Mobilità

Troppi pregiudizi sulle misure anti Covid in Italia. Parola di giornalista olandese

di

contagi asintomatici fase 2 mascherine misure coronavirus densità abitativa covid-19 tamponi mascherine tracciamento

Solo in Italia, in stazione, si misura a febbre e sui treni si rispetta la distanza di sicurezza. Il viaggio dalla Calabria all’Olanda che ha ribaltato alcuni preconcetti sui diversi paesi. Il post di Maarten van Aalderen, corrispondente del quotidiano olandese De Telegraaf per l’Italia

 

Un lunghissimo viaggio in treno, o meglio in treni, dall’estremo sud dell’Italia a un paese della Veluwe in Olanda ribalta alcuni preconcetti sui diversi paesi.

La regione suditaliana della Calabria è spesso considerata un territorio “perduto” sotto alcuni aspetti a causa della “ndrangheta” e dell’elevata disoccupazione. Ma alla stazione di Reggio Calabria la nostra temperatura viene misurata con la dovuta precisione. Se avessimo avuto la febbre saremmo stati bloccati.

Nel treno ben curato Frecciabianca da Reggio Calabria a Roma, i posti accanto a noi sono vuoti. Questa regola serve per rendere più difficile la diffusione del Covid 19 tra i passeggeri del treno. Il treno è puntuale. Anche il treno notturno in cuccetta dalla stazione di Roma Tiburtina a Milano Porta Garibaldi funziona perfettamente.

Quando arriviamo in Svizzera, nessuno ci misura la febbre. I treni svizzeri sono pieni. Il treno da Basilea verso i Paesi Bassi si ferma quasi immediatamente a causa di un problema tra Basilea e Friburgo. Aspettiamo più di due ore. Il caos è enorme. Un uomo nervoso con un berretto rosso corre avanti e indietro, ma nessuno capisce cosa vuole e cosa dobbiamo fare. Dopo molto tempo, due treni diversi vanno verso il nord. Non è chiaro quale dobbiamo prendere.

In Germania dobbiamo prendere altri treni. Sono tutti pieni e anche in questo caso la temperatura dei viaggiatori non viene mai misurata. I treni svizzeri e tedeschi, a differenza dei treni italiani Frecciarossa e Frecciabianca, non hanno un gel disinfettante per le mani. Solo quando il treno va dalla Germania ai Paesi Bassi un conducente annuncia finalmente che indossare la mascherina per coprire naso e bocca è assolutamente obbligatorio nei treni olandesi.

Nei Paesi Bassi il treno tra Utrecht e Amersfoort non transita a causa di problemi presso la stazione di Den Dolder. Il treno successivo da Amersfoort a Zwolle, un nuovissimo treno pulito e spazioso con un controllore cortese, è almeno un sollievo.

(Tratto dal profilo Facebook di Maarten van Aalderen)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati