.Economia, Blog, Economia

Perché non è una rivoluzione copernicana l’accordo Confindustria-sindacati

di

Boccia confindustria

Le “Mille Battute” di Giuseppe Sabella, direttore di Think-in, esperto di Industria 4.0 e blogger di Start Magazine, sull’intesa tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil

La trattativa tra Confindustria e Cgil, Cisl e Uil in merito all’accordo generale è finalmente volta al termine anche se, per ora, si tratta di un’ipotesi di accordo.

I punti salienti – come già si diceva qualche giorno fa – sono due: assetti contrattuali e rappresentanza.

È questo tradizionalmente un tipo di accordo chiamato anche “modello contrattuale”, ma stavolta non c’è nessun modello visto che l’intesa arriva con ritardo e dopo che i contratti di settore sono stati rinnovati quasi tutti. Invece, circa rappresentanza e criteri di rappresentatività, le Parti si avviano unitariamente non solo alla definizione degli stessi – anche per la parte datoriale, e questa è una novità assoluta – ma anche al possibile recepimento del legislatore di un avviso comune o disegno di legge.

Non siamo in presenza di una rivoluzione copernicana delle relazioni industriali, va tuttavia richiamata l’importanza di questo accordo che – a pochi giorni dalla fine di una delle peggiori campagne elettorali che la storia ricordi – ci dice quanto il sindacato stia un po’ meglio della politica.

A proposito di politica, ora attendiamo la riforma fiscale. Il centro destra propone la Flat Tax. Avanti il prossimo…

Twitter: @sabella_thinkin​

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati