell’Ue. Sulla base di una relazione della Commissione del 2019 sulla parità tra donne e uomini nell’Ue, la rappresentanza generale di genere nel Seae è quasi uguale. Tuttavia, le critiche hanno indicato aree che potrebbero essere migliorate Ad esempio, solo una delle otto rappresentanti speciali dell’Ue per regioni e paesi in difficoltà è una donna, nonostante le prove di cui sopra degli effetti benefici delle donne nella mediazione. Secondo uno studio commissionato dal Parlamento europeo e condotto da Women in International Security (Wiis), la partecipazione delle donne alle missioni civili di gestione delle crisi dell’UE è aumentata di circa il 10% negli ultimi dieci anni, raggiungendo circa il 30% del personale. Inoltre, le missioni dell’Ue in materia di politica di sicurezza e di difesa comune (Psdc) attualmente comprendono consulenti di genere che forniscono consulenza strategica sull’integrazione della dimensione di genere. Lo studio individua diversi modi in cui l’Ue e i suoi Stati membri, nonché il Parlamento, possono rendere la gestione delle crisi dell’Ue più sensibile al genere e allo stesso tempo più efficace ed efficiente. Il Parlamento è stato un fervente sostenitore dell’agenda del Wps nelle sue risoluzioni annuali sulla Psdc. Più di recente, il 12 marzo 2019, ha adottato una risoluzione sullo sviluppo delle capacità dell’Ue in materia di prevenzione dei conflitti e mediazione, con una forte enfasi su donne, pace e sicurezza e in particolare sul rafforzamento delle capacità di genere nell’Ue in questo settore. Tra le altre cose, il Parlamento ha chiesto all’Ue di guidare gli sforzi nell’attuazione delle pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e di incorporare i principi in essa contenuti in tutte le fasi delle attività di prevenzione dei conflitti e di mediazione dell’Ue; per la piena parità di genere e la partecipazione delle donne durante il ciclo del conflitto; e per la sensibilità di genere nella formazione e nell’intervento. Per quanto riguarda i posti di rappresentanza e di leadership, le donne rappresentano il 40,4% dei membri all’interno dell’attuale Parlamento (2019-2024). Quando si esaminano i cinque comitati e sottocomitati che si occupano di affari esterni, il loro numero scende al 35,2%.

Ciò è in gran parte dovuto alla scarsa rappresentanza delle donne nella sottocommissione per la sicurezza e la difesa (nonostante la sottocommissione sia presieduta da una donna), un’osservazione coerente con i risultati della ricerca presentati nelle sezioni precedenti. Per quanto riguarda le delegazioni per le relazioni con i paesi terzi, che erano 39 nella precedente legislatura (2014-2019), 10 dei 39 presidenti di delegazione erano donne. Ricordiamoci bene che l’articolo 15, paragrafo 2, del regolamento del Parlamento europeo stabilisce che “è necessario garantire una rappresentazione equa globale delle opinioni politiche, nonché l’equilibrio di genere e geografico” nelle posizioni di comando; ciò vale anche per la distribuzione dei posti dei presidenti di commissione e dei vicepresidenti in virtù dell’articolo 213, paragrafo 3, del regolamento.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati