Mobilità

Fca-Psa, ecco quanto incasseranno i consulenti di Mediobanca, Goldman Sachs e non solo

di

Stellantis cda

Le commissioni per i consulenti (come Mediobanca) coinvolti nel matrimonio tra Fca e Psa saranno almeno di 90 milioni di euro. Fatti, nomi e numeri

Galline dalle uova ‘oro. È questo quello che Fiat Chrysler Automobiles e Psa rappresentano, in questo momento, per banker e legali, ovvero per gli attori che stanno accompagnando le due case automobilistiche nelle trattative del matrimonio finanziario. In ballo ci sarebbero diverse decine di milioni di euro per tutti i soggetti coinvolti. Andiamo per gradi.

GLI ATTORI

A lavorare per quello che è stato già soprannominato il “deal” dell’anno ci sono le grandi merchant bank. Goldman Sachs è a fianco di Fca, con Lazard che assiste Exor, la holding della famiglia Agnelli controllante di Fca.

Psa, invece, si fa assistere da Morgan Stanley e da Mediobanca, attraverso la controllata francese Messier Maris & Associates (l’istituto è stata acquisito da Mediobanca lo scorso anno). Maris & Associates sarebbe stata fondata da due banker ex Lazard: Jean-Marie Messier e Erik Maris, che sarebbe amico di Carlos Tavares, attuale Ceo si Psa e ceo in pectore della società nascente.

NON SOLO GRANDI BANCHE

All’operazione starebbero lavorando anche altri istituti: la boutique Perella Weinberg di New York e la boutique francese Zaoui&C e d’Angelin&Co.

Gli studi legali Darrois Villey MaillotBrochier e Sullivn & Cromwell affiancano Fca.

COMMISSIONI: ALMENO 90 MILIONI

Soggetti coinvolti a parte, quello che fa notizia (almeno negl ambienti finanziari) sarebbero le commissioni, altissime a quanto si dice. Secondo quanto riporta MF – Milano Finanza, infatti, secondo alcune indiscrezioni il monte commissioni complessivo sarà di almeno 90 milioni di euro.

MEDIOBANCA RACCOGLIE I FRUTTI

Nome nuovo tra gli advisor è quello di Mediobanca, che raccoglie i frutti dell’acquisto del controllo del 66% di Messier Maris & Associès. Grazie alla sede parigina, infatti, l’istituto di credito italiano fondato nel 1946 per iniziativa di Raffaele Mattioli e di Enrico Cuccia, prenderà parte in quella che, se va in porto, sarà l’operazione di fusione più grande del 2019.

Fca e Psa sono a lavoro per un accordo vincolante per creare una società da 50 miliardi di dollari. Sarebbe la quarta casa automobilistica al mondo, un fatturato complessivo di quasi 170 miliardi di euro e un utile operativo ricorrente di oltre 11 miliardi di euro, sulla base dei risultati aggregati del 2018. Exor, la holding della famiglia Agnelli che controlla FCA con una quota del 29,2%, secondo gli accordi dovrebbe essere il principale investitore della nuova azienda automobilistica, con una quota del 14,5%.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati