Mobilità

Pnrr? L’Alta velocità è una chimera

di

trasporti Pnrr

Che cosa c’è e che cosa non c’è nel Pnrr sull’Alta Velocità per il Sud. L’intervento di Marco Foti

 

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, presentato in consiglio dei ministri lo scorso 12 gennaio, prevede che “il potenziamento della rete ferroviaria esistente e la realizzazione di nuove linee Alta Velocità e Alta Velocità/Alta Capacità lungo le principali direttici del meridione costituiscono un obiettivo primario per l’Italia, sia per rilanciare gli investimenti e la spesa pubblica nel settore delle infrastrutture e dei trasporti, sia in un’ottica di raggiungimento degli obiettivi europei di riconversione ecologica e decarbonizzazione”.

In sostanza si tratta della replica del Piano «#italiaveloce» in cui “viene giudicato prioritario l’intervento di velocizzazione della relazione Roma-Napoli-Salerno-Reggio Calabria con progressivo upgrading delle linee di connessione con la Basilicata (Battipaglia-Potenza-Metaponto-Taranto) e la Calabria”.

Si potrebbe pensare che finalmente il Governo si sia reso conto della necessità di offrire ai cittadini meridionali la possibilità di avere a disposizione un veloce collegamento con il centro – nord Italia. Invece no. E vi spieghiamo il perché.

La cosiddetta Avac (Alta Velocità/Alta Capacità) è quell’infrastruttura ferroviaria, oggi percorribile ad una velocità elevata (intorno ai 300 km/h), presente tra Milano e Salerno. Molto differente risulta l’Alta Velocità di Rete (AVR), ovvero quella infrastruttura che, attraverso interventi di velocizzazione, potrà raggiungere una velocità massima di 200 km/h, una rete in cui in sostanza possono viaggiare anche i servizi tradizionali.

Scoperto l’inganno: nell’allegato al DEF 2020 «#italiaveloce» gli interventi previsti sulla direttrice Salerno-Reggio Calabria sono caratterizzati dall’Alta Velocità di Rete (AVR) e non dall’Alta Velocità/Alta Capacità, cosi come previsto dai finanziamenti resi disponibili per la progettazione con il Decreto Rilancio per 40 milioni di euro. Per cui da Salerno a Reggio si potrà assistere, se tutto va bene, alla velocizzazione della linea che, ricordo, sarà promiscua con i servizi ferroviari tradizionali.

Non solo la Calabria ma tutto il meridione ancora una volta sarà tagliato fuori da quell’antico progetto disegnato dalla Commissione Europea che intendeva collegare i Paesi dell’Unione con la rete Ten-T.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati