.Ambiente / Energia, Energia

Indice Green Economy, chi vince in Italia su energia, rifiuti e agricoltura

di

 

Trentino Alto Adige, Umbria e Marche hanno raggiunto le vette dell’Indice di Green Economy. Si tratta di un indice, elaborato da Fondazione Impresa, in grado di fotografare lo stato attuale della Green economy in Italia e utile per favorire lo sviluppo di azioni a sostegno dell’economia sostenibile.

L’indice di Green Economy, attraverso cui è possibile stilare una “classifica” delle regioni italiane, è frutto dell’incrocio di 21 indicatori di performance afferenti ai principali settori interessati dalla green economy: energia, imprese e prodotti, agricoltura, turismo, edilizia, mobilità e rifiuti.

Dalla classifica emerge un certo divario tra Nord e Sud. Alcuni dati sono sorprendenti, ad esempio quello dell’ “energia rinnovabile”, che esprime maggiori performance al Nord, nonostante la maggiore presenza di sole e vento nel Meridione. Tale dato testimonia una maggiore sensibilità rispetto alle tematiche ambientali e, probabilmente, maggiori politiche di sostegno allo sviluppo sostenibile nel Settentrione.

Non vanno però trascurati i risultati positivi raggiunti dal Meridione. La Campania è la regione che presenta il valore più basso di “carbon intensity”, parametro che misura il grado di emissioni responsabili del cambiamento climatico (247,9 grammi di CO2 emessa per € di valore aggiunto reale), seguita dal Trentino Alto Adige, Lazio, Marche, Lombardia, Piemonte e Veneto.

Nel settore “Imprese e prodotti” c’è maggiore varietà. Trentino Alto Adige, Puglia e Toscana sono prime per diffusione di licenze Eco – label, marchio europeo di qualità ecologica che premia i prodotti e i servizi migliori nell’ottica ambientale. Per ciò che concerne le certificazioni ISO 14001 – rilasciate alle organizzazioni e alle imprese che soddisfano i requisiti di un sistema di gestione ambientale – l’eccellenza è rappresentata dalla Valle d’Aosta che. con 875,5 certificazioni ogni 100 mila imprese, supera di molto Friuli Venezia Giulia (434,8) e Umbria (419,8).

Nel settore “agricoltura” troviamo di nuovo il predominio del Meridione. Calabria, Basilicata e Sicilia sono prime nell’indice di imprenditorialità biologica, rispettivamente con 367,7; 204,8 e 158,4 operatori nel biologico ogni 100 mila abitanti. Calabria, Lazio, Umbria, Sicilia e Puglia sono le prime 5 regioni italiane per superficie agricola destinata alle colture biologiche (rispettivamente con il 21,8%, 14,4%, 14,4%, 13,9% e 13,3% di superficie agricola bio su quella totale).

Infine, settore che merita di essere citato è quello dei “rifiuti”, dove primeggia il Nord – Est. Veneto, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia sono le regioni più virtuose in materia di raccolta differenziata, rispettivamente con il 62,6%, 62,3% e 57,5% sul totale dei rifiuti urbani, contro una media nazionale inferiore al 39,9%. Indietro il Meridione, con Calabria e Sicilia che chiudono la classifica con appena il 13,8% e il 13,3% di rifiuti urbani raccolti in maniera differenziata. (Silvia Martone)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati