Mobilità

Quanto costa Atac ai cittadini romani? Rapporto Istituto Bruno Leoni

di

Atac piani trasporto

Il report a firma dell’economista Andrea Giuricin, pubblicato sul sito dell’Istituto Bruno Leoni, in occasione del referendum consultivo dell’11 novembre a Roma sul trasporto pubblico locale

 

Negli ultimi 9 anni l’azienda pubblica è costata al contribuente circa 7 miliardi di euro tra sussidi e perdite.

seconda fig atac

Nell’ultimo biennio, ogni giorno che passa l’azienda di trasporto pubblico romana costa al contribuente circa 2,1 milioni di euro: un buco enorme. Il costo per vettura chilometro, al netto delle svalutazioni e ammortamenti (quello utilizzato come standard e che misura quanto costa fare circolare un mezzo per un chilometro) è in costante crescita nell’ultimo biennio. Se tra il 2013 e il 2015 vi era stata una leggera diminuzione del costo, sotto il mandato del Sindaco Raggi, tra il 2016 e il 2017, il costo per vettura chilometro è aumentato in maniera molto preoccupante e decisa.

atac 3

Da meno di 6 euro per vettura chilometro, si è arrivati ad un valore vicino a 6,5 euro. Un valore che rimane più che doppio rispetto ai più alti standard. Nei migliori casi europei, infatti, al netto di svalutazioni e ammortamenti esso è di poco superiore a 2 – 2,5 euro per vettura chilometro. Vale a dire che, se l’azienda fosse efficiente, sarebbe possibile un risparmio per diverse centinaia di milioni di euro l’anno.

atac 3 5

Ma da cosa deriva questo extra-costo? I costi del personale sono di gran lunga la voce più importante per l’azienda: addirittura pesano circa 12 volte il costo del carburante per far andare i mezzi. In particolare questa voce di costo vale ormai più del 51 per cento dei costi totali, in aumento di quasi 7 punti percentuali rispetto al 2014. E la decisione più assurda del concordato (quello che abbona il debito nei confronti dei cittadini romani) è di voler assumere nuovi dipendenti. Se facciamo un’analisi più puntuale possiamo vedere che i costi del personale per vettura chilometro sono in aumento nel corso del 2017. Lo stesso vale per i contributi che sono stati in crescita di quasi il 7 per cento. Se continuasse così l’azienda, potrebbe anche chiudere prima o poi il bilancio in positivo: basta continuare questo trend deleterio fatto di meno autobus e metropolitane e più sussidi pubblici.

atac 6

Il dato sul costo del personale è ancor più preoccupante dato il tasso di assenteismo in azienda, superiore al 12 per cento. Vale a dire che quasi 1500 persone al giorno non si presentano a lavoro. Lo stesso servizio sarebbe possibile farlo con circa 2500 persone in meno, ma è chiaro che in un’azienda pubblica che è un bacino elettorale ragionare in questi termini è impossibile. Per questo motivo, l’unico modo per far risparmiare tra i 400 e i 500 milioni di euro all’anno al contribuente italiano e romano è mettere chiunque gestisca il trasporto pubblico dinanzi alle sue responsabilità di fronte agli utenti, e quindi affidare il servizio solo se a chi è in grado di offrirlo rispettandone la sicurezza e la qualità e senza farlo diventare solo una fonte di sprechi. Questo richiede effettuare periodicamente gare trasparenti per l’assegnazione del servizio, e quindi separare la gestione dal controllo.

Come insegna anche Alitalia, la gestione di aziende pubbliche non è proprio il “punto forte” della pubblica amministrazione, che invece può mantenere un ruolo cruciale nel controllo del rispetto dei termini di servizio, se solo fosse affidato a un soggetto terzo rispetto ad essa.

Oggi, Atac non rispetta i contratti di servizio; non effettua le corse come da programmazione del Comune; ammette di non rispettare i requisiti di manutenzione dei veicoli; costa il doppio di quello che dovrebbe costare. In cambio, continua ad essere finanziata dai contribuenti, compresi i non romani, continua a non pagare i propri debiti, continua a peggiorare il servizio. La questione è solo in apparenza paradossale, mentre è del tutto comprensibile se si pensa, appunto, che Atac è un’azienda di proprietà di chi dovrebbe sanzionare il mancato rispetto dei termini di servizio: una situazione di evidente conflitto di interessi che continua a stagnare data l’assenza di un obbligo a rendere conto dei risultati. Se si vuole cambiare, non c’è altra via che quella di mettere a gara il servizio: si metterebbe fine a questo conflitto di interessi e, al tempo stesso, si inserirebbe uno strumento, la gara, di verifica periodica della qualità del servizio.

Il report completo. 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati