.Economia, Economia

Criptomonete, servono (urgentemente) norme per la sicurezza degli scambi

di

criptomonete

Il settore delle criptomonete scosso da un nuovo furto. Servono norme globali e condivise per garantire  sicurezza degli scambi

 

Alle 2:57 di venerdì mattina a Tokyo, qualcuno ha hackerato il portafogli digitale dello scambio di criptovalute giapponese Coincheck Inc., diventando uno dei più grandi rapinatori della storia. Tre giorni dopo, il furto di circa 500 milioni di dollari in token digitali sta ancora influenzando i mercati di criptovaluta e gli ambienti politici di tutto il mondo.

Cosa è accaduto

Secondo il racconto di Coincheck, un ladro non identificato ha rubato 523 milioni di monete legate al progetto blockchain NEM. I gettoni, nel momento del furto, erano scambiati a circa 94 centesimi di dollaro USA. Solo verso le 11:00 di venerdì mattina, circa otto ore dopo la violazione, lo staff di Coincheck ha notato un allarme che indicava un forte calo delle riserve di monete NEM.

NEM-logoIl ladro ha potuto rubare una somma così grande di criptomoneta anche perché a Coincheck mancavano i protocolli di sicurezza di base. Il sito, infatti, conserva le risorse dei clienti in un cosiddetto portafoglio caldo, che è connesso a reti esterne. Generalmente, invece, i siti di scambio cercano di mantenere la maggior parte dei depositi dei clienti nei portafogli freddi, che non sono collegati al mondo esterno e quindi sono meno vulnerabili agli hacker.

Non solo. A Coincheck mancava la firma multipla, una misura di sicurezza che richiedeva più prima che i fondi potessero essere trasferiti.
“Vorrei davvero che avrebbero utilizzato il contratto multi-firma di NEM”, ha detto Jeff McDonald, vice presidente della NEM Foundation, in un video di Youtube . “Questo avrebbe risolto sicuramente diversi problemi.”

La piattaforma non aveva implementato le misure di sicurezza a causa “della difficoltà della tecnologia e della mancanza di personale in grado di svolgere il compito”, Wada, chief technology officer di Coincheck.

Il sito di scambi operava grazie ad un permesso, in attesa di una decisione finale da parte della FSA.

Clienti in protesta

Il furto ha scatenato il panico su Tv e social in Giappone, uno dei mercati di criptovalute più grandi del mondo. I clienti arrabbiati si sono radunati, nonostante il freddo pungente, fuori dal quartier generale di Coincheck.

Le promesse di rimborso risollevano i mercati

I Bitcoin e le altre monete virtuali stanno lentamente recuperando terreno, dopo il crollo di venerdì, grazie in parte alla promessa fatta da Coincheck di rimborsare in parte il denaro perso dai clienti. Nonostante questo, gli osservatori del mercato continuano a suggerire che non dovremmo dimenticarci di quanto accaduto e dunque continuare a preoccuparci per gli errori di sicurezza negli scambi di criptovaluta.

Coincheck, una delle piattaforme più grandi per gli scambi di criptovalute giapponesi, utilizzerà il proprio capitale per rimborsare i clienti, secondo una dichiarazione pubblicata sul suo sito web.

“L’impegno da parte di Coincheck per rimborsare gli investitori può almeno in parte spiegare il recupero dei prezzi NEM, ma può  Coincheck mantenre quella promessa?”, ha detto Bert Ely, responsabile della società di consulenza finanziaria Ely & Co. in Virginia. “Il tempo lo dirà”.

L’urgenza di una regolamentazione

Il furto, annunciato in una conferenza stampa, ha evidenziato un’urgenza: il settore delle criptovalute, in forte espansione, ha bisogno di una supervisione più severa, soprattutto in un momento in cui molti governi sono impegnati a trovare delle nuove modalità di regolamentazione.

“L’ultimo furto avrà due effetti immediati: una maggiore regolamentazione da parte delle autorità sugli scambi e un maggiore riconoscimento dei vantaggi offerti dalle modalità commerciali decentrate”, ha affermato a Bloomberg David Moskowitz, co-fondatore di Indte Pte a Singapore, che gestisce un social network per blockchain appassionati.

Non è certo il primo furto di criptomonete

Quello giapponese non è il primo caso di furto di criptomonete. La rapina si aggiunge a una lunga lista di furti. Ad agosto 2016, per esempio, quasi 120mila bitcoin furono i rubati dalla piattaforma Bitfinex, con sede a Hong Kong.

“Questi attacchi hacker su larga scala sono tra gli argomenti più discussi e affrontati dalla comunità globale di criptomonete”, ha affermato Henri Arslanian, Fintech e Regtech in testa alla PwC di Hong Kong.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati