.Smart City / Mobilità, Mobilità

Il drone-taxi presentato al CES di Las Vegas

di

Il drone taxi è tra noi, presentato il primo modello al CES 2016 a Las Vegas, ecco come funzionerà.

Il drone taxi si chiama EHang 184 può trasportare fino ad una persona ed è, ovviamente, elettrico e ricaricabile in due ore. Ehang 184 è stato creato da un’azienda cinese con un design finalizzato non solo all’estetica ma anche e sopratutto alla sicurezza, per realizzare il sogno dell’umanità di poter volare, dicono gli ideatori. I droni sono stati oggetto di molta attenzione dal pubblico di CES2016 a Las Vegas che si chiude il 9 gennaio.

Con il drone taxi l’epoca dei droni potrebbe fare un ulteriore passo, con tutto quello che ne consegue (relativamente alla sicurezza dei nostri cieli, specialmente in un’epoca in cui si guarda ai cieli con molta diffidenza a causa del terrorismo). Su questo speciale drone può viaggiare una persona fino a 100 chili, fino ad un’altezza di 3500 metri, fino ad un massimo di velocità di 100 km orari. I fondatori di EHang 184 hanno parlato anche di un sistema di sicurezza che consente al drone di atterrare in caso di emergenza, ma questo sistema ancora non è pronto.

Il drone-taxi non si guida ma si manovra da remoto con una App che consente al velivolo di muoversi nei cieli, infatti non ci sono manubri o leve per guidare il drone. Per quello che riguarda i comfort segnaliamo aria condizionata ed un piccolo bagagliaio.

Le prove di guida di EHang 184 sono state condotte in Cina, a Guangzohu, a quote non alte. Per quello che riguarda il prezzo, il costo di questa moderna macchina volante dovrebbe aggirarsi sui due-trecento mila dollari. Resta da capire non solo chi lo comprerà, ma quale sarà il futuro dei droni che in America ora sono sottoposti a controlli e regolamenti da parte delle Autorità competenti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati