Mobilità

Come le compagnie aeree si attrezzano per trasportare i vaccini anti Covid

di

compagnie aeree vaccini

Ritrosie, mosse e strategie di Koreain Air, Air France-Klm e non solo per trasportare i vaccini anti Covid. L’approfondimento di Reuters

 

Un recente sondaggio condotto da un’associazione di trasporto aereo di merci e da un gruppo di spedizionieri farmaceutici ha rilevato che solo il 15% dei partecipanti al settore si sente pronto a trasportare merci vicino ai -70 gradi centigradi (-94°F) richiesti dal vaccino Pfizer, mentre circa il 60% potrebbe soddisfare il requisito meno rigoroso di -20°C di Moderna.

In genere, le compagnie aeree utilizzano contenitori con materiali refrigeranti come il ghiaccio secco per il trasporto di prodotti farmaceutici, ma alcune non hanno controlli della temperatura, rendendo i prodotti suscettibili di eventi imprevisti come i ritardi dei voli.

Le compagnie aeree stanno ora valutando opzioni che vanno da un grande congelatore plug-in che può costare circa quanto una piccola automobile ad un contenitore multistrato che utilizza azoto liquido per spedire i vaccini che richiedono un congelamento profondo – scrive Reuters.

La potenziale domanda di imballaggi di fascia alta di questo tipo ha aiutato più che raddoppiato negli ultimi mesi le quote di specialisti del freddo in container come Cryoport e la tedesca va-Q-tec con sede in Germania.

“Con contratti diretti con cinque produttori di contenitori a temperatura controllata, Korean Air si è assicurata quantità sufficienti di contenitori. Per ora, siamo in procinto di firmare contratti con altri produttori di container”, ha dichiarato un portavoce di Korean Air.

Air France-KLM ha detto che si sta preparando per un test con uno dei produttori di farmaci – ha rifiutato di dire quale – che vedrà la spedizione di campioni fittizi a temperature bassissime, probabilmente via l’aeroporto Schiphol di Amsterdam.

Si utilizzerà scatole che porteranno fino a 5.000 dosi ciascuna, tutte raffreddate da ghiaccio secco, ha detto Béatrice Delpuech, responsabile del cargo speciale di Air France-KLM. Le spedizioni successive potranno anche utilizzare contenitori più grandi ultra-freddi noleggiati da va-Q-tec.

“Devono convalidare l’intera catena logistica da un capo all’altro, compreso il segmento del trasporto aereo”, ha detto Delpuech. “Abbiamo una task force dedicata che esamina ogni fase del processo con tutti i nostri team, per assicurarsi che non ci siano intoppi da nessuna parte”.

Ma una difficoltà nel trasporto di vaccini è che gli aerei possono trasportare solo una quantità limitata di ghiaccio secco – anidride carbonica congelata – che col tempo si trasforma in gas, spostando l’aria respirabile in cabina.

Tutti gli aerei widebody possono trasportare un massimo di circa 1 tonnellata di ghiaccio secco in contenitori refrigerati e isolati, secondo un libro bianco di DHL sul trasporto di vaccini.

“A seconda del tipo di aereo, di solito non ci sono più di pochi container a bordo allo stesso tempo”, ha detto Joachim von Winning, amministratore delegato di Air Cargo Community Frankfurt.

Per un’alternativa, Deutsche Post AG ha utilizzato i contenitori a capsule di Cyroport, che utilizzano azoto liquido per mantenere le merci fresche fino a -150C per un massimo di 10 giorni a supporto degli studi clinici sui vaccini, ha detto Patricia Cole, responsabile globale di DHL Global Forwarding per le soluzioni di gestione della temperatura. Anche se si tratta di una soluzione relativamente piccola, con solo centinaia di fiale in ogni contenitore, sono già iniziati preparativi più ampi.

Pfizer, che sta lavorando con DHL, FedEx Corp FDX.N e United Parcel Service Inc UPS.N per la distribuzione di vaccini negli Stati Uniti, ha dichiarato lunedì di aver lanciato un programma pilota di consegna in quattro stati per aiutarla a perfezionare il suo piano di spedizione nazionale e globale.

Il produttore statunitense di farmaci ha anche sviluppato scatole a temperatura controllata e dotate di GPS che utilizzano ghiaccio secco per mantenere il vaccino a circa -70°C per un massimo di 10 giorni. Ma i fornitori di soluzioni a catena del freddo, come la svedese Envirotainer, dicono che i cosiddetti contenitori attivi, che utilizzano motori elettrici per raffreddare il loro contenuto, sono più sicuri e più economici.

Un portavoce di Envirotainer ha dichiarato che la sua flotta di container attivi a temperatura controllata è il doppio di quella della concorrenza e che si sta preparando ad aumentare la sua capacità del 50%.

Va-Q-tec ha anche detto che nei prossimi mesi amplierà significativamente la sua flotta di container in previsione degli ordini per il trasporto del vaccino COVID-19. Le compagnie aeree sono diventate più dipendenti dalle merci per le entrate di quest’anno in quanto il numero di passeggeri è precipitato a causa delle restrizioni di viaggio dovute alla pandemia.

Secondo le stime di Accenture’s Seabury Consulting, l’introduzione di un vaccino a livello mondiale genererà 65.000 tonnellate di trasporto aereo di merci, ovvero cinque volte il commercio di vaccini aerei nel 2019. Ma le compagnie aeree ritengono che il potenziale del vaccino per consentire il ritorno ai viaggi normali sia la cosa più importante, ha dichiarato l’amministratore delegato di KLM, Pieter Elbers, in occasione di un evento del CAPA Centre for Aviation l’11 novembre.

“Penso che, nel complesso, per l’intero settore, il vaccino sarà molto più importante delle entrate derivanti dal trasporto merci”, ha detto.

(Estratto dalla rassegna di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati