skip to Main Content

IIT, la scelta di Renzi per il dopo EXPO

Iit

IIT, proprio ieri il prestigioso istituto scientifico di Genova è stato indicato dal premier Matteo Renzi come principale interlocutore per dare vita alla cittadella dell’innovazione Italia 2040, nell’area dove ha avuto luogo l’EXPO. Scopriamo insieme cos’è l’Istituto Italiano di Tecnologia e quale ruolo può giocare nell’ambito della costruzione del polo che si occuperà del miglioramento della vita.

IIT Istituto Italiano di Tecnologia

IIT è un centro statale di ricerca scientifica nato nel 2003, governato da una fondazione privata. È stato creato per promuovere lo sviluppo tecnologico e la formazione avanzata nel nostro paese e si occupa principalmente di biofisica e nanotecnologie. Il modello di governance dell’istituto è stato plasmato prendendo a modello i 7 centri di ricerca internazionali più influenti a livello mondiale, che operano in diversi ambiti nel settore scientifico: Max Plank Institute, Fraunhofer e TNO in Europa; MIT, Scripps, Caltech in Usa; Waseda in Giappone. Il modello organizzativo dell’IIT si basa su principi come l’autonomia della ricerca, una definizione chiara e puntuale delle responsabilità, la flessibilità operativa, la valutazione costante dei risultati ottenuti attraverso organi di controllo indipendenti.

IIT l’attività

Scorrendo i risultati raggiunti dall’IIT ci si accorge che dal 2006 ad oggi l’istituto può vantare ben 6849 pubblicazioni nei settori in cui è attivo: robotica, scoperta e sviluppo farmaci, neuroscienze e tecnologie del cervello, nanochimica, nanostrutture, nanofisica. Probabilmente il riconoscimento mediatico più evidente, l’IIT lo ha avuto la sera del 23 giugno durante la diretta di Ballarò, nel corso della quale è stato presentato da Roberto Cingolani (direttore scientifico IIT) l’androide iCub, progettato e sviluppato dall’istituto; un robot ad altissima tecnologia, che potrebbe in futuro aiutare a risolvere anche problemi di cui ancora non conosciamo l’esistenza. Ma l’IIT è tanto altro, come il Travel Award di Attilio Marino, dottorando che a dicembre volerà negli Emirati Arabi Uniti per presentare i più recenti sviluppi delle tecnologie sulla stimolazione neuronale non invasiva, basata su ultrasuoni e nanomateriali piezoelettrici, capaci cioè di trasformare energia meccanica in energia elettrica. Per attrarre capitali, cervelli in fuga o meno e creare sinergie tra il pubblico e il privato, probabilmente questo è il modello migliore che Renzi avrebbe potuto scegliere. Se l’IIT riuscirà a trasferire la propria governance nel progetto Italia 2040 e a coabitare con le altre importantissime realtà tirate in ballo dal premier, ne vedremo delle belle.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore