Mobilità

Analisi costi-benefici su Tav? Troppo ragioneristica. Parla il prof. Cascetta (ex ministero Infrastrutture)

di

“Di sicuro i costi sono più certi e i benefici più incerti e non v’è dubbio che le valutazioni vadano fatte ma questo tipo di analisi è solo uno degli strumenti esistenti”. Intervista al professore Ennio Cascetta, coordinatore della Struttura tecnica di missione del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti tra il 2015 e il 2017

“Non è sufficiente fare un’analisi ragionieristica, ammesso poi che sia stata fatta bene e secondo me non è così”. Parola di Ennio Cascetta, ordinario di Pianificazione dei trasporti alla università “Federico II” di Napoli, coordinatore della Struttura tecnica di missione del Mit tra il 2015 e il 2017.

Cascetta parla dell’analisi costi-benefici redatta dalla commissione di esperti capitanati dall’economista Marco Ponti consegna al ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli (M5S): “Di sicuro i costi sono più certi e i benefici più incerti e non v’è dubbio che le valutazioni vadano fatte ma questo tipo di analisi è solo uno degli strumenti esistenti. Bisogna aggiungere altre considerazioni – oltre a quella dell’efficienza economica – ovvero territoriali, industriali, di equità. Insomma, si tratta di un criterio da usare insieme ad altri per contribuire a una decisione pubblica“.

“TAV È IN UN DISEGNO EUROPEO PER CREARE UN UNICO SPAZIO ECONOMICO E SOCIALE”

Peraltro il nostro Paese non è il solo interessato da questa grande opera e dunque una sua scelta non può prescindere da un contesto più ampio. “C’è un disegno europeo, è sbagliato e non è sufficiente fare un’analisi ragionieristica, ammesso poi che sia stata fatta bene e secondo me non è così. Mi sembra – chiosa Cascetta – che siamo di fronte a una sorta di sindrome di Asperger delle infrastrutture”.

L’impressione del professore, che è stato coordinatore della Struttura tecnica di missione del Mit tra il 2015 e il 2017, è che “si faccia politica con la p minuscola e invece occorrerebbe fare politica con la p maiuscola” ricordando che si punta “al sistema ferroviario per far diventare l’Europa un unico spazio economico e sociale“.

“L’ITALIA HA LA ‘CINTURA DI CASTITÀ DELLE ALPI”

Inoltre “potenziando le ferrovie per il trasporto delle merci – spiega – si è meno dipendenti dal petrolio e dalle lobby dell’autotrasporto e si può andare verso un sistema multimodale in cui il trasporto merci su ferrovia sia competitivo con quello stradale, cosa che oggi non esiste”. Con un treno lungo 750 metri e con carichi da 2.000 tonnellate, invece, il discorso cambierebbe parecchio.

“Il punto – prosegue Cascetta – è che l’Italia ha una sorta di cintura di castità rappresentata dalle Alpi: se non adeguiamo le vecchie gallerie del Frejus e del Brennero ai livelli moderni rimarremo chiusi fuori dal mercato europeo. La Svizzera, per esempio, si è costruita 54 chilometri di gallerie alpine investendo 30 miliardi”.

“CON NO ALLA TAV FRENO ALL’EXPORT”

Un altro elemento collegato strettamente, e che secondo l’esperto si continua a trascurare, è che “la nostra piccola ripresa economica, che peraltro si sta già congelando, si è basata tutta sull’export che è cresciuto tre volte rispetto al Pil” e i nostri principali Paesi di sbocco sono Germania, Francia e Spagna. “Se non consentiamo ai prodotti italiani di attraversare le Alpi, prevedendo tassi di crescita dei traffici adeguati, mettiamo a rischio l’intera economia”.

 

Estratto di un articolo pubblicato su Policymakermag.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati