Mobilità

Chi punta (con fondi europei) al terzo aeroporto del Lazio

di

aeroporto frosinone

Movimenti tra economia, imprese e istituzioni per spingere sul terzo aeroporto nel Lazio. Nomi, mosse e obiettivi dei promotori

Movimenti tra economia, imprese e istituzioni per spingere sul terzo aeroporto nel Lazio: i promotori chiedono un accesso ai fondi europei (Recovery Fund?) per una struttura ad impatto zero e che conterebbe già su tutta la logistica integrata, con la stazione Av diretta per Roma.

Capofila dei giovani startupper che stano seguendo il progetto è Tiziano Schiappa che un altro imprenditore (Giulio Blasi) ha dato vita a My Take It Srl e che hanno costituito già un comitato promotore per il terzo aeroporto della capitale.

A seguire il progetto dietro le quinte c’è Jacopo Signorile, il senior advisor di Kpmg che ha redatto il masterplan dell’aeroporto.

I promotori – secondo le indiscrezioni di Start Magazine – hanno già avuto interlocuzioni con l’Enac.

“Il ministero delle infrastrutture e trasporti indichi tra le priorità l’individuazione della Logistic Valley del Frusinate come asset da valorizzare per dare concretezza al progetto Italia Veloce della ministra De Micheli”: è questo l’appello dell’associazione per l’Aeroporto di Roma Frosinone (Aparf), che sta lavorando al progetto del terzo aeroporto del Lazio e primo hub per le merci nella macroregione che va dal Lazio meridionale, all’Abruzzo, al Molise, alle provincie di Caserta e di Napoli.

“Nel piano strategico nazionale che il Governo si appresta a presentare all’Europa, anche in vista dei finanziamenti per la realizzazione di opere infrastrutturali strategiche di lungo corso, va inserita la realizzazione del nuovo aeroporto di Roma Frosinone, quale conversione civile e commerciale dell’attuale aeroporto militare e con la immediata connessione all’intermodalità logistica esistente: incrocio delle autostrade A1 e A24, Asse attrezzato, stazione della Ferrovia Alta Velocità, piattaforma di interscambio con il trasporto su gomma”, auspica il comitato promotore dell’aeroporto.

“Si tratta – secondo l’associazione – di un hub sul quale l’interesse pubblico e privato è manifesto; la prossimità con i magazzini di smistamento Amazon, l’interazione con il polo agroalimentare e l’interesse espresso da RyanAir posizionano naturalmente il nuovo aeroporto, a 25 minuti di treno da Roma Termini, come il più indovinato investimento operabile per il rilancio dell’economia delle quattro regioni interessate, con l’impiego diretto e nell’indotto di circa tremila nuovi addetti”.

Come si può evincere dai documenti pubblicati sul sito www.aeroportodifrosinone.it, il progetto è entrato nella seconda fase di valutazione e sarà presentato al pubblico con un incontro calendarizzato con le autorità e i soci il 25 novembre.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati