Mobilità

Sorpresa, Elon Musk annuncia una Tesla sottomarina

di

Sarà come quella del film The Spy Who Loved Me della saga di James Bond, l’auto sottomarina di Tesla annunciata da Elon Musk

Il ceo di Tesla, Elon Musk, ha annunciato nell’ultima riunione degli azionisti la progettazione di un’auto sottomarina, simile a quella mostrata nel decimo film della saga di James Bond, «The Spy Who Loved Me» del 1977.

Non è certo la prima uscita ad effetto del numero uno del colosso di auto elettriche, anche se stavolta le dichiarazioni hanno avuto origine dalla domanda di un singolo azionista, che ha chiesto all’ad se la compagnia avrebbe mai realizzato una “macchina acquatica”.

La risposta di Musk è stata affermativa, con tanto di richiami alla vettura vista nella saga di James Bond, nel lontano 1977.

È quindi in arrivo una rivoluzione per i guidatori Tesla? Non esattamente, almeno non sul fronte sottomarini, visto che l’azienda – ha precisato il ceo – non ha intenzione di produrre un simile veicolo a scopi commerciali, ma potrebbe creare presto un modello da esposizione.

Nel corso dell’assemblea degli azionisti di mercoledì, l’amministratore delegato Elon Musk ha dichiarato che la compagnia sta progettando un’auto sottomarina, simile a quella mostrata nel film della saga di James Bond «The Spy Who Loved Me».

Non senza autoironia, Musk ha spiegato che, tecnicamente, avere un’auto sottomarina non è impossibile, sebbene – ha precisato – si tratterebbe di un mercato piuttosto ristretto:

“Gli utenti di un settore simile sarebbero pochi ma entusiasti. Per noi si tratterebbe di una distrazione, ma forse ne realizzeremo una come show car”.

Nella sua vita privata, il ceo di Tesla è effettivamente proprietario del «Wet Nellie», realizzato come sottomarino personalizzato dall’azienda Perry Oceanographic Inc., per l’utilizzo nella pellicola «The Spy Who Loved Me», partendo dalla base di una Lotus Esprit S1, nota auto sportiva degli anni ’70.

Al momento la compagnia è nel bel mezzo di una serie di progetti particolarmente costosi, tra cui lo stabilimento di Shanghai, la creazione di nuove linee di produzione del SUV crossover e la Model Y. La domanda relativa alla «macchina acquatica» ha chiuso l’incontro di ieri tra dirigenti Tesla e azionisti.

Durante l’abituale appuntamento, Musk ha assicurato agli azionisti che Tesla non ha “nessun problema di domanda”, evidenziando quanto sia impegnativo per un’azienda in così rapida crescita riuscire ad essere redditizia. In più, il ceo ha parlato dei piani della compagnia sul fronte guida autonoma e anticipato novità per i suoi camion.

 

Articolo pubblicato su money.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati