.Economia, Economia

Come le Borse hanno accolto le parole di Draghi su inflazione e non solo

di

Il commento giornaliero ai mercati finanziari di Giuseppe Sersale, Strategist di Anthilia Capital Partners Sgr

Al quarto tentativo, l’S&P 500 ce l’ha fatta venerdì a superare il livello di 2730 e tornare sopra la media mobile a 50 giorni. Lo ha fatto con una seduta decisamente robusta (+1.6%), anche se dal punto di vista tecnico sarebbe stato meglio avere volumi in salita. Peraltro, in assenza di capovolgimenti di fronte finali, il progresso odierno conferma la rottura di venerdì. L’area 2700-2730 (range tra i minimi della scorsa settimana e la citata resistenza) diventa un’area di supporto sopra la quale l’indice è proiettato verso un test dei massimi di gennaio.

Interessante anche la price action dei treasuries, che con il buon recupero di venerdì hanno messo a segno una figura di inversione (hammer) sul grafico settimanale. Certo, la solidità della stabilizzazione dei tassi US subirà 2 importanti test nelle prossime ore, con la testimonianza di Powell, al suo esordio davanti al Congresso, seguita il giorno dopo dalla pubblicazione del PCE core trimestrale, all’interno della seconda stima del GDP US del quarto trimestre.

Naturalmente, la forza di Wall Street e il raffreddamento dei rendimenti US hanno favorito la seduta asiatica stanotte, con tutti i principali indici a mostrare performance positive.

A guidare il movimento, l’azionario cinese, che ha potuto contare su ulteriori iniezioni di liquidità da parte della PBOC, via reverse repo. Sul fronte macro, i prezzi delle case nelle principali 70 città hanno mostrato segnali di moderato raffreddamento a gennaio. Nel week end è emersa una proposta di modificare la costituzione, per permettere al Presidente di servire per più di 2 mandati. La proposta, che dovrà essere discussa nel People Congress che inizia il 5 marzo, non costituisce in assoluto una sorpresa, perché al Congresso del partito in autunno era già apparsa evidente l’assenza di un successore naturale di Xi Jinping tra i leaders eletti. In ogni caso si tratta di uno sviluppo ben visto dal mercato, perché dà stabilità alla guida del paese e lascia più tempo per portare avanti le riforme, senza doverle concentrare nei 5 anni del mandato residuo.

A parte ciò, dal congresso dovranno emergere i target di crescita, e le direttive di politica economica e fiscale per l’anno in corso. Positiva anche Tokyo, sebbene meno di quanto ci si potesse attendere vista la performance di Wall Street. Le dichiarazioni di Kuroda, secondo cui è essenziale che la BOJ continui l’attuale politica espansiva – e non vi è alcun proposito di procedere a una revisione della stessa – non sono riuscite a indebolire lo Yen. Moderati progressi dagli altri principali indici dell’area.

Tutto sommato, timida anche la reazione dell’azionario europeo al balzo di quello USA. Gli indici hanno aperto con progressi poco oltre il mezzo punto, e si sono attestati su quei livelli in attesa del pomeriggio, nonostante gli ulteriori progressi dei future sugli indici US. D’altronde, al termine di questa settimana abbiamo le elezioni italiane, e il voto interno al SPD per la formazione della coalizione con la CDU della Merkel. Alla luce dell’incertezza per l’outcome in Italia, e la ridotta ma non nulla probabilità di un incidente di percorso in Germania, un po’ di nervosismo è da mettere in conto nei prossimi giorni, e potrebbe costituire un modesto fattore negativo anche per l’euro. In ogni caso, il miglioramento del sentiment ha offerto supporto stamattina ai bonds periferici europei, che hanno visto i loro spreads stringersi nei confronti dei bonds tedeschi, rimasti più o meno stabili.

Vuoto il calendario macro europeo, ci ha pensato Draghi a fornire un po’ di emozioni con la sua testimonianza al Committee on Economic and Monetary Affairs al Parlamento Europeo. I toni del Presidente della BCE sono stati cauti: la crescita è sopra le attese ma l’inflazione deve ancora mostrare segnali convincenti di recupero e richiede ancora un elevato grado di stimolo per tornare al target. La guidance sui tassi è molto importante, e un’estensione del QE non è stata discussa. Nessun accenno volontario a una modifica della guidance nei prossimi meeting. Scarso l’impatto sui rendimenti (un temporaneo calo) mentre la divisa unica ha reagito di più, cedendo i guadagni della mattinata. Il calendario macro US ha offerto qualche spunto in più. Il Chicago Fed national activity index di gennaio ha deluso (0.12 da 0.14 e vs attese per 0.25) mostrando un’attività più vicina al trend (tenuto conto anche della revisione di dicembre), di quanto si stimasse. Brutto anche il dato di vendite di case nuove (-7.8% da -7.6% e vs attese per +3.5%), ma gennaio è un mese debole, il tempo è stato brutto, e i dati dei 3 mesi precedenti sono stati rivisti al rialzo. Buono, per contro, il Dallas Fed manufacturing di febbraio, a 37.2 da 33.4 e vs attese per 30).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati