skip to Main Content

Vaccinati ma senza green pass, l’odissea di migliaia di marittimi

Green Pass

L’attacco hacker alla Regione Lazio sta provocando ancora disagi per chi ha subito l’inoculazione a Civitavecchia. Secondo Guardia Costiera e Governo sono ancora 30mila i lavoratori del mare non immunizzati. L’articolo di Pietro Roth per ship2shore.it

Secondo una ricognizione effettuata dal comando generale della Capitaneria di Porto, dal Ministero delle Infrastrutture e delle Mobilità Sostenibili e dalla direzione generale della prevenzione del Ministero della Salute sono circa 30mila i marittimi italiani che non sono ancora stati vaccinati, neanche con una prima dose.

Un numero di persone di certo non trascurabile, anche se a tenere banco in questi giorni – a bordo nave e in banchina – è il caso di quei marittimi (diverse migliaia) che si sono sottoposti alla vaccinazione a Civitavecchia. Detto che nella stragrande maggioranza dei casi per questa tipologia di lavoratori, compatibilmente con l’anamnesi personale di ognuno di essi, è stato scelto di usare un vaccino monodose (quindi il Janssen sviluppato dall’americana Johnson&Johnson) per evitare problemi legati al richiamo da effettuare entro una certa data, probabilmente incompatibile con le esigenze di viaggio, il fatto è che molti di essi, pur essendo ormai passate diverse settimane se non mesi, non hanno ancora ricevuto il Green Pass, l’attestazione che certifica l’avvenuta vaccinazione e che ormai è diventata indispensabile per accedere a una varia gamma di luogo e di servizi.

Secondo quanto appreso da Ship2Shore, la causa di questo ritardo è dettata dall’attacco hacker subito dal sistema informatico della Regione Lazio (responsabile della profilassi) a inizio agosto. Un attacco che ha comportato ritardi e problemi nell’erogazione dei servizi e che – per i marittimi come per diversi altri cittadini – continua a comportare difficoltà nel rilascio, appunto, della certificazione verde.

Anche l’AdSP del Mar Tirreno Centro-Settentrionale, guidata da Pino Musolino, per quanto estranea alla vicenda a livello di responsabilità e operatività, ha sollecitato più volte le Autorità in merito, anche alla luce del particolare lavoro che svolgono i marittimi. Difficile ipotizzare, allo stato attuale delle cose, quando la situazione si sbloccherà. Al momento risultano infatti ancora fermi 23 dei 36 servizi collegati al sistema informatico oggetto dell’attacco, a oltre un mese dalla vicenda.

 

(Estratto di un articolo pubblicato su ship2shore.it)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore