Mobilità

Perché Tesla sbanda nella cassa e delude gli analisti

di

Tutti i numeri del primo trimestre 2019 di Tesla

Tesla continua ad arrancare: mancano i soldi, ma continua a progettare e ad espandersi. Gli azionisti non vedono dividendi e cresce la preoccupazione per i continui target mancati.

I NUMERI DEL PRIMO TRIMESTRE 2019

Partiamo dai numeri, da dimenticare. L’azienda ha chiuso il trimestre con 2,2 miliardi di dollari in cassa, meno 1,5 miliardi rispetto all’ultimo trimestre del 2018 (920 milioni di dollari sono stati utilizzati per pagare il debito scaduto a marzo).

L’azienda ha annunciato un rosso, al netto delle voci straordinarie, di 2,9 dollari per azione. Un risultato in miglioramento da 3,35 dollari di un anno prima, ma un rosso che doppia le attese degli analisti, che prevedevano che la perdita si fermasse a 1,2 dollari.

RICARICA DI 2 MILIARDI DI DOLLARI

La scarsa liquidità, però, non frena i progetti della casa automobilistica. Proprio ad inizio anno, la società guidata dal visionario Elon Musk ha chiesto alle banche cinesi un prestito da 2 miliardi dollari per la realizzazione di una gigafactory a Shangai.

CONTINUA A BRUCIARE CASSA

I soldi che arrivano sono, però, solo un’iniezione momentanea. Tesla continua a bruciare cassa, a progettare e sognare in grande, mancando spesso gli obiettivi di produzione e vendita..

PROBLEMI DI CONSEGNE

Alle grandi ambizioni, infatti, non sembrano corrispondere i fatti. Anche le consegne sono crollate: la casa auto, tra gennaio e marzo, ha consegnato solo 63.000 vetture, quasi il 31% in meno delle 90.966 consegnate nello stesso periodo del 2018. Gli analisti si aspettavano quota 76.000. Tutta colpa, secondo la società, dei problemi distributivi in Europa e Cina, dove ha consegnato per la prima volta la model 3

IL GIUDIZIO DI GENUINE IMPACT

2 miliardi in cassa sono davvero pochi. Genuine Impact, che raggruppa oltre 3.000 aziende sulla base dei loro dati finanziari, assegna a Tesla un punteggio basso, sia per la disponibilità di cassa sia per il modo in cui l’azienda continua a spendere il denaro. Tesla, infatti, non paga dividendi agli azionisti, ma continua a mettere sul piatto denaro importante per l’espansione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati