.Economia, Economia

SuperMario: boom di download, ma pochi ricavi per Nintendo

di

supermario

SuperMario è in cima alla classifica dei download in ben 68 Paesi, ma i ricavi faticano ad arrivare. Crolla il titolo Nintendo

Super Mario, l’idraulico più famoso del mondo, figlio di Nintendo è finalmente disponibile sui dispositivi mobili. In poche ore è diventata, almeno secondo i dati della casa di ricerca SensorTower, riportati da Bloomberg, l‘app più scaricata: è in cima alla classifica dei download in ben 68 Paesi. Una buona notizia anche per le casse di Nintendo, penserebbe qualcuno: è vero, ma solo in parte.

SuperMario, se si guarda agli incassi, infatti, primeggia soltanto in 14 casi. L’azienda non può dunque dirsi soddisfatta e nemmeno i mercati. Le azioni della Nintendo sono crollate alla borsa di Tokyo, perdendo ben 4,2 punti percentuali. Crollano anche le azioni del partner DeNA Co., che ha sviluppato il gioco: il titolo ha perso sette punti percentuali.

supermarioCausa degli incassi così scarsi, nonostante il boom dei download forse è stata proprio la scelta commerciale di lancio. Ci spieghiamo: secondo quanto riportato da Bloomberg, infatti, Nintendo ha concesso agli utenti la possibilità di accedere a ben tre livelli del gioco gratis, solo dopo i giocatori dovranno pagare 9,99 dollari per sbloccare altri 21 livelli e altre caratteristiche avanzate. Dunque, se gli incassi ci saranno, si dovrà attendere che gli utenti finiscano i livelli gratuiti prima di passare alla versione a pagamento (ricordiamo che la maggior parte delle applicazioni permettono il download gratuito ma fin da subito prevedono il pagamento per ottenere componenti aggiuntive).

I frutti del lavoro, forse, Nintendo potrebbe vederli a marzo, quando, secondo Atul Goyal di Jefferies Group, Super Mario raggiungerà i 500 milioni di download e il 10% circa degli utenti sarà disposto a pagare per la versione integrale.

Previsioni ben diverse, invece, quelle fatte da Macquarie, secondo cui i download stimati a fine marzo saranno 200 milioni e gli utenti disposti a pagare saranno il 10%. Sicuramente a pesare sul successo di Super Mario è il fatto che tra i mercati da conquistare manca la Cina.

Articoli correlati